Porta Elisa News

Mister Langella: "Stiamo cercando di isolare la squadra da quanto succede intorno"

venerdì, 12 aprile 2019, 13:08

di diego checchi

Giovanni Langella ammette che la Pro Vercelli è una delle squadre più forti del campionato, ma è anche convinto che la Lucchese se la giocherà, senza timori reverenziali. È chiaro che il momento a livello societario è pessimo, ma lo staff tecnico e la squadra deve pensare soltanto al campo.

Ogni settimana che ci troviamo c’è sempre qualcosa di nuovo e di brutto: come state vivendo questi momenti? 

“Come ha detto De Vito in settimana, noi potremo sempre andare a testa alta a differenza di tante persone che ci hanno messo in questa situazione. Come staff stiamo cercando di isolare la squadra da tutto ciò che c’è fuori, anche perché la scorsa settimana c’è stato un po’ di trambusto che per esempio ci ha condizionato sicuramente contro il Novara (Striscia la Notizia, la Rai, ecc, ecc..). Noi dobbiamo pensare al campo e alle due gare prima di Pasqua”.

Pro Vercelli e Piacenza, due partite che non concedono grandi chance.

“Pro Vercelli è una delle migliori del campionato, anche a livello tattico come vedemmo in casa all’andata. Hanno vinto a Cuneo e saranno gasati. Sarà una partita che non dà alternative a noi: andiamo a cercare punti e giocarci la partita”.

Quanti punti deve fare la Lucchese per evitare la forbice degli otto punti per la retrocessione diretta?

“Fare punti in queste due gare e poi vincere contro l’Albissola. Però dovremo vedere quanti punti ci toglieranno e magari ci ridaranno nel caso in cui sia buona la fideiussione. Adesso c’è un calendario brutto sia per noi, Albissola e Cuneo”. 

L’ideale era fare almeno un punto sabato scorso contro il Novara.

“Sabato è stata una partita che abbiamo subito, soprattutto nel primo tempo, la loro fisicità, la loro forza. Purtroppo le distrazioni sono lecite e la squadra un po’ ne risente”.

Ha parlato molto bene della Pro Vercelli, ma avrà anche un punto debole?

“La Pro Vercelli ha lasciato dei punti in casa. Hanno cambiato modulo, ma come le grandi squadre quale è, se le subisci, alla fine perdi. Dobbiamo cercare di fare la nostra partita senza pensare che sono più forti”.

Gabbia sarà utilizzabile da subito?

“È a disposizione ma ha avuto un po’ di problemi. Però sono tutti a disposizione a parte Madrigali. Anche Fazzi e Zocco sono aggregati alla prima squadra e ci stanno dando una mano anche per il lavoro quotidiano. Essendo pochi dobbiamo sfruttare tutti e tenere tutti al cento per cento”.

Ci sarà un po’ di turnover date le due partite ravvicinate?

“Nessun turnover. La gara più difficile è quella contro la Pro Vercelli. Tutto il resto verrà dopo”.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"



venerdì, 19 luglio 2019, 09:57

Corda: "Siamo pronti per il bando"

L'ex direttore tecnico del Como ancora in città ha incontrato Vittorio Tosto e l'ex responsabile della comunicazione Giacomo Bernardi: "Non ho ancora visto nei dettagli il bando ma contiamo di depositare tutto entro il 25. In società Nicastro? Potrebbe entrare al 15-20 per cento"


venerdì, 19 luglio 2019, 09:50

Stadio, il Comune stanzia 45mila euro per i servizi di ingegneria per i lavori urgenti. E chi li paga questi ultimi?

Il Comune dà il via alla procedura per i lavori urgenti al Porta Elisa dopo che a seguito delle verifiche di vulnerabilità statica e sismica effettuate dallo studio di ingegneria Archimede s.r.l. Ecco le imprese coinvolte: ma chi pagherà i lavori veri e propri?