Porta Elisa News

Svolta in società: Nannini rileva un 10% in più

martedì, 10 ottobre 2017, 23:04

di diego checchi

Svolta societaria all’interno della Lucchese, infatti alla trasmissione “Parliamone insieme”, il socio Gianni Nannini ha svelato alcune novità importanti.

Proprio oggi Nannini ha acquisito il dieci per cento di Lucchese Partecipazioni che era di proprietà di Carmelo Sgrò, non direttamente ma bensì con il passaggio intermedio in mano a Morriconi che ha prima rilevato la quota e poi l'ha ceduta. La cosa era nell’aria, ma ora ha i crismi dell’ufficialità. Tutto ciò vuol dire che la maggioranza assoluta di Lucchese Partecipazioni e di conseguenza della Lucchese, ora è nelle mani del gruppo formato da Bini e Nannini con una quota del 52,5 per cento. Ricordiamo che Lucchese Partecipazioni è la società proprietaria dell’88 per cento delle quote della Lucchese. Zappelli e Campani,  adesso sono in minoranza. Bisogna ricordare per onestà intellettuale che Arnaldo Moriconi ha solo l’ uno per cento della Lucchese con Città Digitali, ma è quello che fino adesso ha contribuito in maniera determinante alle spese di gestione della Lucchese.

Adesso questo che cosa vuol dire? Che intanto il sedici ottobre saranno pagati gli stipendi e i contributi senza problemi, anche perché se non venissero rispettate queste scadenza, la Lucchese prenderebbe quattro punti di penalizzazione e non due come accadde l’anno scorso, quando alla guida della società rossonera c’era ancora Bacci. Il nuovo regolamento è ancora più rigido. L’altra situazione che è in ballo è quella della vendita della maggioranza delle quote e da quello che abbiamo appreso sempre dalle parole del socio Nannini alla trasmissione “Parliamone Insieme”, Arnaldo Moriconi proprio oggi ha chiamato telefonicamente Giorgio La Cava per riallacciare un discorso su una sua possibile entrata nella Lucchese. Ricordiamo che La Cava vorrebbe rilevare il trenta per cento della società.

“E’ stata una telefonata di cortesia, quella tra Moriconi e La Cava, -ha affermato Nannini-  ma non è detto che questo voglia dire che poi si arrivi ad una conclusione di una trattativa. Vedremo nei prossimi giorni”.

Sullo sfondo ci sono altri due possibili scenari.  Il primo è quello che fa capo a due avvocati pisani, Coscia e Cioni, che proprio domenica scorsa erano allo stadio. Il secondo è quello legato a Stefano Todini, che non entrerebbe più con la finanziaria Argenfin, ma da solo.  Niente da fare per la cordata formata da Di Matteo e Deoma.


I  Gelati di Piero


Panda


#viasangiorgio21


Altri articoli in Porta Elisa News


mercoledì, 21 febbraio 2018, 08:22

Moriconi si "pappa" tutta la Lucchese

Dopo essere stato il proprietario di fatto da oltre un anno, Arnaldo Moriconi, per il tramite di Città Digitali, diventa il proprietario di diritto della Lucchese: Città Digitali ha acquisito il 97 per cento delle quote della Lucchese. Gli scenari futuri


martedì, 20 febbraio 2018, 18:22

Derby, Shekiladze ci sarà: per lui, solo un trauma contusivo

Sospiro di sollievo per Irakli Shekiladze. Il giocatore, che domenica scorsa era dovuto uscire per infortunio a pochi minuti dal termine, si è sottoposto oggi ad un’ecografia di controllo per lui solo un trauma contusivo al muscolo tibiale destro e quindi dovrebbe essere recuperabile



martedì, 20 febbraio 2018, 13:08

Campionato, gli orari e i giorni delle gara da qui alla fine del torneo

La Lega Pro ha comunicato gli orari e i giorni delle gare che verranno disputate da qui alla fine del torneo. La Lucchese giocherà sempre di sabato, con l'eccezione naturalmente del turni infrasettimanali: ecco tutti gli orari


lunedì, 19 febbraio 2018, 09:46

A volte ritornano. Purtroppo

I due avvocati pisani, Michele Cioni e Carlo Coscia, celebri a Lucca per la barbina figura registrata nel novembre scorso quando sottoscrissero il contratto di acquisto della Lucchese dietro cui si celava Pietro Belardelli poi stracciato, si sono nuovamente rifatti vivi al Porta Elisa


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px