Detto tra noi

Serve cambiare passo. E alla svelta

lunedì, 19 settembre 2022, 10:40

di fabrizio vincenti

Abbiamo atteso qualche gara di campionato prima di avventurarci in una disamina di questa Lucchese che è arrivata ai nastri di partenza quasi completamente stravolta, a partire dal tecnico, rispetto allo scorso torneo. Quattro gare sono poche, lo premettiamo, e dunque poco senso ha lanciarsi in affermazioni perentorie. Lo avremmo scritto anche nel caso che i rossoneri fossero a pieni punti come per ora, buoni per loro, sta facendo la Carrarese. Ma è altrettanto evidente che alcune prime sommarie indicazioni sono arrivate dal campo, dove la squadra ha raccolto meno, molto meno, di quanto ha fatto vedere e si ritrova con una classifica deficitaria. A Reggio Emilia, contro i granata non ancora al massimo della forma, un pari sarebbe stato alla portata, ma in quel caso i rossoneri non sono mai riusciti a avvicinarsi alla porta avversaria, di fatto sciogliendosi dopo una prima mezzora di buon calcio. Contro l'Imolese è arrivato il riscatto, con qualche ombra riguardo alla tenuta fisica, peraltro inevitabile visto che molti dei protagonisti sono arrivati all'ultimo tuffo.

Nelle ultime due gare, però, le recriminazioni si fanno consistenti: contro il Pontedera sono stati buttati via due punti letteralmente, i granata davano la sensazione di non riuscire a trovare la porta, è servito un pasticcio difensivo che si è unito alle occasioni gettate per chiudere la gara, buon ultima quella di Bianchimano a tempo scaduto. A Fiorenzuola, invece, si è sfiorato l'incredibile: occasioni su occasioni buttate al vento, con gli attaccanti che nel complesso, almeno chi ha giocato (Bianchimano è rimasto in panchina), hanno dato la sensazione di avere le polveri bagnate. A livello di gioco, qualche trama inizia a vedersi e la sensazione è che la formazione di Maraia abbia un centrocampo di notevole qualità che va però sfruttato al meglio. Su tutto, aleggia anche la scelta del tecnico, evidentemente preoccupato dalle condizioni fisiche di molti dei suoi, di cambiare quasi completamente formazione ogni volta che si è scesi in campo, nemmeno la Lucchese dovesse fare una coppa europea. Per ora, il giudizio è rivedibile. Ma serve cambiare passo e alla svelta.  Perché solo i risultati possono dare fiducia alla squadra e anche a tutto l'ambiente, che, sia pure con difficoltà comprensibili, deve provare a rimanere calmo. 



Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 16 gennaio 2023, 12:17

Animo!

'è indubbiamente un clima di attesa intorno alla Lucchese, l'attesa per una eventuale passaggio societario cresce, ammesso che sia mai scesa, visto che negli ultimi anni si sono sentite le ipotesi più improbabili, a volte davvero campate in aria, eppure veicolate come affari quasi fatti.


lunedì, 19 dicembre 2022, 10:52

Andare avanti partita dopo partita, senza cali di concentrazione

No, non poteva essere vera la Lucchese vista a Fermo, così impacciata, abulica, priva di idee e di mordente. Ripetere prestazioni disastrose di quel genere sarebbe stato davvero un segnale pessimo. E invece, come peraltro aveva assicurato lo stesso tecnico rossonero, la squadra ha immediatamente resettato e cambiato marcia.



domenica, 27 novembre 2022, 10:41

Urge cambio di rotta

Quattro sconfitte in cinque gare non sono un caso: è la statistica che ci conforta nell'affermarlo. D'accordo, a Ancona è stato un secondo tempo da dimentica; in casa con l'Alessandria una partenza choc e qualche distrazione sul finire; con il Gubbio ha pesato (e non poco) l'arbitraggio; a Fermo mancava...


lunedì, 31 ottobre 2022, 15:26

No ai giudizi affrettati, ma serve qualcosa in più

La Lucchese che potrebbe essere e ancora non è. E' opinione diffusa, anche tra gli addetti ai lavori, che la formazione allestita l'estate scorsa sia di buon livello. Equilibrata in ogni reparto (anche se manca forse il super bomber), con un buon mix di giovani e esperti, con più di...