Detto tra noi

Inizio più che confortante

domenica, 8 ottobre 2023, 17:18

di fabrizio vincenti

Abbiamo volutamente atteso a commentare questo avvio di campionato l'arrivo della prima sconfitta. Ci è parso giusto farlo oggi perché volevamo poter sottolineare come il giudizio verso questa prima parte di campionato sia più che positivo, a prescindere da un singolo risultato. L'avvio, lo ripetiamo, è più che confortante: la Lucchese di mister Gorgone innanzitutto è quella che il tecnico aveva promesso. Ovvero vogliosa di vincere sempre, sfrontata il giusto, dinamica come da tempo non si vedeva, organizzata per quanto il tecnico sia arrivato solo da pochissimi mesi e sia alla sua prima esperienza di questo genere. 

La Lucchese piace, e non è un caso – per quanto i risultati contino, eccome se contano – che ci siano molte più persone sui gradoni dello stadio. Segno che sta tornando la voglia di tornare al Porta Elisa. Ci paiono anche buoni gli innesti, a partire da quelli fortemente voluti dal diesse Frara: da Gucher a Cangianiello, tanto per dire. Restiamo invece ancora titubanti sul reparto offensivo. Se c'è un elemento negativo che accumuna questo inizio di campionato è proprio una certa difficoltà nell'andare in gol. A Ferrara la Lucchese ha realizzato due gol e ne doveva fare cinque, con il Sestri Levante, idem. A Sassari le occasioni più nitide sono state dei rossoneri. Doveva succedere che prima o poi qualcuno facesse pagare il conto.

In generale, quello dell'attacco ci pare il tasto dolente, come altro tasto dolente non vorremmo fossero i rincalzi difensivi: alcuni numeri non ci sono piaciuti e non vorremmo che ci fosse una netta differenza tra la difesa titolare e i possibili ricambi. Ma nel complesso, la squadra sta rispondendo come ci si poteva aspettare nelle previsioni migliori, lasciando ovviamente perdere i sogni di chi spera in un campionato di vertice. Il bilancio è sinora positivo e probabilmente sta consentendo anche di far passare in seconda linea alcune mosse societarie sulle quali ci sarà modo semmai di tornare. Anche da questo punto di vista, servono risposte. Iniziando da quelle sullo stadio.



Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 21 marzo 2024, 16:23

Chi fa cosa

Chi ci segue con costanza sa benissimo che non ci siamo mai scagliati contro chi è stato sconfitto o chi è in qualche modo uscito di scena. Non lo abbiamo fatto nemmeno una volta terminate gestioni semplicemente vergognose del più o meno recente passato, non abbiamo alcuna intenzione di farlo...


giovedì, 7 marzo 2024, 14:13

Caro amico ti scrivo...

Caro Beppe, ho finito di piangere, il primo impulso, inutile nascondersi, è sempre quello: dare sfogo alla sofferenza, alle emozioni attraverso le lacrime. Si fa un bel dire che tutti sapevamo, tu per primo, che la Signora in Nero stava arrivando.



giovedì, 29 febbraio 2024, 14:34

Una società "ambiziosa"

"In questa fase di transizione verso il perfezionamento del closing ci concentreremo sulla pianificazione di un adeguato progetto di rilancio”, così spiegava Ray Lo Faso nella nota ufficiale in cui si conferma il passaggio della società rossonera dalle mani dei quattro soci a quello del gruppo Bulgarella.


domenica, 4 febbraio 2024, 18:08

Lo stadio che verrà...

Qualche tifoso forse un po' superficialmente dà già le cose per fatte dopo l'annuncio dell'accordo tra la Lucchese e l'Aurora Immobiliare per il nuovo Porta Elisa. Il cambio (apparente) di direzione della società rossonera, che a maggio sconfessò la firma apposta da Alessandro Vichi all'accordo e che per mesi ha...