Detto tra noi


Detto tra noi

Il bello viene ora

venerdì, 21 giugno 2024, 12:17

di fabrizio vincenti

Soltanto chi parte con una prevenzione di base può pensare che il nuovo direttore sportivo rossonero, Claudio Ferrarese, sia inadeguato, vista la relativa esperienza maturata sinora in questo ruolo. Al di là del fatto che, anche nel recente passato, ci sono giovani che si sono subito ben distinti, ci pare ingeneroso e ingiusto nei suoi confronti. A lui vanno, ovviamente, i nostri migliori auguri di buon lavoro. Una cosa, però, si può dire. E ciò che la società ha deciso, come aveva del resto fatto lo scorso anno, di puntare su una scommessa, su di un prospetto che, se tutto andrà bene, inizierà da qui la sua avventura ad un certo livello come dirigente. Solo il tempo ci dirà se la scelta è stata azzeccata, e quale sarà il reale peso del nuovo diesse nelle scelte. Quello che è certo, è che il patron Bulgarella, dopo mesi di assenza giustificata, pare davvero avere tutte le intenzioni di riprendere in mano le redini di una situazione che, anche grazie alle persone di cui si era circondato, gli era completamente (o quasi) sfuggita di mano. Quanto il suo diretto intervento, come più volte annunciato nel corso di alcune interviste che ci sono parse in fotocopia se si guardano i proclami e i sogni, se avrà un effetto benefico o meno questo è tutto da... 


Detto tra noi

Il Gattopardo

giovedì, 6 giugno 2024, 09:30

di fabrizio vincenti

Il presidente Bulgarella, da buon siciliano, conosce sicuramente a memoria il capolavoro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ovvero Il Gattopardo. Dunque, citarlo per rappresentare l'attuale situazione della Lucchese, ci pare quasi inevitabile. Sono passati ormai quasi quindici mesi da quanto l'imprenditore (di indubbio successo) del settore alberghiero ha rilevato la società rossonera in un contesto ambientale improntato a grandi speranze e decisa apertura di credito verso il nuovo arrivato. Speranze rafforzate dalle parole dello stesso presidente e dei suoi più stretti collaboratori di un futuro ambizioso, ricco di successi, basato su strategie di lungo periodo, in grado di valorizzare quel settore giovanile da venti e passa anni in caduta libera. Lasciamo ai lettori giudicare se di tutto questo ha preso corpo una sola cosa. Personalmente la nostra idea ce la siamo fatta. Ed è improntata allo sconforto. In quindici mesi non abbiamo visto un solo gesto (a meno che non si venga a parlare della ricapitalizzazione concretizzata con l'inserimento di un albergo chiuso da tempo immemore nel patrimonio della società, oppure, ma saremmo ad un imbarazzante ridicolo per l'avvenuta iscrizione) che vada in una direzione chiara e tranquillizzante. La Lucchese non ha un importante patrimonio giocatori su cui ripartire (quasi tutti i protagonisti o erano in prestito, a partire da Yeboah e Cangianiello, o sono in scadenza e tutto lascia immaginare che non rinnoveranno). In rosa, con contratti pluriennali, restano, prima di tutto, calciatori poco impiegati o che, purtroppo, hanno...


Detto tra noi

La fiera dell'ovvio

domenica, 5 maggio 2024, 09:00

di fabrizio vincenti

Abbiamo atteso a commentare la conclusione del campionato, perché era annunciato un intervento della società, più volte rinviato durante la settimana appena conclusa e giunto solo sul finire di essa.  Ci saremmo immaginati che quello che resta della struttura rossonera dopo l'allontanamento di direttore generale (pardon, dimissioni) e l'esonero del direttore sportivo avrebbe trovato il modo di fare il punto sulle tante questioni aperte. A partire da un bilancio della stagione, ma anche e soprattutto con un occhio al futuro. C'è praticamente da ricostruire tutto, e non era facile gettare via un anno intero così. Servono nuove figure in società (c'è praticamente il solo part time di Lo Faso con il trolley sempre nella mano), servono giocatori in larga parte nuovi, si dovrà trovare il modo di rilanciare l'allenatore che esce, piaccia o no, meno forte di quello che era a luglio scorso, serve recuperare il rapporto di nuovo ai minimi termini con i tifosi, serve cambiare passo con la comunicazione che a tratti è stata imbarazzante, servirebbe capire come si intende rilanciare il settore giovanile dopo le parole semplicemente retoriche del giugno scorso. E servirebbe anche capire se il presidente, al di là delle chiacchierate settimanali su un quotidiano, quasi una rubrica ormai, ha voglia e possibilità di continuare a impegnarsi nella Lucchese. Serviva tutto questo e invece ci siamo trovati a leggere un comunicato stampa partorito dopo giorni e giorni di attesa che non dice nulla. Che pare...


