Detto tra noi

Più che l'amarcord, serviranno i fatti. Come sempre

martedì, 30 luglio 2019, 16:58

di fabrizio vincenti

Siamo ancora vivi e, a scanso di equivoci, si può ringraziare un manipolo di persone che negli ultimi giorni, probabilmente dopo aver capito che era inaccettabile l'iscrizione in Eccellenza, si sono spesi ora dopo ora, minuto dopo minuto, per arrivare a iscrivere la nuova Lucchese in serie D. Il minimo sindacale per riuscire a non umiliare una piazza e una tifoseria che da anni ingollano ogni tipo di rospo. A Mario Santoro, Bruno Russo, Daniele Deoma e Alessandro Vichi dobbiamo dunque dire grazie, perché a conti fatti nessun altro si è assunto l'onore-onere di provarci. Non è assolutamente poco, anzi, in mezzo a mille chiacchiere e promesse di aiuto.

Ora, però, viene il bello. E come sempre saranno i fatti a giudicare la nuova compagine societaria oltre il primo innegabile, cruciale, punto a favore. Il percorso è lungo e, a nostro avviso, difficoltoso. Restiamo scettici sulla forma societaria scelta, come pure sulla volontà (in parte una necessità vista la diffidenza che raggiunge punte abissali dell'imprenditoria locale) di puntare tutto sulle sponsorizzazioni. E' un meccanismo che ha pochi, forse nessun precedente: se serve per schermare una imprenditoria pavida, ben venga. Ma serve denaro. E tanto. Che la stella di Mario Santoro splenda luminosa, altrimenti non sarà facile uscire dal pantano dei dilettanti. Ci chiediamo anche se questo gruppo avrà la capacità di farsi da parte qualora si profilassero soluzione più di lungo periodo per la Lucchese. In prospettiva, del resto, non si può che guardare allo stadio, al suo rifacimento, alla occasione di crescita economica che può rappresentare. 

E qui entra in ballo il Comune: il sindaco Tambellini, va riconosciuto, si è svegliato negli ultimi giorni dal torpore e a quanto trapela avrebbe anche contribuito a raggiungere la cifra necessaria attraverso suoi contatti con alcuni imprenditori. In ogni caso, ha dato vita a qualche sussulto importante dopo mesi disastrosi (ma chi lo consiglia o lo consigliava sul calcio?) e nonostante l'imbarazzante presenza di un assessore, da molti ribattezzato, fantasma. Su Stefano Ragghianti solo poche parole: si dimetta. Per lui. Per evitare di collezionare altre figure di cui ride mezza città. E, appunto, per Lucca. Detto questo, nonostante che Tambellini si sia riuscito a far sfuggire, solo per rimanere ai fatti, due soggetti che hanno poi rilevato Viterbese e Foggia, ci faremo carico di presenziare a almeno tre delle sue celebri prolusioni. Per le cinque promesse nelle scorse settimane, francamente sarebbe servita maggior vigoria da parte del professore di Sant'Alessio. E restiamo sempre in attesa di un concreto impegno sullo stadio.

Infine, proposito dell'applauso generale, che sa di coro di litania di chiesa, circa il ritorno di tanti ex rossoneri, diciamo la nostra: non ci piace. L'idea di immettere qualche persona che ha fatto la storia della Lucchese è non solo condivisibile, ma auspicabile; provare a dar vita a una sorta di amarcord di proporzioni industriali che sa di rimpatriata fuori tempo massimo, ci lascia perplessi. Affascinerà qualche inguaribile romantico, qualcun altro che vuole tornare (senza speranza) più giovane. Ma a costo, una volta tanto, di non essere accusati di nostalgismo, ci fa venire il torcicollo. Vorremmo si guardasse avanti e non siamo convinti, per le proporzioni della scelta, che questa sia la maniera giusta. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 19 agosto 2019, 16:57

Da un rigore all'altro

Abbiamo sempre negli occhi, con il cuore che ancora batte forte, l'ultimo rigore di quella serata magica di Bisceglie, con il portierone rossonero Falcone che corre, pazzo di felicità, verso i 300 altrettanto pazzi, che erano scesi sino in Puglia, fermato, quasi placcato, da Moreno Micheloni.


martedì, 23 luglio 2019, 17:23

"Potremmo stare un anno fermi": a che gioco giocano Tambellini e Ragghianti?

L'assessore allo Sport, per molti invisibile, Stefano Ragghianti ci ha lasciati di stucco con un intervista a La Nazione di oggi conclusa (testualmente) con un "insomma" alla domanda del cronista di turno sulle prospettive di ampio respiro che potrebbero avere le cordate potenzialmente interessate alla Lucchese.



sabato, 6 luglio 2019, 17:07

Sindaco Tambellini, stupiscici tutti

"Ho qualche carta da giocare": lo confessiamo, abbiamo avuto un moto di preoccupazione, accompagnata da qualche gesto scaramantico, quando, martedì scorso, abbiamo sentito pronunciare queste parole, con tono grave, dal sindaco Tambellini che stava interloquendo con la delegazione dei tifosi rossoneri al termine del corteo che si era snodato per...


martedì, 25 giugno 2019, 15:08

Prima ancora dei soldi, non avete idee

La fine annunciata. L'inevitabile. L'ovvio. La mancata iscrizione della Lucchese alla Lega Pro – perché il tentativo di chiedere una proroga alla Figc è quello che è, ovvero una manovra di chi sta provando a non far crollar tutto, con le conseguenze del caso in ogni sede e per tutti...