Porta Elisa News

Il futuro è tutto da scrivere, il tempo stringe

martedì, 25 giugno 2019, 08:16

Archiviato il tentativo d'iscrizione in Lega Pro, con l'appendice del ricorso al presidente della Figc per ottenere una proroga ai più nemmeno minimamente spendibile, visto che Massone, Castelli e Ferrando, oltre altri eventuali partecipanti, hanno ritenuto bene di non depositare nemmeno la tassa da qualche decina di migliaia di euro, a sottolineare lo spessore dell'operazione, è tempo di capire come potrà non morire il calcio a Lucca.

La strada appare decisamente complessa. Le ipotesi, con la complicazione di fondo che la As Lucchese Libertas Srl ovvero l'attuale compagine societaria è ancora iscritta alla Figc, sembrano essere sostanzialmente due, visto che nessuno intende avere rapporto con la società che ha richiesto un concordato proventivo ora mai così lontano dal potere prendere forma. O la creazione ex novo di una  società che riparta dai dilettanti, con l'incognita appunto della rappresantività della città in mano, per ora, al club che ha di fatto appena rinunciato all'iscrizione in Lega Pro, oppure l'acquisto di un titolo di un'altra squadra, a cui poi assegnare il nome e il marchio che sono nelle mani di Lucca United, ovvero quelli storici. In questo senso, la prima possibiità pare essere quella di rilevare il titolo del Ghiviborgo. 

Da parte di chi? Presto per dirlo anche se iniziano a circolare le prime ipotesi: possibile che possano ritornare in scena alcuni degli imprenditori che sono stati tenuti alla porta per mesi durante la gestione Moriconi-Città Digitali, come pure che si avvicinino nuovi soggetti, anche del territorio. Di certo un ruolo cruciale lo dovrà svolgere, suo malgrado, il sindaco Tambellini, sia da un punto di vista formale, qualora venisse investito della responsabilità di assegnare la rappresentatività della città da parte della Figc, sia sostanziale, non dimentichiamo che la questione dello stadio, con le sue scandalose condizioni di manutenzione e le sue prospettive ancora molto nebulose sono altri elementi di criticità in questo caso che ricadono completamente sulla gestione approssimativa per non dire di peggio del Comune di Lucca. La scadenza per l'iscrizione alla serie D è fissata per il 12 luglio prossimo. 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"



venerdì, 19 luglio 2019, 09:57

Corda: "Siamo pronti per il bando"

L'ex direttore tecnico del Como ancora in città ha incontrato Vittorio Tosto e l'ex responsabile della comunicazione Giacomo Bernardi: "Non ho ancora visto nei dettagli il bando ma contiamo di depositare tutto entro il 25. In società Nicastro? Potrebbe entrare al 15-20 per cento"


venerdì, 19 luglio 2019, 09:50

Stadio, il Comune stanzia 45mila euro per i servizi di ingegneria per i lavori urgenti. E chi li paga questi ultimi?

Il Comune dà il via alla procedura per i lavori urgenti al Porta Elisa dopo che a seguito delle verifiche di vulnerabilità statica e sismica effettuate dallo studio di ingegneria Archimede s.r.l. Ecco le imprese coinvolte: ma chi pagherà i lavori veri e propri?