Detto tra noi


Detto tra noi

Urge cambio di rotta

domenica, 27 novembre 2022, 10:41

di fabrizio vincenti

Quattro sconfitte in cinque gare non sono un caso: è la statistica che ci conforta nell'affermarlo. D'accordo, a Ancona è stato un secondo tempo da dimentica; in casa con l'Alessandria una partenza choc e qualche distrazione sul finire; con il Gubbio ha pesato (e non poco) l'arbitraggio; a Fermo mancava quasi tutto il centrocampo titolare. Ma, sia pure ognuna con un suo fondamento, queste chiavi  di lettura non sono sufficienti per spiegare il capitombolo che la Lucchese sta concretizzando ormai da più di un mese. Nel mezzo, vale ricordarlo, solo la grintosa e attenta partita di Siena (senza farne peraltro un capolavoro) e l'eliminazione molto onorevole in Coppa, in una gara dove entrambe le squadre schieravano molti di coloro che avevano avuto meno spazio in campionato.  Si può parlare di crisi? A nostro avviso, sì. Quattro sconfitte negli ultimi cinque turni sono un segnale di decisa crisi, da cui la Lucchese e il suo tecnico devono trovare la forza di uscire alla svelta. Non è tanto dietro che si deve guardare (ma comunque, occhio, perché essere risucchiati è sempre meno difficile di quello che può sembrare, soprattutto dopo gennaio quando le squadre correranno ai ripari), quanto alla posizione di classifica in ottica play off, che ci pare sempre più mediocre. Non solo: anche a livello di gioco la...


Detto tra noi

No ai giudizi affrettati, ma serve qualcosa in più

lunedì, 31 ottobre 2022, 15:26

di fabrizio vincenti

La Lucchese che potrebbe essere e ancora non è. E' opinione diffusa, anche tra gli addetti ai lavori, che la formazione allestita l'estate scorsa sia di buon livello. Equilibrata in ogni reparto (anche se manca forse il super bomber), con un buon mix di giovani e esperti, con più di un giocatore la cui carriera parla e tacita ogni possibile dubbio. Logico che da parte dei tifosi si siano coltivate, con li passare delle settimane e l'arrivo di nuovi acquisti, speranze di un campionato se non di vertice assoluto, perlomeno di rilievo. Questa prima manciata di partite ha offerto sensazioni contrastanti, quasi che la Lucchese fosse una buona macchina, per quanto non una fuoriserie, ma che non riuscisse a esprimi tutti i giri del proprio motore. La sensazione, salvo rare eccezioni, si è confermata in quasi tutte le gare. Segno che c'è ancora da lavorare e che l'indubbia maggior qualità (e probabilmente minor furore agonistico) rispetto alla scorsa stagione fatica a uscire appieno. Poco male se si considera che la Lucchese ha già cinque punti, se non erriamo, di vantaggio rispetto al solito momento del passato campionato; ma un potenziale problema se certi difetti, tra cui quelli sottoporta, continuassero a persistere.  Il tempo per correggere e per ritoccare anche l'undici di base c'è tutto. Basta non farsi prendere dalla fregola di voler vedere la formazione di mister Maraia in testa alla classifica: non è per ora attrezzata e...


Detto tra noi

Una modesta proposta per il presidente Ghirelli: partite alle 6 antelucane, come tra Filini e Fantozzi

mercoledì, 21 settembre 2022, 18:43

di fabrizio vincenti

Diciamo la verità: quando abbiamo letto la notizia, in un primo momento, ci è sembrata talmente paradossale da non potere risultare vera. Quasi come se, in mezzo a una strada urbana, ci si trovasse di fronte a un ippopotamo. La prima reazione è di pensare che si stia sognando, che il cibo della sera prima continui a produrre effetti, che un colpo ci stia per prendere. Poi, sfregandosi gli occhi, cerchiamo conferma. Che in questo caso è arrivata alla seconda e più puntuale lettura: il presidente della Lega Pro Ghirelli ha pubblicamente dichiarato che d'inverno è tutt'altro che da escludere che alcuni gare si giochino in tarda mattina. "Quanto al campionato – ha pontificato il numero uno della Lega Pro – c’è la grande distanza di ascolti e di pubblico tra playoff e regular season: ci ragioneremo. Intanto è probabile che si possa arrivare a giocare in tarda mattinata durante il periodo invernale". Dunque, il Comandante della nave, dopo aver permesso per anni lo svolgimento (anche in questo campionato) di partite in orari da dubitare della sanità mentale di chi sceglieva l'ora del fischio d'inizio, fulminato sulla strada di Damasco, si è forse ravveduto. E propone una vera e propria controrivoluzione. Dopo che giocatori, addetti ai lavori e tifosi sono finiti in ghiacciaie letteralmente deserte o quasi per anni, ecco la contromossa: partite in tarda mattina.  Quasi un contrappasso di quanto visto finora, naturalmente continuando a rinunciare, almeno in buona parte, agli orari più "normali", ovvero quelli del primo pomeriggio dei giorni di festa. Sarebbe stato troppo semplice. E del resto, potrebbe essere obiettato, ci sono i diritti delle tv. Certo, come no. Sarebbe interessante sapere innanzitutto a quanto ammontino...


