Detto tra noi

Lucca United ha reso forti i vecchi sogni

giovedì, 1 febbraio 2018, 18:55

di fabrizio vincenti

Lo diciamo francamente: quando il presidente di Lucca United, Stefano Galligani, comunicò l'entità del ripianamento che la cooperativa dei tifosi rossoneri doveva colmare per restare socia della Lucchese, rimanemmo interdetti. Sarà stato per una sorta di cupo pessimismo che non riusciamo a ricacciare nell'angolo dopo anni di delusioni calcistiche, ma pensare di poter trovare 36mila euro in nemmeno tre settimane ci sembrò un'impresa da pazzi. O quasi. 

Una cifra notevole, che faceva seguito a quelle già peraltro versate nei mesi scorsi da Lucca United, che dal febbraio dello scorso anno, in un patto da gentiluomini poi evidentemente non onorato, possiede il 10 per cento delle quote della Lucchese. Numeri impossibili da sostenere per l'azionariato popolare, e in effetti l'impegno sarebbero dovuto rimanere circoscritto nel tempo. Invece, come per il ruolo di amministratore unico appannaggio di Carlo Bini, i mesi sono passati e le perdite si sono cumulate. Con Lucca United che ha dovuto onorare l'impegno, visto che il 9 per cento accumulato rispetto alla quota iniziale non trovava nuovi proprietari. 

L'ultimo ripianamento, deciso a dicembre scorso, ha implicato la necessità di trovare in poco tempo 36mila euro. Scadenze ferree decise da chi dispone dell'assemblea dei soci e che sembravano dover troncare i sogni di una presenza, rivelatasi molto importante nel corso degli anni, dentro la società. Il mondo perfetto non esiste e tutto può essere migliorabile, ma immaginatevi se Lucca United non fosse stata in società. Crediamo che le cose sarebbero state ancora  più complicate di quanto non lo sono. Basti pensare al ruolo giocato nel vergognoso tentativo di vendita ai due avvocati pisani. 

In tre settimane Lucca United ha saputo rendere forte un vecchio sogno e rinnovarlo. Ha saputo, con quella febbre che solo chi ama il calcio visceralmente e che per esso magari si accapigliano pure, unire persone diverse, riallacciare i rapporti con i lucchesi all'estero, coinvolgere tifosi di altre squadre. Ha raccolto, euro dopo euro, una cifra davvero importante. La sua missione può continuare, magari su percentuali più gestibili, anche dentro la società. E chi ama la Lucchese non può che esserne felice.  E orgoglioso. 


Altri articoli in Detto tra noi


martedì, 17 luglio 2018, 06:47

E ora, niente scherzi

Il migliore commento alla giornata folle che ha permesso di presentare a un metro dal baratro la domanda per ricorrere contro la mancata iscrizione è stato quello di chi ha scritto: "almeno non ci si annoia mai". Vero. Di certo i tifosi della Lucchese non si annoiano. Soffrono a getto continuo.


domenica, 8 luglio 2018, 07:35

La rabbia e l'orgoglio

Pochi giorni e la Lucchese sarà scomparsa, ancora una volta, dall'orizzonte calcistico nazionale. Un epilogo che lascia senza parole, senza fiato, senza forze. Eppure già dalla prossima settimana lo scenario che si materializzerà sarà questo dopo che la sceneggiata messa in piedi da una persona che dovrebbe solo tenere fisso...



martedì, 26 giugno 2018, 19:19

Una pessima figura

Non facciamo sconti. Lo abbiamo detto e scritto più volte in queste turbolente settimane (e anche in passato), ma, francamente, pensavamo di aver la possibilità di dover attendere almeno un po' prima di dover iniziare a giudicare sui fatti la nuova proprietà rossonera.


domenica, 17 giugno 2018, 16:36

Cercasi gente che ha fame

Si sapeva, ma fa comunque un certo effetto sapere che il prossimo campionato non vedrà tra i rossoneri tanti dei protagonisti degli ultimi anni e neppure due personalità che hanno lasciato il segno, ovvero Giovanni Lopez e Antonio Obbedio.