Matches

I primi frutti del capolavoro societario?

domenica, 17 dicembre 2017, 17:14

di diego checchi

Francamente ci aspettavamo di più dalla Lucchese e nel primo tempo abbiamo anche avuto l’impressione che sarebbe bastato spingere solo un po’ di più sull’acceleratore per bucare la difesa di un Pro Piacenza organizzato ma che è squadra tutt’altro che impossibile da battere. La Lucchese ha dimostrato nel corso di questa stagione di fare cose splendide contro squadre ben più quotate rispetto alla formazione di Pea che, ha una grande organizzazione tattica ma che è stata costruita per l’obiettivo salvezza. Tutto questo per dire che i rossoneri di Lopez non hanno giocato ai soliti ritmi, sono mancati di determinazione in alcune azioni e non hanno mai sferrato il colpo decisivo.

Il Pro Piacenza, dal canto suo, ha fatto un po’ di più la partita ed è riuscito anche a colpire una traversa nel primo tempo ma complessivamente non è stata una partita spettacolare. Nella ripresa, Lopez ha tolto Tavanti ed ha inserito Nolè mettendo Merlonghi sulla fascia destra e spostando Arrigoni nel ruolo di mezz’ala destra ma il risultato non è cambiato e la Lucchese, nonostante anche gli altri cambi, è parsa spenta e mai in grado di pungere. Forse il risultato più giusto sarebbe stato lo 0 a 0 ma ci ha pensato Alessandro a sparigliare le carte facendo pendere il risultato a favore del Pro Piacenza. La domanda che ci facciamo è questa: le questioni societarie possono aver inciso sulla prestazione della squadra oppure no?

Andando alla cronaca della partita, la prima fiammata è stata per i padroni di casa al 22’ quando Mastroianni ha impegnato Albertoni con una parata a terra con un tiro dal limite. Al 41’ c’è stata la prima vera occasione della gara quando Aspas ha colpito la traversa con una potente punizione da fuori. Nella ripresa l’episodio che ha sbloccato la partita è avvenuto al 26’ quando Capuano ha atterrato in area Alessandro, con l’attaccante lanciato a rete; l’arbitro ha assegnato il rigore che lo stesso Alessandro ha trasformato portando in vantaggio i suoi, dopo di che la gara non ha riservato altre emozioni.

Pro Piacenza – Lucchese 1 - 0

Pro Piacenza: 1 Gori, 2 Calandra, 4 Cavagna (45’ st 13 Abbate), 8 Aspas, 9 Mastroianni, 10 Alessandro, 21 Barba, 23 Ricci (22’ st 3 Belfasti), 29 Abate (37’ st 11 Bazzofia), 30 Battistini, 33 Belotti. A disposizione: 22 Bertozzi, 7 Starita, 17 Perrotti, 18 Avanzini, 19 La Vigna, 31 Messina. Allenatore: Pea.

Lucchese: 22 Albertoni, 2 Tavanti (1’ st 15 Nole), 3 Cecchini, 4 Arrigoni, 6 Capuano, 7 Merlonghi, 10 Fanucchi, 13 Baroni, 18 De Vena (37’ st 23 Bortolussi), 19 Espeche, 21 Damiani (32’ st 9 Del Sante). A disposizione: 1 Di Masi, 4 Maini, 14 Razzanelli, 20 Russo, 24 Cardore, 25 Magli. Allenatore: Lopez.

Arbitro: Sig. Pshuku di Albano Laziale.

Assistenti: Sig. Miniutti di Maniago e Sig. Bertelli di Busto Arsizio.

Note. Ammoniti: 16’ st Cecchini (L), 26’ st Capuano (L), 46’ st Calandra (P). Angoli: 4 – 4. Spettatori 362 di cui un centinaio da Lucca.

Reti: 27’ st rig Alessandro (P)


Altri articoli in Matches


giovedì, 18 ottobre 2018, 23:03

Sfatato il tabù Porta Elisa

Contro l'Arzachena la Lucchese trova la prima vittoria casalinga e riscatta a suon di gol e di gioco la prestazione opaca di Vercelli. I rossoneri affamati e concentrati come non mai rifilano quattro gol ai sardi. Commento, tabellino e foto


lunedì, 15 ottobre 2018, 20:35

Tre punti buttati, con la complicità dell'arbitro

La Lucchese non va oltre il pari contro il Gozzano: segna nel primo tempo Sorrentino, replica al terzo minuto di recupero Rolando su rigore. Dure polemiche per l'arbitraggio. Commento, tabellino e foto



domenica, 7 ottobre 2018, 14:57

Rossoneri sottotono

I rossoneri, chiamati al Porta Elisa alla prova di carattere in una delle sfide salvezza contro la diretta concorrente Cuneo, sbagliano l'atteggiamento e non riescono a dar seguito alla bella prestazione di Alessandria. Un punto che va stretto ai piemontesi maggiormente vivaci e determinati. Commento, tabellino e foto


domenica, 30 settembre 2018, 23:16

10