Detto tra noi

Serve cambiare passo. E alla svelta

lunedì, 19 settembre 2022, 10:40

di fabrizio vincenti

Abbiamo atteso qualche gara di campionato prima di avventurarci in una disamina di questa Lucchese che è arrivata ai nastri di partenza quasi completamente stravolta, a partire dal tecnico, rispetto allo scorso torneo. Quattro gare sono poche, lo premettiamo, e dunque poco senso ha lanciarsi in affermazioni perentorie. Lo avremmo scritto anche nel caso che i rossoneri fossero a pieni punti come per ora, buoni per loro, sta facendo la Carrarese. Ma è altrettanto evidente che alcune prime sommarie indicazioni sono arrivate dal campo, dove la squadra ha raccolto meno, molto meno, di quanto ha fatto vedere. A Reggio Emilia, contro i granata non ancora al massimo della forma, un pari sarebbe stato alla portata, ma in quel caso i rossoneri non sono mai riusciti a avvicinarsi alla porta avversaria, di fatto sciogliendosi dopo una prima mezzora di buon calcio. Contro l'Imolese è arrivato il riscatto, con qualche ombra riguardo alla tenuta fisica, peraltro inevitabile visto che molti dei protagonisti sono arrivati all'ultimo tuffo. Nelle ultime due gare, però, le recriminazioni si fanno consistenti: contro il Pontedera sono stati buttati via due punti letteralmente, i granata davano la sensazione di non riuscire a trovare la porta, è servito un pasticcio difensivo che si è unito alle occasioni gettate per chiudere la gara, buon ultima quella di Bianchimano a tempo scaduto. A Fiorenzuola, invece, si è sfiorato l'incredibile...


Detto tra noi

Le cordate sono come le ciliegie

giovedì, 25 agosto 2022, 16:54

di fabrizio vincenti

Continuiamo a trovare tifosi che, per strada, ci chiedono aggiornamenti sulle vicende societarie e molti che, quasi increduli, si stupiscono che "Gazzetta non abbia preso posizione sulla vendita della Lucchese". A tutti rispondiamo nel solito modo e lo facciamo anche da qui: scriviamo quello che sappiamo. E di cui, aggiungiamo, siamo ragionevolmente sicuri. Non siamo abituati a prendere posizione a comando e nemmeno a caso, chi ci conosce lo sa. Ecco perché nella vicenda delle tante trattative avviate e poi troncate – a proposito: i primi a dare il nome sulla cordata Scali, come ricorderete, siamo stati noi – ci siamo limitati a dare notizia di quello che sappiamo. Sono tante, troppe le persone e le cordate che si sono affacciate alla Lucchese per poi sparire (per colpa di chi non lo sappiamo di certo) nel breve volgere di qualche settimana. Di recente, è spuntata anche una ipotesi che porta a Roma, i controlli faticosi non ci hanno del tutto tranquillizzato, mentre nel frattempo l'ipotesi pare essere derubricata a piano b, c, d. Tutto spunta, tutto finisce nel breve battere di ciglia, in pista resterebbe, e sembra con qualche ragione, solo una strada che porta a Milano. Non ci chiedete nomi, non li sappiamo e non vogliamo spararne certo a caso, peggio che mai con la facilità con ci si possono fare al bar. E allora noi dovremmo buttare là nomi con informazioni spesso scarse o peggio che rischiano di essere fuorvianti per fare pubblicità a chicchessia, o in assenza di riscontri persino sulle ragioni sociali o peggio ancora illudendo i tifosi? Non è nel nostro stile e men che mai prenderemo posizioni senza dati che sono, o ci appaiono, affidabili.  Quella che è la nostra opinione sulla situazione societaria la ripetiamo, per i distratti, ancora una volta. L'attuale compagine societaria, che peraltro sta ben operando sul mercato nonostante tutto e che ha iscritto con una propria fideiussione la squadra al campionato, non ha mezzi per poter pensare in grande. E' un limite invalicabile, o meglio colmabile solo se...



Ultime notizie brevi


martedì, 29 novembre 2022, 23:14

Mister Toscano: "Prestazione al di sotto delle nostre possibilità"

Domenico Toscano, tecnico del Cesena ed ex giocatore rossonero nella stagione 1999-2000 con Corrado Orrico sulla panchina, analizza il match del Porta Elisa: "Non dobbiamo guardare la classifica ma la prestazione è stata al di sotto delle possibilità in tutti reparti, la Lucchese è stata più brava, abbiamo cercato di...


martedì, 29 novembre 2022, 23:03

Sedicesima di andata, i risultati delle gare serali

Si concluse tutte le gare in notturne e valide per la sedicesima di andata del girone B. Ecco i risultati:



martedì, 29 novembre 2022, 19:31

Sedicesima di andata, concluse le prime quattro gare: il Pontedera stende l'Entella

In attesa dei posticipi della sera si sono concluse le prime quattro gare valide per il turno infrasettimanale di campionato. Ecco i risultati:


lunedì, 28 novembre 2022, 15:46

Qui Cesena, mister Toscano: "Lucchese, partita più difficile da qui alla sosta"

Alla vigilia del match di Lucca il tecnico del Cesena Domenico Toscano ha rilasciato le consuete dichiarazioni pregara: "Siamo reduci da una grande vittoria a Olbia dopo una grande prestazione, tenendo conto del vento e di un campo impossibile. Siamo stati bravi a resettare dopo lo stop con l’Ancona.