Galleria Rossonera

Chiorra: "Vogliamo chiudere bene questa stagione. Futuro? Non dipende da me..."

martedì, 26 marzo 2024, 14:44

di gianluca andreuccetti

Da quasi sconosciuto a certezza il passo non è breve. Lavoro, sacrificio e fortuna: questi gli elementi che servono per imporsi in una squadra di calcio. Arrivato alla Lucchese come un giovane di buone speranze, in otto mesi Niccolò Chiorra è riuscito a ritagliarsi una dimensione di primo livello all'interno dello scacchiere di mister Gorgone. Cresciuto nel settore giovanile della Fiorentina, il classe 2001 ha vestito le maglie di Grosseto, Taranto e Mantova. Nell'estate del 2023, l'estremo difensore è stato passato ai rossoneri, in prestito dall'Empoli . Con la Pantera fino a questo momento ha collezionato 32 presenze, mantenendo la porta inviolata per 11 volte. Intervenuto ai nostri microfoni, Chiorra ha fatto un punto sulla sua avventura alla Lucchese e non solo. Ecco le sue parole.

Contro il Cesena è arrivata una sconfitta immeritata per quello che si è visto in campo: cosa è mancato per fare risultato?

In trasferta, i bianconeri hanno la tendenza a lasciar giocare gli avversari, per poi colpire alla prima occasione utile. Anche domenica è andata così. D'altro canto, va detto che abbiamo avuto un po' di sfortuna sottoporta. Dettaglio non da poco, quando giochi contro una compagine di qualità e che sta lottando per il campionato.

Dopo un inizio di stagione importante, la Lucchese ha avuto tanti alti e bassi: secondo lei come mai?

In verità, il motivo non lo so nemmeno io. A mio parere, inizialmente a fare la differenza è stata anche la poca conoscenza che i nostri avversari avevano su di noi. Poi con il passare del tempo, sono stati bravi a sfruttare al meglio i nostri punti deboli.

Una squadra che l'ha stupita? Un calciatore avversario che invece l'ha impressionata? 

Senza ombra di dubbio la Torres. Nonostante non partissero con i favori del pronostico, i sardi sono stati bravi a mantenere una continuità rilevante. A livello di singoli, direi Merola del Pescara e Shpendi del Cesena. Si vede che hanno delle qualità importanti. 

Una partita di quest'anno che ricorda volentieri?

L'esordio stagionale al "Porta Elisa" contro il Perugia è stato qualcosa di emozionante. Sono rimasto colpito sia dalla grande cornice di pubblico che dall'entusiasmo che si era creato intorno a noi.

Parlando del suo passato, è rimasta sorpresa dall'andamento del Mantova? 

 Conoscendo il presidente e la proprietà ero sicuro che avrebbero riscatto la brutta stagione dello scorso anno. Dall'altra parte, non mi sarei mai aspettato un exploit del genere.

Un allenatore a cui è rimasto particolarmente legato?  

Non ne ho uno in particolare. L'unico che sento spesso è il preparatore dei portieri del Taranto. Un altro con cui ho un buon rapporto è Emiliano Betti, ex preparatore dei portieri della Fiorentina. 

L'esperienza maturata in un settore giovanile importante come quello della Fiorentina l'ha aiutata a crescere? 

Assolutamente sì. Sia da un punto di vista sportivo che umano. Ho appreso l'importanza del rispetto sia per i propri compagni di squadra che per le altre persone che lavorano intorno a te. Ho fatto tutta la trafila, partendo dai Pulcini, arrivando fino alla Primavera.

Nel suo ruolo ha un punto di riferimento? 

Da bambino ho iniziato a giocare ispirandomi a Frey. Crescendo, il mio modello è diventato Neuer. Cosa gli ruberei? Tutto.

Parlando del suo futuro, il prossimo anno si vede ancora con la maglia della Lucchese?  

Mi trovo bene sia con i compagni che con la città. L'obiettivo adesso è quello di chiudere bene questo campionato. É ancora presto per parlare del mio futuro. Il mio cartellino è di proprietà dell'Empoli e quindi non dipende tutto da me. Certo, se si dovessero creare le condizioni giuste sarei felice di rimanere.

 



Altri articoli in Galleria Rossonera


martedì, 21 maggio 2024, 09:14

Pinna: "Lucca merita una squadra di livello"

"La salvezza è stata una magra consolazione: la Lucchese può fare qualcosa di più. Spero che la società costruisca una rosa più competitiva in grado di ambire ad altre posizioni di classifica. A Lucca, due anni stupendi, i migliori della mia carriera.


mercoledì, 15 maggio 2024, 18:03

Aliboni: "Correggio ricordo indelebile, Lucca per sempre nel mio cuore. Su Pagliuca..."

L'ex capitano ricorda la promozione dieci anni dopo: "Quella partita la Lucchese l'aveva già vinta prima di disputarla. Un ruolo fondamentale lo ebbero i tifosi, presenti addirittura sia il giorno prima di partire per l'Emilia che il giorno stesso, scortando il nostro pullman lungo il tragitto dall'albergo al campo.



sabato, 11 maggio 2024, 17:47

Musa, ds Sestri Levante : "Gorgone? Ha gettato le basi per il futuro. Sulle seconde squadre..."

Il diesse dei liguri a Gazzetta: "Play off? A mio parere Avellino e Benevento hanno un passo in più, ma occhio alla Carrarese, al Vicenza e alla Torres. La Lucchese? Quando cambiano sia la proprietà che lo staff e parte dei calciatori non è mai semplice.


venerdì, 10 maggio 2024, 08:58

D'Ancona: "Idolo Sergio Ramos, mi ispiro a Quirini. Lucchese? Mi piacerebbe tornare"

Dopo due stagioni di apprendistato e l'esordio con la prima squadra rossonera, quest'anno il classe 2005 ha giocato in prestito con l'Aglianese, totalizzando 2 reti in 31 presenze: "Con i rossoneri ho un contratto che scadrà a giugno. A me piacerebbe tornare, vedremo"