Porta Elisa News

Un mix tra Como e Lucchese: ecco la squadra ventilata da Corda

venerdì, 5 luglio 2019, 16:44

di diego checchi

"Costruiremo una squadra competitiva. In grado di vincere il campionato. Sarà un mix fra la Lucchese della scorsa stagione ed il Como che ha vinto il Campionato di Serie D": il general manager sardo, che oggi ha incontrato il sindaco Tambellini,  ha fatto capire che da Como ci sarebbero molti giocatori pronti a arrivare a Lucca ed il primo sarebbe il portiere Alessandro Tonti, classe '92, con un passato nel Teramo e nel Latina in Serie B. Un numero 1 di grande affidabilità. L'altro giocatore che arriverebbe sicuramente è Cristian Anelli, con un passato nel Cavenago, difensore centrale classe '89, con un passato nel Carpenedolo, nel Montichiari e nell'Alzano. Un giocatore esperto della Categoria. Passando a centrocampo ecco l'uomo di esperienza che corrisponderebbe al nome di Federico Gentile, oltre 250 presenze in Serie C, 34enne, con la maglia di Spal, Como etc etc. Un fedelissimo del manager Corda. In attacco sarebbe sicuro l'arrivo di Simone Dell'Agnello, livornese doc che ha avuto esperienze con le maglie di Livorno in Serie B e del Savona. La classica punta centrale in grado di dare peso all'attacco.

Per quanto riguarda i giocatori rossoneri della scorsa stagione, il primo nome che viene in mente a corsa è quello di Marco De Vito giocatore classe '91, che però ha proposte dal Siena e dal neo promosso Arzignano. Un altro nome che potrebbe vestire rossonero nella prossima stagione potrebbe essere quello di Riccardo Martinelli, di censore centrale classe '91, che ha una proposta anche dal Messina. Altro elemento adatto al progetto Lucchese risponde al nome di Alessandro Provenzano oltre a Juan Alberto Mauri. Non è escluso, in quel caso, che possa rimanere anche il difensore Gianni Palmese.

Capitolo allenatore: su questo argomento Ninni Corda non ha dubbi: "Io voglio fare il manager e non l'allenatore. La nostra prima scelta è Giancarlo Favarin ma è chiaro che non possiamo ancora parlarci perché non abbiamo niente in mano da proporgli. Lui è un ottimo allenatore ed ha la stessa mia idea di calcio. A Lucca ha fatto una cosa straordinaria. Voglio confrontarmi con lui per capire se possiamo lavorare insieme o no."L'arrivo degli Under:Non avremo problemi a muoverci anche in questo settore- ha sottolineato il manager-. Abbiamo rapporti buonissimi con le squadre di primo livello dal Sassuolo passando per la Juventus ed il Milan. È chiaro che i tempi sono stretti e dobbiamo fare presto per costruire la squadra."



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"



venerdì, 19 luglio 2019, 09:57

Corda: "Siamo pronti per il bando"

L'ex direttore tecnico del Como ancora in città ha incontrato Vittorio Tosto e l'ex responsabile della comunicazione Giacomo Bernardi: "Non ho ancora visto nei dettagli il bando ma contiamo di depositare tutto entro il 25. In società Nicastro? Potrebbe entrare al 15-20 per cento"


venerdì, 19 luglio 2019, 09:50

Stadio, il Comune stanzia 45mila euro per i servizi di ingegneria per i lavori urgenti. E chi li paga questi ultimi?

Il Comune dà il via alla procedura per i lavori urgenti al Porta Elisa dopo che a seguito delle verifiche di vulnerabilità statica e sismica effettuate dallo studio di ingegneria Archimede s.r.l. Ecco le imprese coinvolte: ma chi pagherà i lavori veri e propri?