Porta Elisa News

Società, già registrato l'atto di vendita in Camera di Commercio

mercoledì, 2 gennaio 2019, 12:59

di fabrizio vincenti

Già tutto fatto in Camera di Commercio, addirittura prima della conferenza stampa farsa del 29 dicembre scorso: il passaggio delle quote della Lucchese Libertas è già stato registrato dal giorno 28 dicembre in Camera di Commercio. E' quanto risulta dalla visura camerale sulla società rossonera. Come noto, il 98 per cento delle quote è ora nelle mani di Aldo Castelli. L'1 per cento sono a Città Digitali e a Moreno Micheloni. 

Quanto a Umberto Ottaviani, il pensionato bancario che ora è amministratore  unico della Lucchese grazie alla vendita di Moriconi, interessante rilevare le sue presenze come amministratore. Camerale alla mano, Ottaviani (nella foto con il proprietario Castelli) risulta essere amministratore e socio unico della Lorenzo e Lara Srl, una società di consulenza con capitale sociale pari a 100 euro e della Fontana Immobiliare Srl, con patrimonio 50mila euro. Il nuovo amministratore della Lucchese è anche presidente di Agoal, la società del gruppo Intesa (dove ha lavorato) e che si occupa di turismo con un capitale (della banca) pari a 1,1 milioni di euro.

Ma Ottaviani è anche liquidatore della AP Holding Srl, una società legata a Angelo Proietti, noto per il primo caso di sequestro di conti correnti di un cittadino italiano presso lo Ior. L'imprenditore Angelo Proietti, arrestato nel 2016 per bancarotta fraudolenta, verrà ricordato anche per essere il primo cittadino italiano condannato dal Tribunale vaticano per il reato di autoriciclaggio. Lo scorso 17 dicembre, infatti,  i giudici vaticani hanno disposto una condanna a due anni e mezzo di reclusione per l'imprenditore romano, oltre alla confisca di un milione di euro già sequestrato nel 2014 dalle autorità vaticane. Per maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-05-19/da-roma-primo-sequestro-un-conto-corrente-presso-ior-l-imprenditore-angelo-proietti-domiciliari-bancarotta-101916.shtml?uuid=ADIXqFL e http://m.dagospia.com/angelo-proietti-sara-ricordato-anche-per-essere-il-primo-condannato-dal-tribunale-vaticano-per-191462. 

Ottaviani è stato nominato liquidatore della holding del discusso uomo di affari il 15 ottobre del 2017: dieci giorni prima Proietti aveva ceduto tutto a Simonetta Catena, ma i rapporti tra Ottaviani e Proietti datano a ben prima. Ottaviani viene infatti nominato presidente della Holding il 22 giugno del 2015 e il 5 giugno del 2017 diventa invece amministratore unico: in totale continuità, insomma. 

Nel frattempo, nonostante il passaggio delle quote della Lucchese, Arnaldo Moriconi, non si capisce a quale titolo, a meno che non pensi di riprendere la società con un nuovo contratto di compravendita a parti invertite, ha continuato nei giorni successivi al 28 dicembre a contattare rappresentanti di altre cordate. Contatti insistenti verso fine anno, per quanto, secondo una fonte molto vicina alla società, come risulta anche da un quotidiano in edicola stamani, il trio romano avrebbe assicurato il pagamento di uno stipendio per tranquillizzare i giocatori. Che tranquilli, come tutti hanno potuto vedere, non sono e che avanzano ancora lo stipendio di novembre e di dicembre, così come impone il contratto nazionale, che prevede, Covisoc o non Covisoc, pagamenti mensili per tutti i calciatori, al pari di un qualunque lavoratore subordinato.

La mossa del trio romano (Ceniccola, Castelli e Ottaviani), che in un primo momento sembrava intenzionato a mollare, pare un tentativo per placare (inutilmente) la piazza e la squadra. A proposito di persone intenzionate, almeno a chiacchiere, a mollare, va ricordato anche il direttore generale autopresentatosi nelle scorse settimane, Enrico Tommasi. Venerdì scorso, nei corridoi del Porta Elisa, aveva confidato a alcuni dei presenti di essersi sentito raggirato, di voler tornare a casa, ovvero nel suo buen retiro di Seravezza. Nel frattempo, però, ha indetto per stamani una riunione con i quadri tecnici della società, saltata, perché tutti hanno risposto picche, essendo in ferie. E' stato visto aggirarsi, spaesato, a Arezzo. 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


martedì, 19 marzo 2019, 18:57

Romani forse che sì, forse che no: "Non posso fare nulla, ma non escludo di aver segnalato al tribunale qualcosa..."

Il sindaco revisore dimissionario della Lucchese: "L'unica cosa che posso fare è una segnalazione al tribunale che qualcosa non va. E chissà che non l'abbia già fatto... E' da dicembre che non vedo i conti e non so quali sia la reale situazione finanziaria della Lucchese"


martedì, 19 marzo 2019, 17:12

Ceniccola; "Non so perché Nuccilli voglia comprare la Lucchese, noi abbiamo una pista di riserva"

Il consulente dimissionario di Castelli e Ottaviani era presente alla firma del precontratto: "Dopo il 25 perde ogni valore, la situazione del club è sotto gli occhi di tutti, non so perché lo stia rilevando Nuccilli, ci ha parlato di voler rifare lo stadio"



martedì, 19 marzo 2019, 11:46

Centrodestra e civiche lasciano la commissione speciale sulla Lucchese: "E' un fallimento totale"

"La sensazione – si legge in una nota congiunta – è che il Comune, sulla Lucchese, stia cercando di politicizzare la scomparsa della società, affidandosi all'aiuto di personaggi che vogliono far rinascere la nuova società dal campionato dilettanti. La commissione ha fallito i suoi intenti"


lunedì, 18 marzo 2019, 20:23

Nuccilli annuncia urbi et orbi: "Firmato il precontratto"

Alessandro Nuccilli ha firmato questa sera il precontratto per l'acquisto della società dalle mani di Aldo Castelli: "Ora devono fornire i documenti contabili in base ai quali deciderò il da farsi e se acquistare o meno, entro il 25 marzo, la società. Con me c'è Angelo D'Adamo"