Matches

Senza sosta

domenica, 4 novembre 2018, 02:42

di diego checchi

Una bella Lucchese ha vinto e giocato bene contro il Pro Piacenza. La squadra di Favarin è stata padrona del campo e non ha mai sofferto. Il suo 4-3-3 di partenza ha messo in difficoltà gli avversari e soprattutto nel secondo tempo dopo il gol di Sorrentino, la Lucchese poteva dilagare. Ma un po’ la bravura del portiere Zaccagno ed un po’ la mancanza di freddezza sottoporta degli attaccanti rossoneri, per l’occasione in maglia bianca, hanno fatto si che la Lucchese vincesse solo per 1-0, in un teatro quello del Garilli che dire deserto è poco. Dalla Lucchese ci si aspettava una prova come questa, gagliarda ma anche tecnicamente valida. Possiamo sottolineare che i ragazzi di Favarin non hanno risentito minimamente la mazzata degli 11 punti di penalizzazione ma ansi hanno dimostrato di essere squadra nel vero senso della parola andando oltre a tutte le disavventure. Entrando più nello specifico della gara ci è piaciuta l’intraprendenza di Greselin che questa sera è stato veramente una spina nel fianco per gli avversari ma anche i movimenti di Sorrentino, un giocatore che non si risparmia mai e che riesce anche a segnare. Mauri poi è l’uomo giusto per dare equilibrio a questa squadra. Quando è arrivato doveva essere niente più che un alternativa ed adesso è diventato insostituibile. Occupa il ruolo di playmaker davanti alla difesa nella maniera migliore. Insomma questa squadra sta stupendo un po’ tutti ed adesso alle porte c’è la partita dell’anno cioè il derby contro il Pisa. Prima di andare alla cronaca della partita vogliamo fare un plauso di cuore a quei quaranta tifosi che hanno sostenuto la squadra anche a Piacenza in una trasferta non semplice.

Andando alla cronaca della partita dopo una prima fase di studio è stata la Lucchese a rompere gli indugi e a rendersi per prima pericolosa su punizione con il solito Lombardo che ha costretto alla respinta di pugno Zaccagno. Alla mezzora sono stati ancora i rossoneri, per l’occasione in maglia bianca, a rendersi pericolosi con un tiro di Bortolussi finito di poco a lato. Quattro minuti più tardi è stato ancora Bortolussi ad andare vicino alla marcatura colpendo al volo un difficile pallone ben parato dall’estremo piacentino. Al 36’ sono stati i padroni di casa ad avere la possibilità di passare in vantaggio a seguito di un calcio d’angolo battuto da Ledesma ma la deviazione al volo di Remedi è finita alta sopra la traversa. Nella ripresa è stata ancora la Lucchese a tenere l’iniziativa ed al nono è andata vicina alla rete del vantaggio sempre con Bortolussi che non è arrivato di un nulla alla deviazione in spaccata su un pallone datogli in profondità da Lombardo. Al 17’ sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto dal solito Ledesma è stato Scardina a deviare al volo mettendo di poco al lato. Due minuti dopo è arrivato il gol del vantaggio della Lucchese con un tiro rasoterra dalla distanza di Sorrentino che si è insaccato imparabilmente alla destra di Zaccagno toccando prima il palo e poi la rete. Al 34’ la Lucchese è andata vicino al raddoppio con Bortolussi che non è riuscito a mettere in rete un assist al bacio di Jovanovic a due passi dalla porta difesa da Zaccagno. Quattro minuti più tardi doppia occasione per la Lucchese con un azione che è stata confezionata dal duo Greselin-Sorrentino con quest’ultimo che si è visto ribattere da due passi il tiro a botta sicura da Zaccagno e sulla respinta è stato Bortolussi a vedersi bloccare il pallone dallo stesso estremo difensore piacentino. Al novantesimo è stato Falcone a doversi superare deviando in angolo un gran destro dal limite di Ahmed Kadi. Al secondo minuto di recupero azione solitaria di Greselin che ha saltato due uomini si è accentrato ed ha battuto a rete ma Zaccagno è stato formidabile ed ha salvato ancora una volta.

Pro Piacenza-Lucchese 0-1

Pro Piacenza 3-5-2: 1 Zaccagno, 2 Pasqualoni, 3 Maldini, 8 Mangraviti, 10 Nolè, 11 Scardina (40’ st Marchesi), 16 Sicurella (40’ Ahmed Kadi), 23 Zanchi (20’ st Volpicelli), 24 Ledesma, 25 Remedi (10’ st Sanseverino), 32 Kalombo (20’ st Nava). A disposizione: 22 Bertozzi, 5 Quaini, 7 Sanseverino, 9 Nava, 18 Ahmed Kadi, 19 Perrotti, 27 Esposito, 28 Buongiorno, 29 Urso, 31 Volpicelli, 33 Belotti, 35 Marchesi. Allenatore Giuliano Giannichedda.

Lucchese 4-3-3: 22 Falcone, 5 Martinelli, 6 Lombardo, 8 Greselin, 9 Sorrentino (40’ st Zanini), 10 Provenzano (23’ st Bernardini), 16 Favale, 17 De Vito, 23 Bortolussi, 26 Mauri, 28 De Feo (20’ st Jovanovic). A disposizione: 1 Aiolfi, 2 Palumbo, 7 Cardore, 11 Bernardini, 13 Santovito, 14 Iovanovic, 15 Palmese, 20 Str

echie, 21 Isufaj, 31 Bacci, 33 Zanini. Allenatore: Giancarlo Favarin

Arbitro: Sig. Ermanno Feliciani di Teramo.

Assistenti: Sig. Stringhini di Avezzano e sig.ra Vettorel di Latina.

Reti: 18’ st Sorrentino (L).

Note. Ammoniti: 31’ pt Martinelli (L), 16’ st Sorrentino (L) e 28’ st Ledesma (P). Angoli 2-2; spettatori 200 circa di cui almeno 40 da Lucca. Recupero 5’ st.


Altri articoli in Matches


domenica, 18 novembre 2018, 21:30

Quanti rimpianti

La Lucchese perde la seconda partita consecutiva contro il Siena (3-2), dopo aver recuperato due gol e avuto l'occasione, a una manciata di minuti dalla fine di passare in vantaggio, ma De Feo si fa parare un rigore. Commento, tabellino e foto


domenica, 11 novembre 2018, 19:31

Derby amaro

I rossoneri, rimasti in dieci nel secondo tempo, vengono sconfitti con un gol di Marconi nella prima frazione di gara. Occasioni da una parte all'altra, risultato in bilico, ma alla fine a sorridere sono solo i nerazzurri. Commento, tabellino e foto



mercoledì, 31 ottobre 2018, 19:21

Eliminati da Giovinco junior

La Lucchese esce dalla Coppa Italia perdendo 2-1 a Imola. Vantaggio rossonero con Jovanovic, poi Giovinco ribalta la partita prima pareggiando su rigore e poi realizzando una magia. Rossoneri con in campo tutti coloro che hanno giocato poco o niente in campionato. Commento, tabellino e foto


domenica, 28 ottobre 2018, 19:53

Niente sconti ai fratellini minori della Vecchia Signora

Una bella Lucchese vince 3-2 con la Juventus B: grande personalità dei rossoneri che sciorinano bel gioco, aggrediscono gli avversari e costruiscono tante palle gol ma rischiano la rimonta dei giovani bianconeri che non hanno mai alzato bandiera bianca mostrando però limiti difensivi. Commento, tabellino e foto