Porta Elisa News

Lucchese, provaci ancora

lunedì, 6 maggio 2019, 19:30

di diego checchi

Ancora due giorni di meritate vacanze e poi per la Lucchese inizierà la preparazione di un altro mini campionato e cioè quello dei play out. Infatti mister Favarin, il suo staff ed i suoi ragazzi dovranno iniziare a pensare alla sfida contro il Cuneo. Una sfida che si giocherà sui 180 minuti e che vedrà la Lucchese scendere in campo fra le mura amiche nella gara di andat a e cioè sabato 18 maggio. La domanda sorge spontanea: dove troverà la squadra le energie per andare avanti e per sacrificarsi ancora considerando che la società non esiste e che i giocatori e lo staff tecnico sono senza stipendio ormai da mesi? La risposta è presto detta: in questo gruppo c'è un integrità morale molto alta che va al di là dei soldi e di ogni lauto compenso economico.

La salvezza sul campo è ormai un passo voluto e portato avanti insieme alla tifoseria e uscire con la C in tasca da questi playout vorrebbe dire vere fatto ancora un altro autentico miracolo che dovrà essere, se succederà, sottolineato in tutto il mondo del calcio, anche perchè se la Lucchese dovesse vincere con il cuneo dovrà comunque andare a scontrarsi contro la vincente del playout del girone C fra Bisceglie e Paganese, per conservare definitivamente la categoria. I giocatori in questa settimana si guarderanno in faccia, si compatteranno ancora una volta ed andranno dietro alle indicazioni di mister Favarin e dei suoi fidati collaboratori che prima di tutto sono uomini e poi professionisti. vogliamo fare un plauso particolare ad una persona che per motivi familiari adesso non può lavorare con la squadra, che è Enzo Biato, perchè senza nulla togliere ad Angelo Pagotto che ha sposato con grande enfasi ed entusiasmo questa avventura pur sapendo di non venire a Lucca per l'aspetto economico, i miglioramenti di Vladimiro Falcone sono sotto gli occhi di tutti ed è sicuramente merito dell'esperto preparatore dei portieri rossonero che ha creduto nelle qualità del ragazzo dandogli fiducia fin dall'inizio anche nei momenti più difficili.

Adesso Falcone è diventato una delle certezze della squadra e su di lui ci sono gli occhi di squadre di categoria superiore. Un simbolo di questa Lucchese anche se non può giocare per l'infortunio è simone Greselin che sabato dopo la partita è arrivato in sala stampa ed ha ringraziato i compagni per avergli regalato i playout. Lo sapete quante storie ci sarebbero da raccontare di questa annata brutta per un verso ma sofferta e bella per un altro? Dell'aspetto societario non ne vogliamo parlare volutamente perchè il proscenio adesso se lo devono prendere questi ragazzi e lo staff tecnico, poi in altre sedi speriamo che chi deve pagare oaghi senza nessuno sconto. Ma intanto prepariamoci a queste due partite e prolunghiamo questo sogno.  



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 20 agosto 2019, 18:46

Mercato, Benassi vicino al ritorno in rossonero

Il nome più gettonato per rinforzare la difesa è quello di Maikol Benassi, classe '89 che ha fatto il settore giovanile nella Lucchese , lo scorso anno a Cesena. Per l'attacco si studiano Gaston Corado, ex Francavilla, e Luca Orlando, ex Matera. La suggestione si chiama Claudio Coralli


martedì, 20 agosto 2019, 11:13

Wikipedia e il mistero del proprietario della Lucchese

Per Wikipedia, l'enciciclopedia libera di internet, la Lucchese è in mano a un tale che di nome fa Antonio Scialla. La società si è attivata per la rimozione. Santoro: "Non sappiamo chi sia se vuole venire e portare 3-400mila euro è ben accetto.



lunedì, 19 agosto 2019, 17:52

Deoma: "I tifosi, la nostra spinta in più"

Dopo l'esordio in Coppa parla il diesse: "Sono molto soddisfatto dall'atteggiamento dei miei giocatori. E' vero ci sono ancora tante cose da migliorare ma per essere la prima partita non gli si poteva chiedere di più"


domenica, 18 agosto 2019, 21:55

Vignali: "Non si deve mollare niente: abbiamo affrontato la gara con lo spirito giusto"

Soddisfatto anche il giovane Presicci: "Un pubblico così non me lo sarei mai immaginato. Abbiamo retto bene, stiamo lavorando sodo e le due amichevoli che abbiamo giocato ci hanno fatto bene per mettere minuti nelle gambe”