Detto tra noi

Lo stadio che verrà...

sabato, 27 gennaio 2024, 18:08

di fabrizio vincenti

Qualche tifoso forse un po' superficialmente dà già le cose per fatte dopo l'annuncio dell'accordo tra la Lucchese e l'Aurora Immobiliare per il nuovo Porta Elisa. Il cambio (apparente) di direzione della società rossonera, che a maggio sconfessò la firma apposta da Alessandro Vichi all'accordo e che per mesi ha negato ogni interesse, pare essersi realizzato con il raggiungimento di un nuovo accordo sotto la benedizione del Comune.

Dicevamo, apparentemente. E proviamo a spiegarci citando le parole dell'amministratore delegato Lo Faso nell'agosto scorso: “Fin dai primi giorni abbiamo ribadito che non siamo venuti per lo stadio e a nostro avviso il progetto è eccessivo: 50 milioni di costi pongono un problema economico. Chi investe? Chi paga? Mi pare sovradimensionato e comunque per noi non è sostenibile. Se Aurora Immobiliare ha gli investitori è un discorso, noi su queste cifre non ci muoviamo". Parole che suonarono come una bocciatura senza appello. Poi, nei mesi successivi il dialogo è ripreso. Ma un accordo poteva essere trovato solo a due condizioni: o la Lucchese cambiava idea, o il progetto veniva cambiato e reso più consono (anche economicamente) alle possibilità e agli interessi della società rossonera. 

La seconda ipotesi è stata esclusa durante il suo intervento a Corner Corto dal direttore generale Mangiarano: il progetto è tale e quale quello di maggio. Dunque, sono stati gettati via otto mesi senza che sia stata mossa una pedina. Di conseguenza, vi chiederete, la Lucchese ha cambiato idea? Sostanzialmente no. Fanno fede la parole di Lo Faso: se Aurora ha gli investitori vada avanti, e di Mangiarano che ha confermato che la Lucchese sarà utilizzatrice del campo. Ha solo dato un via libera, certamente interessato altrimenti il prossimo campionato al Porta Elisa, salvo colpi di scena, ovvero qualche piano B del Comune, sarebbe stato a rischio. A conti fatti, o Aurora ha gli investitori, o il progetto, al di là del suo iter burocratico che può riprendere, è destinato a naufragare. E fossimo nel Comune inizieremmo seriamente a valutare l'ipotesi B, magari guardando a quanto fatto a Ferrara, con un accantonamento progressivo di risorse, perché del piano B della Lucchese non ci sarebbe traccia concreta, al di là delle dichiarazioni di circostanza. Qualche malalingua parla sottovoce che ci sia stata più che altro la speranza che il piano B potesse prendere forma con l'appoggio alla proposta del presidente Giani, intenzionato a portare la Fiorentina a Lucca accollando alla società viola le spese di adeguamento dell'impianto, una proposta che qualche barattiere lucchese di dantesca memoria ha finito pure per appoggiare entusiasticamente. Per alcuni, del resto, tutto ha un prezzo. 



Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 30 dicembre 2023, 15:19

Tre domande alla società rossonera

L'amministratore unico della Lucchese, Ray Lo Faso, con la sua solita gentilezza e le sue buone maniere, ha fatto gli auguri a tutti. Ai tifosi. Ai giornalisti. Ai tecnici. E ovviamente ai giocatori. E poi si è prontamente smaterializzato.


giovedì, 30 novembre 2023, 17:47

La Lucchese? Questa è...

Il famoso e mai abbastanza abusato detto "dalle stelle alle stalle" ancora una volta pare attagliarsi benissimo alla ormai cronicamente insoddisfatta piazza lucchese. Nel giro di meno di due mesi (quando i rossoneri si sono imbarcati per Sassari c'era chi fantasticava, ripetiamo: chi fantasticava, di primo posto) l'umore pare totalmente...



venerdì, 27 ottobre 2023, 15:58

Lucchese, la rosa non è profonda abbastanza

Quattro gare, un punto (che peraltro sembrano zero, ci riferiamo a quello di Ferrara, vista la pochezza della squadra estense in questo momento): la Lucchese ha clamorosamente frenato nelle ultime settimane. E viene naturale chiedersi il perché dopo l'avvio promettente. Anzi, molto promettente.


domenica, 8 ottobre 2023, 17:18

Inizio più che confortante

Abbiamo volutamente atteso a commentare questo avvio di campionato l'arrivo della prima sconfitta. Ci è parso giusto farlo oggi perché volevamo poter sottolineare come il giudizio verso questa prima parte di campionato sia più che positivo, a prescindere da un singolo risultato.