Galleria Rossonera

Mister Morgia: "Lucca non si deve accontentare dei play off"

martedì, 10 maggio 2022, 12:41

di diego checchi

Massimo Morgia elogia il lavoro della dirigenza e in particolare di mister Guido Pagliuca. Quando parla il tecnico romano, ma lucchese d’adozione, le sue parole non sono mai banali perché lo riteniamo un grande maestro di calcio e soprattutto uno di quei personaggi che ne ha viste veramente tante e che ha ancora voglia di mettersi in gioco, o in panchina, o alla guida di un settore giovanile. 

Che cosa pensa del raggiungimento dei playoff da parte della Lucchese?

“È un giusto premio al grande lavoro fatto da Bruno Russo e da tutti gli altri, dallo staff tecnico capitanato da Pagliuca. È stata sicuramente una bella cosa che ha ravvicinato la gente allo stadio”.

Che impressione le ha fatto vedere così tante persone nella trasferta di Gubbio?

“Credo si sia ricreato quel clima che c’era a Lucca parecchi anni fa e che ultimamente si era perso, un po’ la pandemia, un po’ per i risultati sportivi. Sono contento che si sia ritrovato un bel feeling tra squadra e pubblico, perché la cosa più importante di questo sport è giocare per i tifosi e quelli rossoneri si meritano tante soddisfazioni”.

Che cosa pensa del lavoro svolto da Pagliuca?

“Guido lo conosco da una vita. È un passionale e molto preparato che fa giocare le sue squadre aggressive con palla a terra. Infonde carattere sia ai giocatori che all’esterno. Questo riavvicinamento è dovuto anche grazie al carattere di Guido e se fosse meno impulsivo sarebbe un allenatore da categorie superiori, anche se questa non vuole essere una critica”.

Che campionato è stato quello della Serie C di quest’anno?

“Secondo me, negli ultimi anni si è peggiorati in ogni categoria. Si è perso il lavoro di base anche se quello di Serie C rimane un campionato importante, ma ci sono regole sballate che andrebbero sicuramente cambiate, è stato un capolavoro”. 

La società ha dato un input molto importante sulla programmazione a Pagliuca: cosa pensa?

“Penso che alla base di tutto ci siano i tecnici, se ovviamente ci si crede. Penso che su Pagliuca, la società abbia dimostrato di crederci tanto. Sono anche convinto che la piazza di Lucca non si debba accontentare dei playoff, bensì fare dei campionati di vertice perché ha un pubblico che si merita quanto meno la Serie B”.

Parlando di lei, che cosa vede nel suo futuro?

“Sono venuto via da Trapani circa un mese fa perché i programmi non coincidevano con le mie ambizioni sia tecniche, che mentali. Di base mi piace costruire e se non ci sono programmi ben delineati, preferisco salutare e ringraziare lasciando perdere un contratto. Non ho mai lavorato per soldi e non lo farò mai. Per quanto riguarda il mio futuro, devo dire che ho una certa età, la panchina mi manca sempre ma il mio sogno è quello di poter chiudere la carriera dove sono partito e cioè guidare un settore giovanile, anche vedo che nel calcio è sempre più difficile. Vedremo cosa succederà più avanti”.

 



Altri articoli in Galleria Rossonera


lunedì, 23 maggio 2022, 18:10

Mister Fracassi: "I tifosi hanno capito che quest'anno c'è stato tanto lavoro"

Il vice di Pagliuca parla della stagione conclusa e del futuro: "L'obiettivo è migliorarsi. È ovvio che la società deve fare i suoi passi con il rinnovi e nella costruzione della squadra, con il mister abbiamo già parlato e sappiamo dove intervenire per poter migliorare, magari anche nella fase realizzativa”


martedì, 17 maggio 2022, 12:05

Giovannini: "Ecco su chi punterei in Serie C..."

Il direttore generale, da poco passato all'Arezzo, parla dei giocatori che lo hanno impressionato e del campionato dei rossoneri: "Tutti i dirigenti sono stati bravi, non era facile ripartire dopo una retrocessione e Pagliuca ha fatto un grande lavoro sul campo e questo mi sembra sia sotto gli occhi di...



venerdì, 13 maggio 2022, 07:43

Zak Ruggiero ai saluti: "Play off emozione bellissima, meritavano di più"

Il trequartista che ha disputato un finale di stagione in crescendo: “Non lo so ancora cosa mi riserverà il futuro: è incerto. Devo scegliere bene, ho altri due anni a Crotone, adesso vedremo cosa fare insieme ai proprietari del mio cartellino”


giovedì, 12 maggio 2022, 12:38

Corsinelli: "Ecco cosa voglio per il futuro"

L'esterno esamina la sua stagione e parla del futuro: "L'obiettivo è sicuramente andare in Serie B. Sono andato vicino a vincere i playoff per ben due volte senza mai riuscirci, ma vorrei provare a fare il salto di categoria, magari con la Lucchese dove giocherò anche il prossimo anno"