Porta Elisa News

La rabbia di Obbedio: "La Lucchese si sarebbe potuta salvare con poco"

mercoledì, 26 giugno 2019, 08:24

di diego checchi

Antonio Obbedio è un fiume in piena. Non si trattiene e dice la sua su tutte le cose successe all’interno della Lucchese dal 28 dicembre in poi. E ovviamente si toglie più di qualche sassolino dalle scarpe, andando a toccare diversi argomenti anche scottanti.

E' rammaricato o si aspettava che finisse così?

“È la chiosa finale di un siparietto che va avanti dal 28 dicembre. Il giorno 28 dicembre ha virtualmente cessato di esistere la Lucchese. Non avevo un minimo di speranza. Ci hanno raccontato solamente barzellette”.

La cosa che le ha dato più noia in questi mesi?

“L’aver saputo che qualcuno di questi personaggi è stato regolarmente pagato mentre noi abbiamo fatto la “fame” e gli unici che ci hanno “sfamato” sono stati i tifosi. E noi siamo riusciti ad andare avanti grazie ai tifosi. È una cosa allucinante, perché come si vede dai tabulati del conto-lega è chiaro come queste persone sono state pagate”.

Pensando al futuro da dove vorrebbe ripartisse la Lucchese?

“La cosa che questi barzellettieri non potranno mai cancellare è stato quello che abbiamo fatto noi a livello sportivo. E quello che si è creato a livello empatico con la tifoseria, che va al di sopra di tutti i soldi che ci abbiamo rimesso e che ci rimetteremo”.

Che futuro vede per Lucca sportiva?

“Spero possa ripartire presto, almeno dalla Serie D. Sperando ci sia qualcuno con passione, che voglia bene a una creatura di proprietà dei tifosi e di Lucca. Non esiste che una città come Lucca non possa avere persone così”.

Le dispiace lasciare Lucca così?

“A me era rimasta nel cuore già da calciatore, ma dopo questi anni mi è entrata proprio sotto la pelle. Le soddisfazioni che sono riuscito a togliermi qui a Lucca, non verranno mai cancellate. L’altra mattina ero veramente arrabbiato per l’esclusione. Mi auguro che tutti coloro che si sono alternati alla guida della Lucchese da dicembre in poi se ne renderanno conto, perché la giustizia italiana è lenta, ma poi arriva”.

La Lucchese si poteva salvare con poco?

“Assolutamente sì. C’erano tutti i presupposti per salvarla. Secondo me il piano della società era portare la squadra alla retrocessione, ma non pensavano di trovarsi di fronte un muro, ovvero questa squadra incredibile”.

Che cosa vuole dire allo staff e ai ragazzi?

“Grazie a tutti, staff e squadra. Ma ovviamente ringraziarli perché insieme abbiamo perseguito un sogno folle e ci siamo salvati nonostante i punti di penalizzazione e ne ha parlato tutta Europa. La soddisfazione è che tutti i ragazzi avranno un ritorno a livello personale. Alla lunga la serietà e l’etica professionale pagano”.

Il suo futuro?

“Domani vado a parlare con il Messina. Ho voglia di rimettermi subito in gioco cercando di trovare una società che abbia un progetto tecnico ed economico per costruire qualcosa. ”.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 20 agosto 2019, 18:46

Mercato, Benassi vicino al ritorno in rossonero

Il nome più gettonato per rinforzare la difesa è quello di Maikol Benassi, classe '89 che ha fatto il settore giovanile nella Lucchese , lo scorso anno a Cesena. Per l'attacco si studiano Gaston Corado, ex Francavilla, e Luca Orlando, ex Matera. La suggestione si chiama Claudio Coralli


martedì, 20 agosto 2019, 11:13

Wikipedia e il mistero del proprietario della Lucchese

Per Wikipedia, l'enciciclopedia libera di internet, la Lucchese è in mano a un tale che di nome fa Antonio Scialla. La società si è attivata per la rimozione. Santoro: "Non sappiamo chi sia se vuole venire e portare 3-400mila euro è ben accetto.



lunedì, 19 agosto 2019, 17:52

Deoma: "I tifosi, la nostra spinta in più"

Dopo l'esordio in Coppa parla il diesse: "Sono molto soddisfatto dall'atteggiamento dei miei giocatori. E' vero ci sono ancora tante cose da migliorare ma per essere la prima partita non gli si poteva chiedere di più"


domenica, 18 agosto 2019, 21:55

Vignali: "Non si deve mollare niente: abbiamo affrontato la gara con lo spirito giusto"

Soddisfatto anche il giovane Presicci: "Un pubblico così non me lo sarei mai immaginato. Abbiamo retto bene, stiamo lavorando sodo e le due amichevoli che abbiamo giocato ci hanno fatto bene per mettere minuti nelle gambe”