Detto tra noi

Lucchese, quale futuro?

giovedì, 24 marzo 2022, 14:49

di fabrizio vincenti

La salvezza, fatti i dovuti scongiuri del caso, inevitabili quando si parla di calcio, sembra davvero a un passo. Forse nemmeno a quello, a pensarci bene, perché per una serie di scontri diretti che coinvolgeranno le ultime in classifica in questa fase finale di stagione, i punti che la Lucchese ha raggranellato (con pieno merito, anzi persino pochi rispetto a quanto ha saputo mostrare) potrebbero essere sufficienti a garantire la permanenza in categoria. Che, bene sottolinearlo ogni volta, era l'obiettivo degli obiettivi, il passaggio fondamentale per garantire un futuro al club e al calcio a Lucca. Chiaro che l'appetito viene mangiando e i rossoneri, con un paio di vittorie da qui a fine stagione regolare (a proposito: ma cosa è passato in testa ai dirigenti della Lega Pro nel voler chiudere la prima parte del torneo entro aprile obbligando le squadre a un vero e proprio tour de force?); con un paio di vittorie, dicevamo, i play off potrebbero essere centrati, forse nemmeno dall'ultimo posto a disposizione. Per i rossoneri, un motivo in più per provarci e regalare, prima di tutto a se stessi, e poi a tutto l'ambiente il sapore dei play off, ormai sbiadito da tempo.

Ma a parte le questioni di campo, a tenere viva l'attenzione, e l'apprensione, della piazza è il futuro societario- Lo abbiamo detto e scritto più volte: gli attuali soci, con le modeste risorse a loro disposizione, stanno facendo il massimo. Per sognare più in grande, servirebbero forze nuove. E portafogli più capienti. Su questo fronte, però, anche ascoltando le parole rilasciate nei giorni scorsi da alcuni dirigenti, non paiono esserci novità di rilievo. Qualche contatto, sicuramente qualche impresentabile che si è avvicinato e cortesemente fatto allontanare, ma di piste concrete, al di là di alcuni rumors, prima di tutto quello che porterebbe ai soci di minoranza dell'Ascoli, si registra ben poco. E non è un buon segnale: il tempo per garantire un ingresso calibrato, non precipitoso comincia a sfumare. La questione si intreccia da vicino con il potenziamento della squadra per il prossimo anno, a partire dalle conferme dei giocatori che hanno fatto bene. Le preoccupazioni cominciano a affiorare tra i tifosi che vorrebbero qualche sprazzo di serenità in più e, se non è troppo, poter alimentare qualche piccolo sogno. A Lucca è proprio impossibile? 



Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 24 giugno 2022, 15:01

Futuro societario: vietato sbagliare

La pratica relativa all'iscrizione al prossimo campionato della Lucchese è stata conclusa, persino con leggero anticipo rispetto alle scadenze federali. Nonostante in tanti discorsi che abbiamo sentito fare, per parte nostra non abbiamo dubitato nemmeno per un attimo che potessero esserci problemi di questo genere.


giovedì, 26 maggio 2022, 14:42

Cara società, sul marchio evita di sommare a un errore un orrore

Siamo rimasti francamente stupiti, e in parte sconcertati, dalla notizia della richiesta da parte della società rossonera di acquisire lo storico logo della Lucchese che da circa 10 anni è nelle mani sicure di Lucca United, la cooperativa dei tifosi che lo rilevò in occasione del secondo fallimento pagandolo circa...



domenica, 1 maggio 2022, 20:20

Il futuro è adesso

E' finita. La stagione 2021-2022 va in archivio dopo la sconfitta nella prima gara play off di Gubbio. E' finita come è cominciata, ovvero con la sensazione e qualcosa di più che la Lucchese sia in grado di divertire, di praticare un bel gioco e che magari difetti nella fase...


venerdì, 15 aprile 2022, 07:21

Play off, arriviamo!

Cinque anni, sono passati cinque anni dall'ultima partecipazione della Lucchese a una gara play off. All'epoca sulla panchina rossonera c'era Giovanni Lopez: Arezzo, Albinoleffe, Parma, cinque scontri che riaccesero le speranza di poter sognare nei tifosi rossoneri che, soprattutto contro i ducali, riempirono il Porta Elisa come da tempo non succedeva.