Porta Elisa News

De Vito: "Crediamo nella salvezza, a livello societario non mi attendo più nulla"

giovedì, 11 aprile 2019, 08:15

di diego checchi

Il difensore rossonero Marco De Vito analizza il momento della Lucchese e spiega anche perché la squadra ha avuto un attimo di flessione contro il Novara ma è altresì convinto che la Lucchese andrà a Vercelli per vincere. 

Da dove si riparte dopo la sconfitta interna di sabato scorso? 

"Si riparte ancora più forti di prima. Consapevoli di ciò che di buono abbiamo fatto e di ciò che invece abbiamo sbagliato".

Che cosa vi è mancato nella partita contro il Novara?

"Ci è mancata un po' di fisicità. Ci hanno messo sotto soprattutto dal punto di vista atletico".

Non capita tutti i giorni che i tifosi della squadra avversaria applaudano i giocatori dell'altra formazione a fine gara. A voi questo vi è successo sabato...

"Si, è vero. Sono rimasto stupito da questa cosa. Stavamo rientrando dal saluto ai nostri tifosi e siamo stati chiamati sotto la curva ospiti per ricevere il loro applauso, cosa che sui nostri campi non succede mai. Non siamo andati solo per rispetto ai nostri tifosi ma voglio comunque cogliere l'occasione per ringraziare i tifosi del Novara di questo bellissimo gesto".

Ci credete ancora alla salvezza? 

"Eccome no. Faremo di tutto fino in fondo finché ci sarà una speranza. Lavoreremo senza tirarci mai indietro. Il gruppo è molto compatto e la nostra intenzione è di vincere tutte le prossime quattro partite evitando così la forbice degli otto punti che vorrebbe dire retrocessione diretta".

Come va affrontata la gara di Vercelli? 

"Va affrontata nello stesso modo in cui abbiamo affrontato l'Entella due volte. Senza avere la minima incertezza e senza avere la minima disattenzione".

Ormai voi e i tifosi siete un gruppo unico? 

"Come ho detto in precedenza noi e i tifosi siamo ormai un unica cosa. Soffriamo insieme e gioiamo insieme. Proprio per questo abbiamo portato negli spogliatoi lo striscione di Arezzo, per ricordarci sempre chi siamo".

A livello societario lei spera ancora in qualcosa? 

"Non spero più in niente. Succederà quello che dovrà succedere. Adesso sono concentrato su quello che succede in campo e su dare il massimo per questa maglia. Una cosa però la so: so che ogni mattina quando mi alzo posso guardarmi serenamente allo specchio, forse qualcun'altro no".  



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 19 luglio 2019, 19:58

Porta Elisa, il Comune vuole portare sotto 4000 la capienza

Per il Comune di Lucca, dormiente da anni sul Porta Elisa e in generale sugli impianti sportivi, la capienza dello stadio va portata sotto le 4000 persone. Di più: a chi avrà l'onere di far ripartire il calcio a Lucca, l'amministrazione Tambellini chiede di giocare fuori casa le prime partite...


venerdì, 19 luglio 2019, 17:28

Futuro rossonero: due o più cordate in pista?

Al momento paiono essere due le cordate interessate, ma si rincorre la voce di una possibile terza che avrebbe il rifacimento dello stadio come obiettivo primario. Santoro: "Al 98 per cento saremo presenti alla manifestazione di interesse, ma per ora niente nomi"



venerdì, 19 luglio 2019, 09:57

Corda: "Siamo pronti per il bando"

L'ex direttore tecnico del Como ancora in città ha incontrato Vittorio Tosto e l'ex responsabile della comunicazione Giacomo Bernardi: "Non ho ancora visto nei dettagli il bando ma contiamo di depositare tutto entro il 25. In società Nicastro? Potrebbe entrare al 15-20 per cento"


venerdì, 19 luglio 2019, 09:50

Stadio, il Comune stanzia 45mila euro per i servizi di ingegneria per i lavori urgenti. E chi li paga questi ultimi?

Il Comune dà il via alla procedura per i lavori urgenti al Porta Elisa dopo che a seguito delle verifiche di vulnerabilità statica e sismica effettuate dallo studio di ingegneria Archimede s.r.l. Ecco le imprese coinvolte: ma chi pagherà i lavori veri e propri?