Galleria Rossonera

Lopez: "E' l'anno zero, ma vedo un futuro roseo"

giovedì, 6 luglio 2017, 09:07

di diego checchi

Mister Giovanni Lopez è a Lucca insieme al suo vice Antonio Niccolai per concertare al meglio quali saranno le esercitazioni da fare durante la preparazione di Fiumalbo e ripone veramente tanta fiducia sul fatto che Antonio Obbedio riuscirà a costruire una squadra competitiva, compatibilmente con le risorse economiche che la società gli ha messo a disposizione. Quando gli chiediamo che valenza ha per lui il ritiro di Fiumalbo, il tecnico romano risponde così:”Una valenza importante. Spero di avere già dal 19 la maggior parte dei ragazzi a disposizione. Voglio dettare le mie idee da subito cosa che l’hanno scorso non ho potuto fare perché sono subentrato in corsa. So che la rosa non sarà completa ma confido nel lavoro del direttore”.

Dopo appena 10 giorni di preparazione ci sarà il primo impegno di Coppa, come lo considera?

“La cosa più importante è fare un ottima preparazione per mantenere la condizione ottimale durante tutto il campionato. La Coppa è comunque un impegno importante che onoreremo al meglio e dove cercheremo di passare il turno ma non è il nostro obbiettivo principale”.

E’ soddisfatto delle conferme?

“Stiamo operando nel migliore dei modi. Sono contentissimo di aver confermato personalmente lo staff. Le conferme dei giocatori le abbiamo decise io e il direttore sportivo Obbedio. In questo abbiamo avuto anche un senso di gratitudine verso i ragazzi che l’hanno scorso ci hanno dato tante soddisfazioni. Cercheremo di fare qualcosa di più in avanti perché è ovvio che il reparto di attacco è quello più sguarnito ma anche negli altri reparti dovremmo intervenire per rinforzarci. Ripeto ho piena fiducia nel lavoro del direttore”.

Cosa si aspetta dai tifosi?

“Già dall’inizio della stagione spero che abbiano grande entusiasmo ma tutto dipenderà moltissimo dalle prestazioni che andremo a fare. Abbiamo dimostrato di essere credibili al cospetto dei nostri tifosi. Sanno che daremo sempre il massimo e mi aspetto sempre il loro importantissimo sostegno”.

Che anno sarà questo per la Lucchese?

“Questo sarà un anno zero dove dovremmo gettare le basi per un futuro che io vedo molto roseo. L’ho detto anche alla società. Penso che fatte le cose giuste già dal prossimo anno potremmo lottare per le posizioni di vertice. Per questa stagione che andremo ad affrontare faremo il meglio delle nostre possibilità”.

Al di là dei numeri e dei moduli quali sono i suoi principi di calcio?

“Intanto voglio vedere una squadra che gioca a calcio e che diverte. L’idea è quella di avere dei principi di gioco semplici. Corsa, attaccamento alla maglia, insomma quei principi base a me tanto cari. Mi piace vedere che i miei ragazzi costruiscano prima di tutto un gruppo fra di loro, cosa successa lo scorso anno. Solo così potremmo fare degli ottimi risultati. Non mi ritengo assolutamente un allenatore difensivista perché gli attaccanti con me anno sempre segnato tanti gol, vedi Fanucchi, Terrani, etc etc…". 

E’ pronto per ripartire?

“Sto vivendo questi giorni prima della partenza per il ritiro in maniera normale senza nessuna ansia. La prossima settimana sarò a Roma e poi tornerò a Lucca per la partenza del ritiro”.


Altri articoli in Galleria Rossonera


giovedì, 5 aprile 2018, 18:31

Russu, l'ex di turno: "Arzachena, squadra ostica e scorbutica"

L'esterno che ha scontata la squalifica parla della sua ex squadra: "Il mister non dà mai riferimento agli avversari. L'ultima partita hanno giocato con il 4-1-4-1 modulo che non avevano mai provato ma mister Giorico preferisce giocare con il 4-3-1-2"


giovedì, 8 marzo 2018, 08:58

Espeche indica la strada: "Non adagiarsi sulla vittoria di Pisa"

Lo storico difensore rossonero parla dal finale di stagione: "Siamo una squadra dai due volti. Uno come quello visto proprio a Pisa, l'altro come quello delle gare perse per errori banali. La morte di Astori? Quando succedono ad un tuo collega ti toccano da vicino anche se personalmente non lo...



martedì, 6 marzo 2018, 09:52

L'ex Brega: "Torno al Porta Elisa e ritrovo Espeche, un grandissimo ragazzo"

L'ex rossonero Brega, ora al Gavorrano, torna a giocare a Lucca la settimana dopo aver sconfitto il Pisa: "Sarà una partita difficile, anzi difficilissima perché la Lucchese è una squadra forte con giocatori di categoria superiore.


venerdì, 23 febbraio 2018, 16:24

Paluzzi: "L'ultima volta che espugnammo l'Arena Garibaldi..."

Il giornalista Massimiliano Paluzzi era dirigente rossonero l'ultima volta che la Lucchese battà il Pisa a domicilio con una doppietta di Noviello: "Lottavamo per la salvezza e dovevamo per forza fare risultato, ma nessuno si aspettava che i due gol venissero dal giovane attaccante Giorgio Noviello. Un’emozione strepitosa"