Mondo Pantera : la lettera

Tutto passa, ma il nome di Maestrelli resterà scolpito nella storia della Lucchese

martedì, 13 febbraio 2018, 12:56

di mario santini

Nella Chiesa di San Gervasio e Protasio si sono svolte le esequie di Egiziano Maestrelli, il più grande presidente della Lucchese degli ultimi 70 anni di storia rossonera: il Presidente dei nove anni di Serie B e della Coppa Italia di Serie C vinta dalla Lucchese nel 1990 alla Favorita di Palermo. Il clima in chiesa era sereno e cordiale e tutti i familiari hanno espresso vivamente la loro gratitudine per la presenza di alcuni tifosi della Lucchese che si sono presentati con la sciarpa rossonera al collo portando il labaro della Lucchese Libertas e una bandiera rossonera di quei tempi vittoriosi: la signora Maestrelli ha voluto che deponessimo i cimeli con i colori rossoneri a contorno della bara dove riposava il nostro caro Egiziano.

La chiesa era gremita e tra i presenti che sono riuscito a vedere c'erano il direttore sportivo Antonio Obbedio in rappresentanza della società Lucchese, una delegazione di Lucca United e alcuni giocatori degli anni della Serie B: Bruno Russo, Vittorio Tosto, Giovanni Galli, Carlo Pascucci, Massimo Rastelli, Mario Donatelli e Marcello Montanari; non poteva mancare il d.s. Pino Vitale che in coppia con Egiziano Maestrelli hanno regalato ai tifosi rossoneri un quindicina di anni di grandi gioie e riportato la Pantera a riscoprire in parte le antiche glorie. Mischiati agli sportivi hanno reso omaggio anche personaggi illustri come Matteo Renzi, ex presidente del Consiglio, Luca Lotti ministro dello Sport e l'ex presidente della Lucchese Andrea Bacci.

A conclusione della cerimonia ci sono stati gli interventi dei nipoti che hanno ricordato il nonno Egiziano con parole da "Libro Cuore", ma anche in quelle parole faceva spesso capolino, in modo discreto, la Lucchese. Uno dei nipoti di Maestrelli ha letto integralmente il toccante editoriale in ricordo del loro nonno Egiziano che Fabrizio Vincenti aveva pubblicato il giorno prima su Gazzetta Lucchese: giusto il tempo di leggere poche frasi che a diverse persone qualche lacrima è scesa giù prepotentemente.

La Famiglia Maestrelli, anche in un giorno così triste, ha dimostrato di avere nel cuore un amore grandissimo e infinito per la Lucchese: lo stesso amore che aveva nel cuore Egiziano Maestrelli e che evidentemente lui aveva trasmesso ai tempi d'oro in famiglia e che ora sta lievitando velocemente anche nei suoi posteri.
Queste sensazioni le ho avute parlando a "quattrocchi" con alcuni di loro mentre cercavamo di lenire il dolore reciproco scambiandoci baci, abbracci e parole di conforto... Allora ho pensato: "se tutto quello che ho avvertito a pelle è reale e lo è, perché non sognare un futuro ritorno di uno della famiglia per ripartire dove Egiziano Maestrelli aveva lasciato la Lucchese?".  Grazie Egiziano per il grande affetto per la "tua Lucchese" che hai lasciato vivo nella memoria dei tuoi cari e nel cuore di tutti i tifosi rossoneri. R.I.P.

 


Altri articoli in Mondo Pantera


martedì, 17 luglio 2018, 12:12

L'Acf Lucchese non si iscrive al campionato di serie B e svincola le giocatrici

Dopo avere esplorato ogni possibilità, compresa quella di giocare in un’altra sede, l’Acf Lucchese Femminile ha dovuto arrendersi all’ amara realtà. Chiocchetti: "Una sconfitta per la città di Lucca, amministrata da chi cerca lo sport solo in campagna elettorale o a parole"


domenica, 15 luglio 2018, 22:56

Vecchia Ovest: "C'è chi strumentalizza la vicenda societaria per colpire i tifosi"

Uno dei gruppi della Curva Ovest prende posizione sul presunto clima pesante denuniciato da alcuni organi di informazione: "C'è chi tende a scaricare colpe, timori e malelingue sulla tifoseria rossonera, che invece è l'unica a sorbirsi le malefatte, le malagestioni e le promesse mancate"



martedì, 10 luglio 2018, 09:39

Vecchia Ovest: "Tutti responsabili, ma dateci un campo, una categoria e una squadra e noi tiferemo"

Anche il gruppo della Vecchia Ovest prende posizione sulla crisi della Lucchese: "No a soluzioni con avventurieri, ma la situazione è figlia delle mancate risposte della politica, di una gestione che ha creato milioni di debiti e dell'indifferenza dell'imprenditoria cittadina"


domenica, 8 luglio 2018, 23:39

I tifosi a Moriconi: "Decidi cosa fare ma te ne assumi ogni responsabilità"

Ennesima affollata riunione dei tifosi al Museo rossonero. Tanta amarezza, tanta rabbia per la piega che hanno preso gli eventi ma anche la consapevolezza che di avventurieri Lucca ne ha piene le tasche: ennesimo no a Belardelli. Il crac, se non ripianerà Moriconi, è ormai a un passo