Detto tra noi

La Lucchese? Questa è...

giovedì, 30 novembre 2023, 17:47

di fabrizio vincenti

Il famoso e mai abbastanza abusato detto "dalle stelle alle stalle" ancora una volta pare attagliarsi benissimo alla ormai cronicamente insoddisfatta piazza lucchese. Nel giro di meno di due mesi (quando i rossoneri si sono imbarcati per Sassari c'era chi fantasticava, ripetiamo: chi fantasticava, di primo posto) l'umore pare totalmente cambiato, e persino alcune situazione esterne al campo di gioco ora trovano spazio nel chiacchiericcio da bar, mentre solo poche settimane fa venivano catalogate come operazione di sabotaggio verso il nuovo proprietario del club, intento a portarlo verso i più fascinosi traguardi e i più reconditi sogni. Del resto, lui stesso al momento dell'ingresso in società aveva parlato, giustamente, di poter tornare a sognare.

Ma, dopo un inizio molto confortante, il barometro rossonero sembra di nuovo tornato a segnare una accentuata depressione. Basta leggere gli stessi commenti sui social. Persino la sconfitta di Cesena è stata vissuta come l'ennesima occasione buttata via per completare il rilancio avviato con Olbia e Entella (un tiro nello specchio in due gare, bene non dimenticarlo). La realtà dice che tra questa Lucchese e il Cesena capolista ci sono milioni di euro di investimento di differenza, ci sono giocatori in Romagna che, se pur giovani, hanno mostrato già di meritare altri palcoscenici; c'è un settore giovanile che a Lucca è a tutt'oggi da rilanciare (e se ci dovessimo limitare ai risultati delle formazioni professionistiche, ma preferiamo dare tempo al tempo, diremmo ancora in buona parte da ricostruire).

In sostanza, stiamo parlando di due pianeti diversi, come consistente è la differenza anche rispetto a molte altre formazioni del girone. Le ambizioni della società, la partenza entusiasmante hanno illuso molti. Ma la realtà dice che questa squadra ha bisogno di innesti robusti e di un percorso di crescita a cui serve, prima di tutto, pazienza. Lo sappiamo: invocare pazienza a una piazza come quella lucchese è quasi come sfidare la legge di gravità, visto quanto successo nell'ultimo ventennio, ma altre strade non ne vediamo. C'è solo da andare passo dopo passo, senza inutili piaggerie verso una società che deve dimostrare ancora molto ma nemmeno senza catastrofismi o repentini cali di umore che peraltro avrebbero solo l'effetto di avvitare ancora di più la situazione. Serve pazienza, piaccia o no: la Lucchese, questa è. Poi ci sarà modo di tirare le prime somme, a partire da quanto l'imminente mercato di gennaio potrà, per quel poco che valgono i mercati di riparazione, offrire. 

 



Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 27 gennaio 2024, 18:08

Lo stadio che verrà...

Qualche tifoso forse un po' superficialmente dà già le cose per fatte dopo l'annuncio dell'accordo tra la Lucchese e l'Aurora Immobiliare per il nuovo Porta Elisa. Il cambio (apparente) di direzione della società rossonera, che a maggio sconfessò la firma apposta da Alessandro Vichi all'accordo e che per mesi ha...


sabato, 30 dicembre 2023, 15:19

Tre domande alla società rossonera

L'amministratore unico della Lucchese, Ray Lo Faso, con la sua solita gentilezza e le sue buone maniere, ha fatto gli auguri a tutti. Ai tifosi. Ai giornalisti. Ai tecnici. E ovviamente ai giocatori. E poi si è prontamente smaterializzato.



venerdì, 27 ottobre 2023, 15:58

Lucchese, la rosa non è profonda abbastanza

Quattro gare, un punto (che peraltro sembrano zero, ci riferiamo a quello di Ferrara, vista la pochezza della squadra estense in questo momento): la Lucchese ha clamorosamente frenato nelle ultime settimane. E viene naturale chiedersi il perché dopo l'avvio promettente. Anzi, molto promettente.


domenica, 8 ottobre 2023, 17:18

Inizio più che confortante

Abbiamo volutamente atteso a commentare questo avvio di campionato l'arrivo della prima sconfitta. Ci è parso giusto farlo oggi perché volevamo poter sottolineare come il giudizio verso questa prima parte di campionato sia più che positivo, a prescindere da un singolo risultato.