Porta Elisa News

Giana Erminio bestia nera della Lucchese

giovedì, 12 aprile 2018, 15:52

di diego checchi

A Gorgonzola per vincere e per sfatare la tradizione. E’ quello che deve fare la Lucchese al Città di Gorgonzola perché su tre incontri con la squadra di Albè sono corrisposte tre sconfitte fra lo scorso anno e questa stagione quando in panchina c’era sia Galderisi sia Lopez. Ma andiamo a ripercorrere le partite. La prima sfida c’è stata nella stagione 2016-17 e precisamente nel dicembre 2016 allo stadio Porta Elisa i lombardi si imposero per 2-1 grazie alla rete di Bruno a tempo scaduto dopo che Zecchinato aveva pareggiato la rete di Marotta.

La seconda delle tre sconfitte è arrivata l’ultima giornata di campionato di quella stagione, quando tutte e due le squadre erano già matematicamente ai playoff con la rete vincente di Okyere. L’ultima vittoria per i lombardi è la più recente ovvero quella datata 26 novembre 2017, ed anche la più pesante, visto che la Giana si impose a Lucca per tre reti a zero con marcature di Perna, Pinardi e Okyere. Ora sta alla Lucchese sovvertire questo brutto score.


Altri articoli in Porta Elisa News


mercoledì, 19 settembre 2018, 19:42

Jovanovic in dubbio per Pistoia

L'attaccante si ferma per un guaio muscolare e la sua presenza in campo contro gli arancioni è in dubbio. Favarin ragiona se riproporre il 4-3-3 o tornare al 3-5-2


martedì, 18 settembre 2018, 18:45

Arriveranno i rinforzi o no?

Mentre la squadra ha ripreso gli allenamenti, una domanda continua a frullare nelle menti dei supporter e riguarda il mercato: arriveranno almeno quei due giocatori che servono per fare il salto di qualità?



martedì, 18 settembre 2018, 17:44

Con gli arancioni si giocherà a Pistoia

Via libera della Commissione di vigilanza che ha dato il suo assenso per disputare la gara di domenica prossima tra Pistoiese e Lucchese allo stadio Melani, ma non sarà aperta la curva dei tifosi di casa che avranno a disposizione la tribuna coperta


martedì, 18 settembre 2018, 08:14

Non perdere l'entusiasmo

Considerando improbabili gli arrivi di nuovi giocatori, e ci sarebbe un gran bisogno di gente con personalità, mister Favarin dovrà lavorare con quello che ha a disposizione, sulla testa dei suoi giocatori, motivandoli e preparandoli per la prossima battaglia