Detto tra noi

Salvezza, imperativo categorico

venerdì, 25 febbraio 2022, 09:51

di fabrizio vincenti

Una vittoria, quella arrivata chiara e forte, contro l'Entella che ha un significato ben maggiore rispetto ai tre punti che mancavano alla Lucchese da oltre tre mesi. Vincere contro la quarta forza del campionato, letteralmente asfaltata, a tratti non riconoscibile, ha voluto dire mettere un mattone importante in chiave salvezza. Ora i punti con le zone calde della classifica, dopo una china negativa che durava da troppo tempo, sono un po' più rassicuranti. Quello è il principale obiettivo stagionale, bene non dimenticarlo, soprattutto alla luce del disastro tecnico dello scorso anno. L'obiettivo è quello: salvarsi senza patemi, senza attendere l'ultima giornata o quasi, anche perché la squadra di Pagliuca, peraltro anagraficamente molto giovane, ha tutto da perdere da un mischione finale, anche e soprattutto sul piano nervoso e ambientale. 

I tre punti, con importanti conferme – a partire da quella di Collodel e per la pace dei vedovi e delle vedove inconsolabili di Shaka Eklu – sono fondamentali. Devono servire a riprendere slancio, a trovare altri successi, anche considerando che la Lucchese è attesa da un paio di trasferte complicate con squadre nelle zone basse della classifica. Serve entusiasmo, serve anche un po' di tranquillità che la stessa società e lo staff a un certo punto parevano aver perso. Con i tifosi (che stanno sostenendo senza se e senza ma la squadra) è arrivato un parziale chiarimento e il gesto dell'abbassamento dei prezzi di curva così come le ultime parole di Bruno Russo ne sono una conferma. Serve marciare tutti insieme e non è retorica: perdere, o mettere a repentaglio la categoria professionista, è un rischio che nessuno può e deve correre. Poi, a fare i conti, ci sarà tempo. E sempre in attesa di chiarimenti sul fronte societario, dove la sensazione è che qualcosa si possa muovere.

Quanto allo stadio, evitiamo di sottolineare che quanto sta succedendo lo avevamo annunciato: bene così, i tifosi rossoneri non sono fessi e di certo non si fanno incantare da manovre elettorali peraltro dal sapore antico, anzi stantio, che sanno di vecchio. Sul Porta Elisa, i passaggi saranno ancora tanti: lì si vedranno le reali intenzioni. Per ora, concentrazione massima sul campionato: servono ancora punti, vanno conquistati prima possibile. E se poi ci fosse spazio per qualcosa di più, meglio ancora. Ma la salvezza deve essere l'imperativo categorico. C'è in gioco il futuro. Crediamo lo abbiano chiaro tutti i protagonisti. 



Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 24 giugno 2022, 15:01

Futuro societario: vietato sbagliare

La pratica relativa all'iscrizione al prossimo campionato della Lucchese è stata conclusa, persino con leggero anticipo rispetto alle scadenze federali. Nonostante in tanti discorsi che abbiamo sentito fare, per parte nostra non abbiamo dubitato nemmeno per un attimo che potessero esserci problemi di questo genere.


giovedì, 26 maggio 2022, 14:42

Cara società, sul marchio evita di sommare a un errore un orrore

Siamo rimasti francamente stupiti, e in parte sconcertati, dalla notizia della richiesta da parte della società rossonera di acquisire lo storico logo della Lucchese che da circa 10 anni è nelle mani sicure di Lucca United, la cooperativa dei tifosi che lo rilevò in occasione del secondo fallimento pagandolo circa...



domenica, 1 maggio 2022, 20:20

Il futuro è adesso

E' finita. La stagione 2021-2022 va in archivio dopo la sconfitta nella prima gara play off di Gubbio. E' finita come è cominciata, ovvero con la sensazione e qualcosa di più che la Lucchese sia in grado di divertire, di praticare un bel gioco e che magari difetti nella fase...


venerdì, 15 aprile 2022, 07:21

Play off, arriviamo!

Cinque anni, sono passati cinque anni dall'ultima partecipazione della Lucchese a una gara play off. All'epoca sulla panchina rossonera c'era Giovanni Lopez: Arezzo, Albinoleffe, Parma, cinque scontri che riaccesero le speranza di poter sognare nei tifosi rossoneri che, soprattutto contro i ducali, riempirono il Porta Elisa come da tempo non succedeva.