Detto tra noi

No ai giudizi affrettati, ma serve qualcosa in più

lunedì, 31 ottobre 2022, 15:26

di fabrizio vincenti

La Lucchese che potrebbe essere e ancora non è. E' opinione diffusa, anche tra gli addetti ai lavori, che la formazione allestita l'estate scorsa sia di buon livello. Equilibrata in ogni reparto (anche se manca forse il super bomber), con un buon mix di giovani e esperti, con più di un giocatore la cui carriera parla e tacita ogni possibile dubbio. Logico che da parte dei tifosi si siano coltivate, con li passare delle settimane e l'arrivo di nuovi acquisti, speranze di un campionato se non di vertice assoluto, perlomeno di rilievo. 

Questa prima manciata di partite ha offerto sensazioni contrastanti, quasi che la Lucchese fosse una buona macchina, per quanto non una fuoriserie, ma che non riuscisse a esprimi tutti i giri del proprio motore. La sensazione, salvo rare eccezioni, si è confermata in quasi tutte le gare. Segno che c'è ancora da lavorare e che l'indubbia maggior qualità (e probabilmente minor furore agonistico) rispetto alla scorsa stagione fatica a uscire appieno. Poco male se si considera che la Lucchese ha già cinque punti, se non erriamo, di vantaggio rispetto al solito momento del passato campionato; ma un potenziale problema se certi difetti, tra cui quelli sottoporta, continuassero a persistere. 

Il tempo per correggere e per ritoccare anche l'undici di base c'è tutto. Basta non farsi prendere dalla fregola di voler vedere la formazione di mister Maraia in testa alla classifica: non è per ora attrezzata e nemmeno è stata costruita a tale scopo. Anche se, vedendo il livello medio del torneo, si fa fatica a pensare che i rossoneri non possano stare stabilmente nel gruppetto a ridosso delle primissime. Le qualità ci sono, va trovato il modo di esprimerle al meglio. E siamo convinti che il tecnico ci sta già lavorando sopra. 

 



Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 27 novembre 2022, 10:41

Urge cambio di rotta

Quattro sconfitte in cinque gare non sono un caso: è la statistica che ci conforta nell'affermarlo. D'accordo, a Ancona è stato un secondo tempo da dimentica; in casa con l'Alessandria una partenza choc e qualche distrazione sul finire; con il Gubbio ha pesato (e non poco) l'arbitraggio; a Fermo mancava...


mercoledì, 21 settembre 2022, 18:43

Una modesta proposta per il presidente Ghirelli: partite alle 6 antelucane, come tra Filini e Fantozzi

Diciamo la verità: quando abbiamo letto la notizia, in un primo momento, ci è sembrata talmente paradossale da non potere risultare vera. Quasi come se, in mezzo a una strada urbana, ci si trovasse di fronte a un ippopotamo.



lunedì, 19 settembre 2022, 10:40

Serve cambiare passo. E alla svelta

Abbiamo atteso qualche gara di campionato prima di avventurarci in una disamina di questa Lucchese che è arrivata ai nastri di partenza quasi completamente stravolta, a partire dal tecnico, rispetto allo scorso torneo. Quattro gare sono poche, lo premettiamo, e dunque poco senso ha lanciarsi in affermazioni perentorie.


giovedì, 25 agosto 2022, 16:54

Le cordate sono come le ciliegie

Continuiamo a trovare tifosi che, per strada, ci chiedono aggiornamenti sulle vicende societarie e molti che, quasi increduli, si stupiscono che "Gazzetta non abbia preso posizione sulla vendita della Lucchese". A tutti rispondiamo nel solito modo e lo facciamo anche da qui: scriviamo quello che sappiamo.