Detto tra noi

Chi fa cosa

giovedì, 4 aprile 2024, 16:23

di fabrizio vincenti

Chi ci segue con costanza sa benissimo che non ci siamo mai scagliati contro chi è stato sconfitto o chi è in qualche modo uscito di scena. Non lo abbiamo fatto nemmeno una volta terminate gestioni semplicemente vergognose del più o meno recente passato, non abbiamo alcuna intenzione di farlo adesso che il direttore generale si è dimesso (o qualcuno sostiene indotto alle dimissioni) e il direttore sportivo rossonero rimosso. Il nostro ragionamento non ha nulla collegabile a quello che è ormai alle spalle, quanto al presente e, soprattutto, al futuro. Sono passati quasi venti giorni dal momento in cui due delle figure apicali della Lucchese hanno fatto le valigie. Ci attendevamo che qualcosa succedesse, come peraltro molti di voi, a maggior ragione dopo i tuoni e fulmini scagliati dal presidente Bulgarella per il tramite di una intervista. Ma abbiamo sempre pensato che la scelta di decapitare i vertici aziendali, oltre che a nascere dal tentativo di migliorare una situazione evidentemente non soddisfacente della stagione, venisse accompagnata da nuovi ingressi. A distanza, come dicevamo, di quasi venti giorni, tutto tace. Con uno scarno comunicato, uno dei pochi ufficiali di questa società che sul piano della comunicazione ha amplissimi margini di...


Detto tra noi

Caro amico ti scrivo...

giovedì, 7 marzo 2024, 14:13

di fabrizio vincenti

Caro Beppe, ho finito di piangere, il primo impulso, inutile nascondersi, è sempre quello: dare sfogo alla sofferenza, alle emozioni attraverso le lacrime. Si fa un bel dire che tutti sapevamo, tu per primo, che la Signora in Nero stava arrivando. Ma una cosa è saperlo, pensarci, soffrirci, un'altra è sentire il suo brivido che ti arriva alle spalle di prima mattina o, come per te, esserne investito in pieno. Le lacrime sono inevitabili, il dolore intenso, l'esserci preparati conta poco. Non è questo il punto, infatti: il punto è che devo asciugare le lacrime. Per forza. Te lo devo, te lo dobbiamo, perché se dovessi portarmi qualcosa di te, mi porterei il tuo umorismo, la tua voglia di vivere e di sorridere. Non certo le lacrime. Non so più quanti anni di amicizia ci legano, probabilmente oltre 40, qui il tempo vola. E mi pare ieri che ti ricordo a Civitavecchia, in un pomeriggio segnato da un caldo africano. Tu in basso, ovviamente a tifare, io vicino a Maida a dar vita alla mia solita ritualità scaramantica, fatta di mancati respiri, di frasi ripetute, di movimenti del corpo, di silenzi assoluti. Eravamo alla metà degli anni '80, e in quel bunker che è la tua edicola si andava per segnarsi per le trasferte e acquistare i biglietti per le...


Detto tra noi

Una società "ambiziosa"

giovedì, 29 febbraio 2024, 14:34

di fabrizio vincenti

"In questa fase di transizione verso il perfezionamento del closing ci concentreremo sulla pianificazione di un adeguato progetto di rilancio”, così spiegava Ray Lo Faso nella nota ufficiale in cui si conferma il passaggio della società rossonera dalle mani dei quattro soci a quello del gruppo Bulgarella. Era il 9 febbraio del 2023. Nelle stesse ore, il presidente Bulgarella, accolto con grande affetto dai tifosi rossoneri al Museo Rossonero, spiegava: "Il calcio non è un'azienda come un'altra: è prima di tutto dei tifosi, dobbiamo creare gli strumenti per dare soddisfazione a chi merita più degli altri. Se si devono fare cose del genere, non ci ci si deve vantare e essere al servizio: siamo all'inizio di un percorso. Non volevo nemmeno venire, abbiamo un contratto, dobbiamo fare i fatti. Io sono un sognatore nella vita. nel lavoro e nello sport, ma per sognare si deve crederci e metterci il cuore perché si realizzino. Il settore giovanile? C'è tutta l'intenzione di dare vita a un settore giovanile importante". Un mese dopo, era il 16 marzo del 2023, al Real Collegio, in occasione della formalizzazione del passaggio davanti al notaio, sempre Lo Faso ribadiva alcuni concetti: "La forza del fare è quello che si è fatto: in utile fare proclami, sicuramente daremo molta importanza al settore giovanile, sia come marketing territoriale, sia come servizio alla città, sia per la prima squadra. A livello societario dovremo avere una compagine forte, anche grazie a chi ci ha lavorato sinora, difficilmente sennò arrivano i risultati...



Ultime notizie brevi


venerdì, 21 giugno 2024, 18:47

Qui Ferrara, Dossena è il nuovo tecnico

Il nuovo tcnico della Spal è Andrea Dossena, nella scorsa stagione alla guida della Pro Vercelli: lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa il presidente degli estensi Tacopina.


giovedì, 20 giugno 2024, 15:27

qui Pontedera, gli ex rossoneri Espeche e Martinelli rinnovano

Gli ex rossoneri Marcos Espeche e Riccardo Martinelli hanno rinnovato il loro contratto anche per la prossima stagione con il Pontedera.



martedì, 18 giugno 2024, 15:38

L'ex rossonero Igli Vannucchi: "Se mi contattasse Bulgarella, sarei entusiasta di tornare alla Lucchese"

L'ex calciatore Ighli Vannucchi ha rilasciato alcune dichiarazioni alla testata sportiva News.Superscommesse.it. Nell'estratto di questa lunga intervista esclusiva, Vannucchi ha trattato il tema Lucchese, squadra in cui è cresciuto e che gli ha permesso di esordire da professionista.


lunedì, 17 giugno 2024, 22:12

Coppa Disciplina, la Lucchese è al 38° posto

La Lega Pro ha reso nota la classifica della Coppa Disciplina della stagione da poco conclusa: la Lucchese si piazza al 38° posto tenendo conto di tutti e tre i gironi. La formazione più "buona" in assoluto è risultata il Sestri Levante, quella colpita dal maggior numero di provvedimenti disciplinari...