Detto tra noi

Serve cambiare passo. E alla svelta

lunedì, 19 settembre 2022, 10:40

di fabrizio vincenti

Abbiamo atteso qualche gara di campionato prima di avventurarci in una disamina di questa Lucchese che è arrivata ai nastri di partenza quasi completamente stravolta, a partire dal tecnico, rispetto allo scorso torneo. Quattro gare sono poche, lo premettiamo, e dunque poco senso ha lanciarsi in affermazioni perentorie. Lo avremmo scritto anche nel caso che i rossoneri fossero a pieni punti come per ora, buoni per loro, sta facendo la Carrarese. Ma è altrettanto evidente che alcune prime sommarie indicazioni sono arrivate dal campo, dove la squadra ha raccolto meno, molto meno, di quanto ha fatto vedere e si ritrova con una classifica deficitaria. A Reggio Emilia, contro i granata non ancora al massimo della forma, un pari sarebbe stato alla portata, ma in quel caso i rossoneri non sono mai riusciti a avvicinarsi alla porta avversaria, di fatto sciogliendosi dopo una prima mezzora di buon calcio. Contro l'Imolese è arrivato il riscatto, con qualche ombra riguardo alla tenuta fisica, peraltro inevitabile visto che molti dei protagonisti sono arrivati all'ultimo tuffo.

Nelle ultime due gare, però, le recriminazioni si fanno consistenti: contro il Pontedera sono stati buttati via due punti letteralmente, i granata davano la sensazione di non riuscire a trovare la porta, è servito un pasticcio difensivo che si è unito alle occasioni gettate per chiudere la gara, buon ultima quella di Bianchimano a tempo scaduto. A Fiorenzuola, invece, si è sfiorato l'incredibile: occasioni su occasioni buttate al vento, con gli attaccanti che nel complesso, almeno chi ha giocato (Bianchimano è rimasto in panchina), hanno dato la sensazione di avere le polveri bagnate. A livello di gioco, qualche trama inizia a vedersi e la sensazione è che la formazione di Maraia abbia un centrocampo di notevole qualità che va però sfruttato al meglio. Su tutto, aleggia anche la scelta del tecnico, evidentemente preoccupato dalle condizioni fisiche di molti dei suoi, di cambiare quasi completamente formazione ogni volta che si è scesi in campo, nemmeno la Lucchese dovesse fare una coppa europea. Per ora, il giudizio è rivedibile. Ma serve cambiare passo e alla svelta.  Perché solo i risultati possono dare fiducia alla squadra e anche a tutto l'ambiente, che, sia pure con difficoltà comprensibili, deve provare a rimanere calmo. 



Altri articoli in Detto tra noi


mercoledì, 21 settembre 2022, 18:43

Una modesta proposta per il presidente Ghirelli: partite alle 6 antelucane, come tra Filini e Fantozzi

Diciamo la verità: quando abbiamo letto la notizia, in un primo momento, ci è sembrata talmente paradossale da non potere risultare vera. Quasi come se, in mezzo a una strada urbana, ci si trovasse di fronte a un ippopotamo.


giovedì, 25 agosto 2022, 16:54

Le cordate sono come le ciliegie

Continuiamo a trovare tifosi che, per strada, ci chiedono aggiornamenti sulle vicende societarie e molti che, quasi increduli, si stupiscono che "Gazzetta non abbia preso posizione sulla vendita della Lucchese". A tutti rispondiamo nel solito modo e lo facciamo anche da qui: scriviamo quello che sappiamo.



sabato, 16 luglio 2022, 11:14

Un punto in più

Non avrà un compito facile, il nuovo tecnico rossonero Ivan Maraia. L'ex allenatore del Pontedera sbarca a Lucca nel momento peggiore possibile, dopo mesi di chiacchiere e di trattative naufragate misteriosamente, come se non fosse già abbastanza complicata la sostituzione di Guido Pagliuca che era prepotentemente nel cuore dei tifosi.


domenica, 10 luglio 2022, 09:10

Lucciole, anzi canguri, per lanterne

A Lucca, si sa, quando si parla di calcio, siamo abituati a tutto. E' stato visto di tutto. I tifosi hanno subìto di tutto. Ma la vicenda della cordata calabro-australiana è riuscita ancora una volta a regalare un elemento di sconcertante novità.