Rubriche

Un tifoso ci scrive: "Perché la società non ha risposto al fondo americano che ha acquistato l'Ascoli?"

martedì, 8 febbraio 2022, 07:30

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Cara Gazzetta Lucchese, 

da tifoso innamorato di Lucca e della Lucchese ( la prima volta che mio padre mi portò allo stadio  era il 1977 Lucchese- Campobasso  0-0 prima partita di campionato) vi scrivo solo due considerazioni prendendo spunto dall'articolo di Fabrizio Vincenti sul calciomercato della Lucchese ove, affermato in buona sostanza, che nel mercato invernale, si sarebbe dovuto fare di più si ribadisce (giustamente) che basta fare una visura camerale per capire quali sono le potenzialità attuali.

A mio avviso questa società ha indubbi meriti. Il primo è quello  di aver consentito,  tre anni  or sono, la prosecuzione del calcio a Lucca con l'iscrizione in serie D. Senza gli attuali soci e sponsor probabilmente oggi saremmo a parlare di una Lucchese in promozione e non in serie C.
Altro merito  è quello di aver portato all'attenzione di tutti la necessità del rifacimento dello stadio anche se ad oggi personalmente mi sfugge, da tifoso, quale sia il meccanismo che dovrebbe legare lo sviluppo del progetto edilizio (prima) e la gestione dell'impianto (dopo) con le sorti sportive della Lucchese. E sarei molto contento se questi meccanismi  fossero spiegati anche ai tifosi ed alla città della quale la Lucchese è patrimonio.

Detto questo, c'è una cosa sulla quale, da tifoso, mi piacerebbe avere un approfondimento. Su una testata locale il 19 settembre  2021 è stata riportata l'intervista al presidente del fondo USA  North Sixth Group che ha acquisito il 31% dell'Ascoli calcio in serie B. In questa intervista egli dichiarava di aver fatto,  nel luglio 2021, tramite i suoi legali,  un'offerta di acquisto della Lucchese, alla quale, però,  non era stata mai data risposta alcuna.
Si tratta di una notizia non smentita dalla Lucchese.

Da tifoso mi piacerebbe sapere perché non si è risposto ad un proponente che, se ha poi acquisito una parte di quote di una società di serie B, evidentemente aveva ed ha tutti i requisiti economici per acquistare una società di serie C. E mi piacerebbe saperlo soprattutto  tenuto conto del fatto che anche  lo stesso  presidente Vichi in tv ha affermato che se non va avanti il progetto stadio il massimo a cui possiamo aspirare è la salvezza in serie C.
Vi ringrazio anticipatamente  per l'attenzione e per gli aggiornamenti che potrete dare sui punti sopra indicati. 

Luca P.

 



Altri articoli in Rubriche


domenica, 29 maggio 2022, 09:23

La lettera di un tifoso: "Se dovesse esserci un passaggio di proprietà, bene non disperdere l'attuale patrimonio"

Di fronte alle ricorrenti voci che parlano di un possibile passaggio della Lucchese, Luca, tifoso rossonero, ci scrive: "Credo che ad oggi Mario Santoro Bruno Russo Daniele Deoma ed Alessandro Vichi, ognuno col suo ruolo e le sue competenze, siano un patrimonio assolutamente da non disperdere"


mercoledì, 4 maggio 2022, 11:56

Poschi Meuron: "La nuova casa della Lucchese, siamo sicuri che la riqualificazione del Porta Elisa sia la strada migliore?"

Il giornalista e tifoso rossonero interviene nel dibattito con un lettera: "Ha senso investire denari, pur privati che siano, per realizzare uno stadio in quella zona nevralgica del tessuto urbano? E ancora. Se, come ovvio, quello stadio sarà di supporto ad una squadra ambiziosa, dunque in grado di riempirlo, come...



domenica, 24 aprile 2022, 09:10

Rassegna stampa: Derby pirotecnico

I rossoneri, anche con diverse assenze, chiudono alla grande la stagione regolare assicurandosi altri tre punti e mostrando la giusta determinazione in vista dei play off come si legge nei commenti e nelle interviste dei giornali in edicola


venerdì, 15 aprile 2022, 08:48

Rassegna stampa: Lucchese, hai fatto un capolavoro

Dopo cinque anni i rossoneri ritrovano i play off promozione grazie al netto successo di Grosseto dove la squadra di Pagliuca ha saputo imporsi sin dai primi minuti e con pieno merito, come di legge nei commenti e nelle interviste dei giornali in edicola