Detto tra noi

Mercato invernale, si doveva fare di più

martedì, 1 febbraio 2022, 10:31

di fabrizio vincenti

Due premesse, indispensabili quanto, probabilmente, ripetitive per giudicare il mercato invernale della Lucchese. Primo: non ci piace chi fa i conti con i soldi degli altri, è a dir poco di pessimo gusto. Secondo: la forza dell'attuale società rossonera è questa, chi non lo avesse capito viene da chiedersi dove viva, perché basta fare una visura camerale per capire che l'attuale compagine ha fatto e fa quello che può. Se poi si auspica una società più forte, crediamo si sia tutti d'accordo.

Fatte queste due inevitabili premesse, non possiamo che dirci insoddisfatti dal mercato invernale della Lucchese. E non tanto per la cessione di Eklu Shaka – al giorno d'oggi non si trattengono controvoglia i giocatori, semmai si vendono al prezzo migliore o si mettono fuori squadra. A nostro avviso la cessione del centrocampista autore di una prima parte di stagione sontuosa è stato in qualche modo compensato dall'arrivo di Collodel, che ovviamente ora deve dimostrare quello che a Cremona non gli hanno consentito di dimostrare.

Il mercato invernale vede un centrocampo rossonero rinforzato dall'arrivo di Tumbarello che in categoria ha un suo valore e che va a sostituire un Bensaja che a Lucca, purtroppo, non è riuscito a ritagliarsi un suo spazio. I problemi nascono invece in difesa, dove sarebbe probabilmente servito un altro esterno che non è arrivato. E soprattutto in attacco: sono mesi che tutti dicono che la Lucchese non ha, con l'eccezione di Semprini, un attacco in grado di fare male e i numeri lo confermano impietosamente. Ci attendevamo un colpo d'ala, a maggiore ragione dopo l'infortunio che terrà Fedato lontano dai campi per un po'.

E invece è arrivato solo Ubaldi, di cui viene detto un gran bene ma che il futuro in categoria lo deve ancora tutto creare. Poco, decisamente poco. Un poco, al netto delle difficoltà del mercato che devono essere state incontrate visto che solo pochi giorni fa Bruno Russo aveva parlato di rinforzi in tutti i reparti e invece è arrivato solo Tumbarello, che dovrebbe comunque non incidere sulla corsa salvezza. La Lucchese ha la possibilità di farcela, e quello è e rimane l'obiettivo fondamentale dopo l'ennesima stagione travagliata e il ripescaggio. In attesa di capire cosa succederà a livello societario. Le voci non mancano, del resto. 



Altri articoli in Detto tra noi


domenica, 1 maggio 2022, 20:20

Il futuro è adesso

E' finita. La stagione 2021-2022 va in archivio dopo la sconfitta nella prima gara play off di Gubbio. E' finita come è cominciata, ovvero con la sensazione e qualcosa di più che la Lucchese sia in grado di divertire, di praticare un bel gioco e che magari difetti nella fase...


venerdì, 15 aprile 2022, 07:21

Play off, arriviamo!

Cinque anni, sono passati cinque anni dall'ultima partecipazione della Lucchese a una gara play off. All'epoca sulla panchina rossonera c'era Giovanni Lopez: Arezzo, Albinoleffe, Parma, cinque scontri che riaccesero le speranza di poter sognare nei tifosi rossoneri che, soprattutto contro i ducali, riempirono il Porta Elisa come da tempo non succedeva.



domenica, 10 aprile 2022, 09:31

Obiettivo raggiunto, e non era scontato

Non c'è niente di scontato nella vita e nel calcio, la scorsa stagione lo ha ricordato ancora una volta dolorosamente ai tifosi rossoneri che tutto si aspettavano meno che un campionato disastroso, imbarazzante, a tratti umiliante come quello che ha sancito la retrocessione sul campo, poi evitata con il ripescaggio.


giovedì, 24 marzo 2022, 14:49

Lucchese, quale futuro?

La salvezza, fatti i dovuti scongiuri del caso, inevitabili quando si parla di calcio, sembra davvero a un passo. Forse nemmeno a quello, a pensarci bene, perché per una serie di scontri diretti che coinvolgeranno le ultime in classifica in questa fase finale di stagione, i punti che la Lucchese...