Detto tra noi

C'è puzza di bruciato?

lunedì, 11 febbraio 2019, 07:10

di fabrizio vincenti

Non apparteniamo, per indole e storia, alla vasta schiera dei complottisti. Anzi, l'atteggiamento di chi fa della dietrologia uno stile di vita ci fa sorridere. E nel calcio, sentire chi afferma che è tutto truccato, tutto deciso a tavolino, tutto irrimediabilmente indirizzato, e poi si presenta domenicalmente allo stadio, ci lascia senza parole. Chi glielo fa fare di andare ugualmente, spendendo fior di quattrini, se sanno già come andrà, se sanno che la Juventus, o chi per essa, vincerebbe comunque, se la più forte, in ogni categoria, ha il palazzo e gli arbitri dalla sua? E' un atteggiamento che supera il limite dell'autolesionismo. 

Ma, come ha scritto sulla nostra pagina Facebook ieri un lettore, "tifosi sì, scemi no". E allora va detto a chiare note che cominciano a essere troppi gli episodi che, guarda caso, remano contro la Lucchese. Non citiamo uno per uno quelli arbitrali: ci limitiamo a ricordare quanto visto nella gara di andata e di ritorno proprio contro il Gozzano. Errori macroscopici. Valutazioni da lasciare a bocca aperta. Atteggiamenti decisamente inappropriati per la categoria. L'elenco è lungo e va oltre la doppia sfida contro i piemontesi. Nessuno pensa che qualcuno alzi il telefono e inviti a favorire questo o quello, almeno noi non lo pensiamo minimamente. A volte basta solo incrociare gli arbitri meno esperti, meno preparati, meno in forma. Peraltro è una legge non scritta: i migliori vanno a arbitrare le squadre migliori. Senza dimenticare anche il referto contro l'Alessandria con le valutazioni fatte da terna e commissari di campo. Cosa è successo lo hanno visto tutti, a pagare, di fatto, è stato uno solo.

Proprio colui, l'allenatore rossonero, che è stato oggetto di un violento attacco da parte del presidente della Lega Pro Ghirelli, ancora una volta ritagliatosi le vesti di fustigatore dei costumi, lui da 30 e passa anni nel mondo del calcio, che, citiamo testualmente, disse: "Sono certo che il giudice sportivo assumerà i provvedimenti che una situazione del genere merita. Mi auguro, altresì, che anche la società Lucchese non assista ma intervenga". Un'entrata a gamba tesa, condita da accostamenti a tragedie mondiali di dubbio gusto. Peraltro, Ghirelli lasciò una spiacevole impressione anche con la sua visita a Lucca ai primi di gennaio. E ai media nazionali non perde occasione per accostare la situazione della Lucchese a quella di altri club messi decisamente peggio e per i quali ancora non è stata trovata soluzione. Lo stesso continuo invito a parlare di penalizzazioni e multe da pagare ci pare improprio. 

Non possiamo, di certo, passare per difensori della gestione Moriconi, che peraltro trova da sempre indefessi sostenitori, ma sulla fideiussione la vecchia (ma ancora ben presente) proprietà non ha tutti i torti. Vero che ha presentato in ritardo la seconda fideiussione, vero che è stato fatto il solito casino e date le solite informazioni scarse e contraddittorie, vero tutto. Ma una seconda fideiussione è stata depositata e pagata. Anzi, si dice addirittura anche una terza, poi mai rilasciata. E, bene non dimenticarlo, c'è ancora un giudizio, anzi tre gradi di giudizio, per definire se  questa fideiussione è adeguata o meno. Ghirelli, invece, proprio come su Favarin, scavalca i giudici e tira le conclusioni. Dando per scontato l'esito. Un atteggiamento a dir poco forzato, sicuramente poco rispettoso dei giudici che dovranno valutare e che lo faranno a breve in controtendenza con i tempi di solito elefantiaci. La Lucchese, sinora, bene ricordarlo, è stata solo deferita, dunque deve subire un processo sportivo: non è già condannata. A meno che non sia già tutto deciso. E in quel caso la puzza di bruciato comincerebbe a essere intollerabile. La Lucchese e i suoi tifosi meritano rispetto. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 19 agosto 2019, 16:57

Da un rigore all'altro

Abbiamo sempre negli occhi, con il cuore che ancora batte forte, l'ultimo rigore di quella serata magica di Bisceglie, con il portierone rossonero Falcone che corre, pazzo di felicità, verso i 300 altrettanto pazzi, che erano scesi sino in Puglia, fermato, quasi placcato, da Moreno Micheloni.


martedì, 30 luglio 2019, 16:58

Più che l'amarcord, serviranno i fatti. Come sempre

Siamo ancora vivi e, a scanso di equivoci, si può ringraziare un manipolo di persone che negli ultimi giorni, probabilmente dopo aver capito che era inaccettabile l'iscrizione in Eccellenza, si sono spesi ora dopo ora, minuto dopo minuto, per arrivare a iscrivere la nuova Lucchese in serie D.



martedì, 23 luglio 2019, 17:23

"Potremmo stare un anno fermi": a che gioco giocano Tambellini e Ragghianti?

L'assessore allo Sport, per molti invisibile, Stefano Ragghianti ci ha lasciati di stucco con un intervista a La Nazione di oggi conclusa (testualmente) con un "insomma" alla domanda del cronista di turno sulle prospettive di ampio respiro che potrebbero avere le cordate potenzialmente interessate alla Lucchese.


sabato, 6 luglio 2019, 17:07

Sindaco Tambellini, stupiscici tutti

"Ho qualche carta da giocare": lo confessiamo, abbiamo avuto un moto di preoccupazione, accompagnata da qualche gesto scaramantico, quando, martedì scorso, abbiamo sentito pronunciare queste parole, con tono grave, dal sindaco Tambellini che stava interloquendo con la delegazione dei tifosi rossoneri al termine del corteo che si era snodato per...