Matches

Chi è causa del suo mal...

domenica, 18 settembre 2022, 17:04

di diego checchi

A Fiorenzuola arriva una sconfitta che brucia, soprattutto perché, a nostro avviso, la Lucchese avrebbe dovuto essere più cinica e spietata sotto porta. Chiaramente, poi, l'episodio del rigore nel primo tempo ha messo i padroni di casa in condizione di poter gestire la partita. I rossoneri hanno cercato con tutte le proprie forze di pervenire al pareggio ma evidentemente non è bastato e anche rispetto alla gara di mercoledì sera, il ritmo dei ragazzi di Maraia è stato più basso. E' una sconfitta che brucia anche perché, con tutto il rispetto per i padroni di casa, la Lucchese ha un tasso tecnico superiore e avrebbe dovuto dimostrarlo più chiaramente. 

Il tecnico Maraia ha cambiato diversi interpreti come aveva annunciato ieri in conferenza stampa ma non è stato sicuramente questo il problema, perché la Lucchese non è mai riuscita a pareggiare e a vincere una gara che era alla portata. Si conoscevano i punti di forza del Fiorenzuola ed infatti la squadra di Tabbiani ha giocato più che altro di rimessa sfruttando gli esterni con l'ex Sartore e Morello che hanno messo in difficoltà la difesa rossonera.

Nel secondo tempo il trainer rossonero, avendo visto che Romero, per carattersitiche, era in netta difficoltà contro gli avversari, ha inserito Bruzzaniti accanto a semprini tenendo il 4-4-2 ma l'ex Crotone e Pro Vercelli è più abituato a giocare da esterno che da seconda punta e non è riuscito a esprimersi al meglio. Maraia ha giocato anche la carta Ravasio ma il risultato non è cambiato. Adesso il tecnico dovrà cercare di trovare al più presto una formazione tipo su cui poter girare alcuni interpreti, visto che ha avuto modo di valutare tutta la rosa.

Altro rammarico di oggi, a parte la sconfitta, è l'infortunio muscolare di Franco che dovrà essere valutato in settimana. Questo, a nostro avviso, è un giocatore fondamentale nell'economia della squadra, soprattutto per mantenere equilibrio e fare interdizione. Insomma, cosa dire, c'è da migliorare sotto ogni aspetto, resettare subito perché sabato prossimo alle 17,30 al Porta Elisa arriverà un avversario tutt'altro che facile, il Rimini. Un plauso va fatto ai tifosi che hanno raggiunto Fiorenzuola e hanno incitato dal primo al novantesimo la squadra.

Andando alla cronaca della partita, la prima occasione per i rossoneri è stata al 12' quando Visconti, dopo aver intercettato un passaggio, ha cercato di piazzarla nell'angolino ma la palla è uscita di poco sopra la traversa. Sul ribaltamento di fronte Sartore è riuscito a calciare da posizione defilata dopo una lunga discesa ma ha trovato pronto Cucchietti. Al 16' Semprini, ben imbeccato in area da Visconti, non è riuscito a superare Battaiola. Al 29' D'Alena ha toccato con il braccio la conclusione in rovesciata di Mastroianni, l'arbitro ha concesso senza dubbi il calcio di rigore che Stronati ha trasformato senza lasciare scampo al numero uno rossonero. 5' Visconti ha trovato ancora un volta Semprini sulla corsa, l'attaccante romano è riuscito a coordinarsi per calciare ma la sua conclusione è finita fuori. Al 46' Romero ci ha provato dal limite, ma il suo tiro è stato debole e centrale, nessun problema per il portiere locale. 

Nella ripresa, dopo soli 3' Di Quinzio si è reso protagonista rubando palla e percorrendo quasi tutto il terreno di gioco, ma arrivato in area ha sparato su Battaiola. Alla mezz'ora Morello ha calciato dal limite ma Cucchietti non ha avuto problemi a bloccare la sfera. Al 34' Mastalli ha lanciato Bruzzaniti che è riuscito a calciare al volo ma il portiere è riuscito a respingere, sugli sviluppi dell'azione Quirini ha colpito il palo con un tiro dal limite.

Fiorenzuola - Lucchese 1 - 0  

Fiorenzuola: 12 Battaiola, 4 Potop, 8 Stronati (35' st 26 Di Gesù), 9 Mastroianni (10' st 70 Giani), 10 Sartore (27' st 7 Mamona), 14 Oneto, 16 Quaini, 20 Oddi, 21 Morello (35' st 5 Frison, 23 Currarino, 45 Danovaro. A disposizione: 1 Sorzi, 17 Anelli, 18 Coghetto, 19 Sussi, 24 Arduini, 29 Areco, 30 Monica, 31 Fiorini. Allenatore: Tabbiani. 

Lucchese: 22 Cucchietti, 2 Alagna, 5 Bachini, 6 Tiritiello, 8 Tumbarello, 9 Romero (1' st 17 Bruzzaniti), 10 Semprini, 14 Quirini, 16 Franco (10' pt 21 D'Alena, 16' st 24 Mastalli), 19 Visconti (16' st 7 Rizzo Pinna), 35 Di Quinzio (27' st Ravasio). A disposizione: 12 Galletti, 3 Maddaloni, 4 Ferro, 11 Bianchimano, 18 D'Ancona, 20 Catania, 23 Benassai, 26 Merletti. Allenatore: Maraia. 

Arbitro: Sig. Bozzetto di Torino.

Assistenti: Sig. El Filali di Alessandria e Sig.ra Signorelli di Paola.

Quarto ufficiale: si Sfira di Pordenone.

Note. Ammoniti: 26' st Bruzzaniti (L), 29' st Battaiola (F), 42' st Giani (F). Angoli: 4 - 6

Reti: 30' pt rig. Stronati (F).

 



Altri articoli in Matches


sabato, 4 febbraio 2023, 17:03

Il gol di Panico non basta per tornare alla vittoria

I rossoneri, alle prese con assenze pesanti, colgono un punto sul campo non facile della Torres, dove passano in vantaggio con Panico, sfiorano il raddoppio con Bruzzaniti, ma subiscono la reazione dei padroni di casa che nel finale pareggiano e sfiorano più volte il colpo del ko: commento, tabellino e...


martedì, 31 gennaio 2023, 23:13

La Lucchese non fa gol nemmeno con le mani

I rossoneri, totalemente incapaci in fase realizzativa, sprecano una decina di palle gol nitide di fronte a un San Donato Tavarnelle che ha giocato a viso aperto impegnando più volte Cucchietti. Lucchese a secco di vittorie in casa ormai da tempo: commento, tabellino e foto



sabato, 28 gennaio 2023, 20:31

Non mancano certo i rimpianti

La Lucchese fa decisamente meglio dei padroni di casa del Rimini, si porta in vantaggio con Mastalli, ma non chiude la gara e subisce il pari a inizio ripresa. Poi ancora tre occasione per vincere, tutte mancate, clamorosa quella fallita da Rizzo Pinna. Commento, tabellino e foto


domenica, 22 gennaio 2023, 19:58

Grave passo falso

La Lucchese si arrende al Fiorenzuola, che veniva da quattro sconfitte consecutive, e perde ancora una volta l'occasione per dare una svolta al suo campionato. Nonostante la girandola dei cambi, non arriva nemmeno il pari: commento, tabellino e foto