Porta Elisa News

Shekiladze riparte dal rossonero: "Qui mi voglio rilanciare"

mercoledì, 7 febbraio 2018, 17:52

di diego checchi

Ha voglia di dare una grande mano a questa squadra e di lasciare un segno a Lucca, questo è Irakli Shekiladze il nuovo attaccante della Lucchese che parla a ruota libera del passato, del presente e del futuro e spiega anche il perché è arrivato a Lucca:”La Lucchese mi voleva già ad inizio stagione però avevo fatto la scelta di provare a giocarmi le mie carte in Serie B con lo Spezia. Però non è andata bene ma non credo che i sei mesi passati nella città ligure siano stati vani perché mi hanno fatto imparare tante cose. Devo ringraziare il direttore sportivo Obbedio perché mi ha ricercato ad inizio gennaio ed ha voluto a tutti i costi portare a termine questa trattativa e sono molto felice di essere venuto a Lucca".

Qual è la sua condizione fisica?

“Devo dire la verità, adesso sto migliorando, ma i primi giorni in cui sono arrivato a Lucca vedevo che a livello di condizione ero molto più indietro rispetto ai miei compagni. Ma con il lavoro e l’impegno sto recuperando il gap”.

Quali sono le sue caratteristiche?

“Sono un contropiedista sta e prediligo attaccare gli spazi. Mi piace giocare in appoggio ad una prima punta.”

Qual è l’obbiettivo della Lucchese in questo momento?

“Prima di tutto bisogna raggiungere la salvezza nel più breve tempo possibile e poi siccome questa squadra ha la possibilità di giocarsela con tutti, quindi bisogna pensare di avere la possibilità di raggiungere i playoff ma soltanto dopo aver tagliato il traguardo del primo obbiettivo.”

Come considera questa parentesi alla Lucchese?

“Un punto di partenza. Questi mesi mi devono servire affinchè mi possa rilanciare. Spero innanzitutto di stare bene fisicamente e poi vorrei riuscire a fare almeno 5 gol”.

Per quale motivo non è riuscito a rispettare le attese che c’erano su di lei?

“Questa è una bella domanda. Forse ho fatto nel corso della mia carriera delle scelte sbagliate ma è inutile guardarsi indietro. Adesso penso solo alla Lucchese ed a raggiungere quanto prima la salvezza anche se non posso negare che il mio sogno resta quello di poter giocare in Serie B.”

Che cosa pensa della trasferta di Piacenza ed ai tifosi vuol dire qualcosa?

“Riguardo alla trasferta di Piacenza dico che non sarà una partita facile. Sono una buona squadra ma noi abbiamo grandi qualità e possiamo giocarcela con tutti. Il nostro è un gran bel gruppo che mi ha fatto da subito sentire a casa. Ai tifosi voglio dire che spero presto di festeggiare sotto la curva insieme a loro un mio gol”. 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 16 febbraio 2019, 15:39

Difficile ma non impossibile: serve però ritrovare la grinta

La Lucchese affronta sul suo terreno la virtuale capoclassifica del campionato, l'Entella che ha un organico da categoria superiore: per centrare un risultat positivo, servirà però ben altra mentalità rispetto a Arzachena. La probabile formazione


sabato, 16 febbraio 2019, 14:10

Stipendi e contributi, lunedì il pagamento?

Il barometro che segna il possibile pagamento degli stipendi e contributi di novembre e dicembre, con data ultima fissata per evitare penalizzazioni a lunedì prossimo, indica crescenti probabilità che vengano regolarizzate le spettanze. In cassa sarebbe arrivato, nonostante gli avvisi di Ghirelli, anche denaro dei minutaggi



sabato, 16 febbraio 2019, 13:38

Mister Langella: "Dobbiamo fare punti anche contro l'Entella"

Il vice di Favarin presenta il match con la corazzata ligure: "Soffrono un po’ i ritmi alti ma dalla loro hanno dei giocatori importantissimi, alcuni di quelli che sono in panchina potrebbero giocare addirittura in Serie B, ovviamente dovremo metterla sull’agonismo. Formazione? Cambieremo qualcosa anche in vista di Cuneo"


venerdì, 15 febbraio 2019, 19:09

Dubbi di formazione per la gara contro l'Entella

Con Mauri e Martinelli entrambi squalificati, mister Langella dovrà ricorrere a delle novità nello schieramento dei rossoneri. Quasi certo il rientro di Strechie dal primo minuto a sostituire il collega di reparto appiedato dal giudice sportivo per una giornata.