Galleria Rossonera

Cavalletto: "La Lucchese ha scelto il tecnico giusto e si salverà"

giovedì, 25 ottobre 2018, 18:48

di diego checchi

Non vedono l'ora di rientrare Giueseppe Galderisi e Daniele Cavalletto. A dircelo è proprio quest'ultimo, che abbiamo intervistato telefonicamente per parlare del girone A di Serie C e della Lucchese in particolare.

"Ci sono saltate alcune situazione ma il mister ed io abbiamo una voglia matta di rimetterci in gioco. Essere rimasti un anno fermi ci ha fatto riflettere su alcuni errori che abbiamo anche potuto commettere e questo ci permetterà di ricominciare con maggiore intensità e determinazione non appena ne avremo l'occasione".

Lei si sta muovendo?

"Certamente sì, sono anche andato a Londra per vedere il calcio inglese, un tipo di calcio che a me piace molto, e per studiare nuovi metodi di allenamento. Mister Galderisi invece si sta muovendo molto con la Rai ed è sempre sui campi per studiare".

Cosa pensa del girone A e della Lucchese?

"Ci sono squadre di livello certamente alto, come ad esempio la Carrarese ma anche il Novara, sempre che non venga ripescato in Serie B. Il livello della Serie C, a mio avviso, si è alzato molto in questi anni e non sono d'accordo sul fatto che le squadre vengano imbottite di giovani per prendere i contributi del minutaggio, però...".

Dica pure...

"Dicevo che sono favorevole alle squadre B perché ho vissuto questa esperienza sulla mia pelle in Portogallo. In quel paese, il Porto, il Benfica, lo Sporting Lisboa e altre hanno formazioni under 23 che militano nel campionato di Serie B e questo permette ai loro giovani di migliorare confrontandosi sia con elementi della loro età sia con giocatori più esperti. In Italia, quest'anno, sarà un anno di prova e devo dire che non siamo partiti bene visto che solo la Juventus ha accettato di partecipare di Serie C. Spero che in futuro anche altre club importanti seguano la strada dei bianconeri così non ci saranno più i problemi di ripescaggio o magari i problemi di rimpiazzare società che non hanno i conti in ordine".

Parliamo della Juventus U23, che affronterà domenica la Lucchese...

"Guardate, l'ho vista un paio di volte in televisione e posso dire che ci sono 3 o 4 giocatori di valore molto alto che potrebbero anche spiccare il volo verso altri lidi. Credo che per la Lucchese sarà un avversario di tutto rispetto".

Parliamo di Lucchese, cosa pensa di mister Favarin e della squadra rossonera?

"Penso che la società abbia scelto la persona giusta per guidare questa squadra. Ci saranno dei punti di penalizzazione ma sono convinto che il mister porterà la squadra ad una salvezza tranquilla. L'ho visto all'opera ed è molto bravo, e poi con un direttore come Obbedio che mastica la categoria da anni, sono convinto che a gennaio riuscirà a puntellare la squadra. Inoltre c'è un giocatore come De Feo che in  Serie C non c'entra niente... conosco bene l'ambiente di Lucca e so che la tifoseria può essere un valore aggiunto per la squadra. Tutto questo mix porterà sicuramente a dei risultati positivi".


Altri articoli in Galleria Rossonera


giovedì, 15 novembre 2018, 12:27

Scandurra: "Salvarsi sarà un'impresa, ma la Lucchese ce la farà"

L'ex attaccante rossonero ripercorre le sue tappe nella Lucchese: "Tornare a Lucca è come tornare a casa. Sono arrivato a Lucca nel 1996 e ho fatto tutto il settore giovanile nella Lucchese. Sono diventato calciatore professionista con questa maglia. É la piazza a cui sono più legato"


venerdì, 9 novembre 2018, 07:50

Di Masi: "Domenica sarò al Porta Elisa a sostenere i rossoneri"

L'ex portierone rossonero parla del derby: “Il Pisa a livello di organico è sicuramente strutturata meglio ma la Lucchese in questo momento ha grande entusiasmo: vincere un derby dà grandi energie emotive ed i ragazzi di questo gruppo se lo meritano"



giovedì, 8 novembre 2018, 08:56

Mingazzini: "De Feo potrebbe essere l'uomo derby"

L'ex rossonero e nerazzurro racconta il suo derby e prova a decifrare che tipo di partita sarà: "Si risolverà grazie alla giocata di un singolo, la Lucchese arriva meglio e il Pisa lo vedo più debole dello scorso anno"


mercoledì, 7 novembre 2018, 08:07

Nolé e il derby: "Mi è rimasto nel cuore quello vinto con i gol di Lo Sicco e Forte"

L'ex capitano rossonero parla delle emozioni vissute nei derby con il Pisa: "E' una partita a sé, va oltre ogni cosa, non c'è classifica e non fa parte del campionato, almeno per come l'ho vissuto io, ma penso che sia così anche per tutto l'ambiente rossonero.