Galleria Rossonera

Galligani, Lucca United: "Unica pista praticabile quella degli imprenditori lucchesi"

giovedì, 4 gennaio 2018, 17:05

di diego checchi

Messaggi chiari da parte del presidente di Lucca United, Stefano Galligani, che si concede a noi molto volentieri e che fa capire a tutti qual è il suo punto di vista e di conseguenza quello del gruppo che rappresenta, ovvero della cooperativa dei tifosi, che, ricordiamo, detiene il 10 per cento delle quote societarie.

Che cosa ne pensa del momento della squadra?

“Devo dire che le ultime partite hanno lasciato un po’ perplessi tutti i tifosi perché a nostro avviso non c’è stato l’atteggiamento mentale giusto e questo ci ha un po’ amareggiato. Ora sta a Obbedio e Lopez trovare la chiave giusta per far esprimere la squadra nella maniera in cui eravamo abituati, visto che tutti i tifosi avevano negli occhi le belle prestazioni delle partite precedenti”.

La situazione societaria può aver influito sul rendimento della squadra?

“Guardate questa non deve essere una giustificazione perché in fin dei conti i giocatori sono sempre stati pagati e la società ha sempre rispettato gli impegni presi. Se ci paragoniamo ad altre piazze allora gli altri che cosa dovrebbero fare? E’ chiaro che a livello mentale può darsi che questa non chiarezza possa aver influito sulla concentrazione dei giocatori ma non fino a condizionare tre sconfitte consecutive e soprattutto con mancanza di prestazione. Ha fatto bene Lopez quando in conferenza stampa dopo la partita di Pontedera ha detto a chiare lettere che chi non vuole stare nella Lucchese deve chiedere di andarsene perché qui c’è bisogno di giocatori motivati”.

Che cosa si aspetta dal mercato di gennaio?

“Non lo so. Vedremo quello che succederà. Ho fiducia in Obbedio e Lopez”.

Passando alla situazione societaria, che cosa ci può dire?

“In questi giorni sono successe troppe cose. Ci sono elementi che parlano già come se fossero all’interno della Lucchese. Altri che si vogliono fare pubblicità. E’ chiaro che si necessita quanto prima di fare chiarezza per tutti i tifosi e per tutto l’ambiente. Noi come Lucca United ribadiamo che l’unica strada da percorrere è quella con l’amministrazione comunale. Questo progetto va approfondito e concretizzato per il bene della Lucchese. Di tutto ciò se ne deve convincere tutta la società rossonera e non solo una parte di essa”.

Lunedì prossimo ci sarà un’assemblea dei soci e di tutti i tifosi al museo rossonero, di che cosa si discuterà?

“Vogliamo coinvolgere tutti i tifosi su due argomenti principali. In primis le vicende societarie e poi vogliamo chiedere a loro quale deve essere il ruolo di Lucca United perché a fine gennaio dovremmo ricapitalizzare".

State pensando anche di uscire?

“Non la metterei assolutamente così. Il nostro ruolo adesso come adesso è fondamentale più che mai. E’ chiaro che da soli non potremo andare avanti e quindi per continuare il nostro percorso abbiamo bisogno di una mano concreta da parte di tutti i tifosi perché qui si parla del bene della Lucchese. Mi auguro che al museo lunedì sera ci sia tanta gente e che possa venire fuori una gran bella serata e soprattutto proficua affinchè si possano trovare delle soluzioni per aiutare la Lucchese".


Altri articoli in Galleria Rossonera


mercoledì, 13 giugno 2018, 08:24

Lopez a cuore aperto: "Grazie a tutti, spero sia un arrivederci e non un addio"

Intervista esclusiva con l'ex tecnico rossonero che lascia tanti estimatori: “Rifarei tutto, errori compresi: quando si dà tutto si sbaglia in buona fede. Il momento più bello con l'Albinoleffe. Sapevo che sarei andato via, ma ringrazio Lucchesi che mi ha dimostrato stima e ne sono orgoglioso”


sabato, 19 maggio 2018, 17:05

Play off, Giovannini: "Catania, Trapani, Pisa e Alessandria favorite"

Il direttore generale del Pontedera, che ha rinnovato il suo contratto con la società granata, fa le carte agli spareggi per la serie B: "E' un terno al lotto, si è già visto anche in regular season che si può vincere e perdere con tutti.



giovedì, 5 aprile 2018, 18:31

Russu, l'ex di turno: "Arzachena, squadra ostica e scorbutica"

L'esterno che ha scontata la squalifica parla della sua ex squadra: "Il mister non dà mai riferimento agli avversari. L'ultima partita hanno giocato con il 4-1-4-1 modulo che non avevano mai provato ma mister Giorico preferisce giocare con il 4-3-1-2"


giovedì, 8 marzo 2018, 08:58

Espeche indica la strada: "Non adagiarsi sulla vittoria di Pisa"

Lo storico difensore rossonero parla dal finale di stagione: "Siamo una squadra dai due volti. Uno come quello visto proprio a Pisa, l'altro come quello delle gare perse per errori banali. La morte di Astori? Quando succedono ad un tuo collega ti toccano da vicino anche se personalmente non lo...