Detto tra noi

Prima arriva, meglio è

martedì, 16 ottobre 2018, 16:26

di fabrizio vincenti

L'attesa, quella del condannato, non è mai piacevole. E la Lucchese, quanto a condanna degli organi federali per la vicenda delle scadenze non rispettate in sede di iscrizione estiva, è praticamente certa di subire una penalizzazione. Il quantum e il quando, però, non sono ancora chiari. Un ulteriore motivo di incertezza in un campionato che pare di guerra, tante e tali sono le partite rinviate. A memoria, mai era successo qualcosa di simile. Vedremo se Gabriele Gravina a capo della Federazione riuscirà a dare un cambio di passo dopo che la gestione commissariale ha lasciato ulteriori problemi e dubbi sulla capacità del sistema di autoriformarsi.

La Lucchese, in questo clima di incertezza, sembra stia iniziando a battere in testa il motore: per la terza volta in quattro gare si è fatta riprendere e i rimpianti per alcuni punti persi sono evidenti. A questo si aggiunge l'incertezza per una classifica che è palesemente tarocca: a oggi non è dato sapere quanti sono i punti dei rossoneri. Un dettaglio, anche psicologico, tutt'altro che secondario. Ecco perché c'è da augurarsi che la sentenza, il primo grado, arrivi quanto prima. E' inaccettabile che per giungere alle conclusioni di una vicenda di ormai quattro mesi fa non si siano ancora espressi gli organi giudicanti di primo grado. Appena sarà comminata la penalizzazione, almeno, i rossoneri avranno davanti a loro una montagna, ma perlomeno potranno sapere quanto è alta. E trovare dalla scalata nuove energie e forse quella cattiveria che in alcune circostanze è sembrata mancare. Servono guerrieri, inutile sottolinearlo. Anche perché sullo sfondo c'è pure la vicenda, nebulosa come di consueto, della doppia (?) fideiussione. 

Moriconi ha assicurato a suo tempo che non c'erano problemi. Che la fideiussione è stata sostituita entro il 28 settembre, termine ultimo per cambiare la garanzia di Finword, che la Figc in modo molto discutibile ha ritenuto non più valida. Un equivoco alimentato da un noto quotidiano sportivo nazionale. I fatti dicono invece che la Lucchese non ha sostituito la fideiussione sino almeno ai primi giorni di ottobre. D'accordo che poi è stata presentata a valere dal 28 settembre, peraltro con un intermediario diverso a quello annunciato con tanto di esibizione di fogli, da Moriconi, ma è da capire cosa ne penseranno gli organi federali. E se il termine era perentorio e non derogabile. Infliggere altri otto punti sarebbe una palese ingiustizia. A quel punto quale sarebbe la differenza tra chi l'ha presentata, sia pure in ritardo, e chi non l'ha fatto? Senza nulla togliere alle responsabilità dell'imprenditore dalla ieratica barba che ha atteso l'ultimo secondo e oltre per assolvere a un obblligo noto da fine agosto. 


Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 20 aprile 2019, 17:23

Buona Pasqua a tutti, meno uno

Verrebbe da scrivere e dire tanto. Verrebbe da tornare sulla vicenda della fideiussione, sulle assicurazioni che come dice qualcuno "uscivano dai muri", più prosaicamente da continui contatti telefonici che hanno contribuito a creare una realtà che non esisteva e che era anzi opposta.


giovedì, 11 aprile 2019, 16:15

E ora?

E ora? E' la domanda che rimbalza tra i tifosi rossoneri, di voce in voce. E ora che, in modo quasi casuale, Umberto Ottaviani, amministratratore a dir poco impalpabile della società, ha rivelato che la Lucchese tornerà in un'aula di tribunale, dalla quale, a vedere il gran numero di cause...



mercoledì, 3 aprile 2019, 19:20

Dal letame nascono i fior

Storditi. Quasi esausti dalle emozioni. Chi ha fatto parte di quel manipolo di pazzi che si sono recati a Olbia può capire. Tre punti importanti in Sardegna, in una terra, quella olbiese, che commuove per la disponibilità e l'affetto con cui accoglie ogni volta chi viene da Lucca .


domenica, 24 marzo 2019, 15:41

Un grido di dolore e di ribellione

"Sono al parchino alla Bacchettoni. Ho sentito un boato. Commovente. Un grido di dolore e di ribellione. Forza Lucca. Sempre". Ecco il messaggio che abbiamo ricevuto pochi minuti dopo la fine della gara palpitante contro la Pro Patria.