Mondo Pantera

Castagnoli: "Se Moriconi cede la Lucchese a Belardelli, sarà il caos"

lunedì, 12 marzo 2018, 13:05

di diego checchi

Non l’avevamo mai sentito così carico, rabbioso e voglioso di dire la sua. Giulio Castagnoli è un fiume in piena e ne ha veramente per tutti. Vuole che la situazione societaria si risolva al più presto e non vuole sentire assolutamente parlare di Belardelli, degli avvocati pisani, o di personaggi non graditi “alla piazza”.

Che cosa pensa della situazione societaria?

“So che oggi si devono incontrare Moriconi, Grassini e Lucchesi. E penso che sia un giorno decisivo in un senso o nell’altro per le questioni societarie. Sono convinto che Moriconi giochi a rialzo, ma spero che questa vicenda si sblocchi positivamente e la Lucchese vada in mano a un imprenditore come Grassini. Da quello che so, in fin dei conti, ballano qualche centinaia di migliaia di euro. Voglio sgombrare subito il campo da ogni tipo di altra ipotesi: se la Lucchese andrà nelle mani sbagliate e mi riferisco a Belardelli, agli avvocati pisani o entrambi, succederà il caos e la società verrà ostacolata in tutti i modi, anche sotto il piano sportivo”.

Non crede che oltre a Belardelli, ci possano essere anche altri imprenditori interessati?

“No, tutte le piste portano a lui. Lo so per certo. Non fatemi dire altro”.

Ma con Lucchesi e Grassini la piazza sarebbe contenta?

“Contenta direi di no. Un po’ meno preoccupata, sì”.

Sotto l’aspetto calcistico, cosa pensa di Lucchesi?

“Non è che per le ultime società in cui è stato, tutto è andato bene. Anzi, mi risulta che siano state sull’orlo del fallimento. Il suo passato positivo da direttore generale, non conta. La fiducia se la deve guadagnare sul campo. La Lucchese è già fallita due volte e mezzo, quindi non facciamo sconti a nessuno ed io, come tifoso e appartenente a Lucca United, vigilerò su tutto, non soltanto sulla costruzione della squadra, ma anche se tutte le scadenze verranno rispettate. Dai giocatori all’autista del pullman, altrimenti saremo pronti a contestare”.

Vuole fare un appello?

“Con Moriconi ho già parlato tante volte, più che un appello diventa un ultimo invito: la società va venduta a persone più serie possibili”.

Che cosa pensa del momento della squadra?

“Sono due partite che non gioca. Sia contro la Pistoiese per impraticabilità di campo, sia contro il Gavorrano per non so quale motivo”.

Per la salvezza è tranquillo?

“Penso non ci siano problemi, ma con un atteggiamento diverso, questa squadra poteva rientrare nella griglia dei playoff”.

Quando sarà finalmente fiducioso per le sorti della Lucchese?

“Quando andremo in Serie B e quando le cose a livello societario saranno durature nel tempo” 


Altri articoli in Mondo Pantera


venerdì, 25 maggio 2018, 09:04

"Passano gli anni ma resti sempre la più bella, auguri Lucchese Libertas"

L'ultima dimostrazione di affetto, in un maggio che sta rivelandosi ancora una volta pieno di difficoltà a livello sociatario, è arrivata stanotte, quando un gruppo di tifosi ha deciso di festeggiare i 113 anni della Lucchese sulle Mura, a un passo dal Porta Elisa


giovedì, 24 maggio 2018, 12:23

Vecchia Ovest, ecco la festa

In occasione della Prima Festa Vecchia Ovest, presso il centro sportivo Vignini-Fiondella del Porta Elisa, andrà in scena, per domenica 27 maggio, un torneo di calcetto tra i tifosi rossoneri. Un modo per festeggiare il compleanno della Lucchese a la nascita del gruppo



martedì, 15 maggio 2018, 20:22

Gazzettino d'argento, Fanucchi: "Vincerlo da lucchese è ancora più bello"

Al caffè Santa Zita di Michele Tambellini, si è svolta l’undicesima edizione della cerimonia di premiazione Gazzettino d’Argento. Riconoscimenti a Biato, Lucca United, Albertoni, Arrigoni e al vincitore che ha manifestato la volontà di chiudere la carriera in rossonero


domenica, 13 maggio 2018, 20:36

L'Acf Lucchese chiude il campionato di serie B al 9° posto

Con il pareggio casalingo per 3-3 con il Molassana Boero, si è concluso con un pizzico di amarezza il campionato di serie B nazionale per l’Acf Lucchese del presidente Marco Chiocchetti