Detto tra noi

Lucchese, la rosa non è profonda abbastanza

venerdì, 27 ottobre 2023, 15:58

di fabrizio vincenti

Quattro gare, un punto (che peraltro sembrano zero, ci riferiamo a quello di Ferrara, vista la pochezza della squadra estense in questo momento): la Lucchese ha clamorosamente frenato nelle ultime settimane. E viene naturale chiedersi il perché dopo l'avvio promettente. Anzi, molto promettente. Premesso che nessuno ha la sfera di cristallo, e che sicuramente hanno pesato gli episodi tutti a sfavore, qualche riflessione conviene farla. così come sollevare qualche interrogativo in mezzo a una certezza. Quest'ultima appare, indiscutibilmente, una certa difficoltà realizzativa che si è peraltro manifestata anche nel momento migliore dei rossoneri. Gli attaccanti, va da sé, sono merce rara, la Lucchese ha scommesso su un gran giocatore che aveva bisogno di rilanciarsi, ha confermato una delle punte dello scorso anno (mai si rimpiangerà abbastanza la partenza di Panico...) e ha caricato a bordo alcuni giovani di belle speranze, peraltro non ancora molto a loro agio con il gol. Questa ci pare una certezza, che il gioco spumeggiante di mister Gorgone ha in una qualche maniera occultato sino a che la squadra è stata brillante e al completo.

E qui arriva l'altra questione, quella dei ricambi a cui abbiamo accennato nelle scorse settimane: questa sembra essere la chiave di lettura forse più significativa per provare a leggere l'attuale momento: la Lucchese ha 12-13 giocatori di buon livello, oltre loro, la sensazione e qualcosa di più, è che ci sia uno stacco importante con il resto della squadra. Chiaro che infortuni e squalifiche, che stanno arrivando con discreta continuità, finiscono per mettere ancora più a nudo il problema, ma i ricambi non hanno mai praticamente convinto ogni volta che sono stati buttati in campo. In difesa, poi, la questione è ancora più impellente, e pensare che qualcuno, in estate, con una buonissima dose di superficialità, aveva pensato che senza Tiritiello la Lucchese non avrebbe avuto contraccolpi. I numeri dicono quanto sia fondamentale, almeno in questa rosa. E viene davvero da rammaricarsi anche per la partenza di Bachini, uno che ha sempre fatto il suo dovere e che poteva essere sicuramente utile in questi frangenti.

Peraltro, la questione delle profondità della rosa finisce per interessare anche il centrocampo: con gli scongiuri del caso, nemmeno lo nominiamo, qualcuno ha idea chi potrebbe rimpiazzare un eventuale problema al perno di quel reparto? Anche a centrocampo la Lucchese costruita in estate ci pare leggerina, con pochissime reali alternative e qualche giovanotto tutto da verificare. Intendiamoci: nessuno ha chiesto di vincere il campionato, e dunque la rosa è ovvio che non sia quella dei club di prima fascia, ma la sensazione è che l'attuale gruppo presenti più di una lacuna in termini di alternative e a ogni uscita dal campo di un titolare per un qualunque tipo di problema fisico salgono i sudori freddi. C'è solo da augurarsi che il mercato di gennaio possa colmare almeno i limiti più evidenti. 

 



Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 21 marzo 2024, 16:23

Chi fa cosa

Chi ci segue con costanza sa benissimo che non ci siamo mai scagliati contro chi è stato sconfitto o chi è in qualche modo uscito di scena. Non lo abbiamo fatto nemmeno una volta terminate gestioni semplicemente vergognose del più o meno recente passato, non abbiamo alcuna intenzione di farlo...


giovedì, 7 marzo 2024, 14:13

Caro amico ti scrivo...

Caro Beppe, ho finito di piangere, il primo impulso, inutile nascondersi, è sempre quello: dare sfogo alla sofferenza, alle emozioni attraverso le lacrime. Si fa un bel dire che tutti sapevamo, tu per primo, che la Signora in Nero stava arrivando.



giovedì, 29 febbraio 2024, 14:34

Una società "ambiziosa"

"In questa fase di transizione verso il perfezionamento del closing ci concentreremo sulla pianificazione di un adeguato progetto di rilancio”, così spiegava Ray Lo Faso nella nota ufficiale in cui si conferma il passaggio della società rossonera dalle mani dei quattro soci a quello del gruppo Bulgarella.


domenica, 4 febbraio 2024, 18:08

Lo stadio che verrà...

Qualche tifoso forse un po' superficialmente dà già le cose per fatte dopo l'annuncio dell'accordo tra la Lucchese e l'Aurora Immobiliare per il nuovo Porta Elisa. Il cambio (apparente) di direzione della società rossonera, che a maggio sconfessò la firma apposta da Alessandro Vichi all'accordo e che per mesi ha...