Detto tra noi

Bomber? Sì grazie

lunedì, 29 ottobre 2018, 13:04

di fabrizio vincenti

C'è un dato che colpisce in questo inizio di stagione, più che brillante, della Lucchese: i rossoneri hanno il terzo attacco del girione. Sia pure con un campionato falcidiato da rinvii di ogni sorta e contro ogni decenza e sempre in attesa delle penalizzazioni, tutti aspetti che contribuiscono a rendere nebulosa la classifica, il dato è molto eloquente. Soprattutto, come molti ricorderanno, perché la Lucchese nella scorsa stagione rimase a galla solo per i gol dell'intramontabile Jacopo Fanucchi. Dietro di lui, fu un deserto. E le tante punte arrivate a inizo stagione ma in corso d'opera non lasciarono il segno per i gol fatti e tantomeno per le prestazioni esibite. La Lucchese, dalla cintola in su, fu un mezzo disastro, che è costato qualche patema d'animo in chiave salvezza.

Quest'anno Obbedio, riuscendo evidentemente a fare un piccolo miracolo, visto che quattrini ce ne sono ben pochi, ha centrato gli acquisti anche davanti. Contro la Juventus B, tanto per chiarire, l'eterno dimissionario dalla carica di amministratore unico, Carlo Bini, ha gridato a squarciagola dalla tribuna all'indirizzo del tecnico Zironelli: "Costi più te che tutta la Luccheseee!". Una innegabile, per quanto colorità, verità. Come verità è che mister Favarin sta riuscendo a fargli rendere al meglio, godendo peraltro di parecchie opzioni.

Dei quindici gol fatti sinora, che come detto valgono il terzo attacco del girone A, ben dieci sono stati messi a segno proprio dalle punte. Quatttro da De Feo, tre a testa da Bortolussi e Sorrentino. Ancora a secco, tra acciacchi e ritardi, Jovanovic, che al momento pare essere, in questa prima parte di stagione, quello che ancora deve esprimere il suo potenziale. Per ora, inutile nasconderlo, l'apporto è deludente. E i tifosi si chiedono se finirà per ricalcare le orme di altri giocatori stranieri arrivati qui e pronti solo sulla carta a fare fuoco e fiamme. Sulle spalle del giovane Isufaj, di cui tutti dicono bene, non sarebbe invece giusto caricare eccessive responsabilità.

Personalmente, continuiamo a restare ottimisti sull'ex Monopoli, ma a sorprendere positivamente sono Bortolussi, la crescita del ragazzo è impressionante, a nostro avviso uno degli intoccabili per la mole di lavoro che produce e la carica che infonde, ma anche Sorrentino. Di De Feo facciamo fatica a parlarne: nel suo primo anno a Lucca, al netto di un calo nella parte conclusiva della stagione, ha dato spettacolo. C'era solo da attenderlo, dopo un anno di parziale inattività. Ma il suo valore non si discute. Per il momento, bentornati ai bomber. Che mancavano, con l'eccezione di Fanucchi, dai tempi di Francesco Forte. 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 12 novembre 2018, 19:39

Un silenzio tanto assordante quanto prevedibile

Abbiamo atteso, invano, tutta la giornata di lunedì per vedere se almeno la montagna partoriva il topolino. Se qualcuno avesse finito per prendere le difese, almeno formali, di maniera come si dice, dei tifosi della Lucchese. Che nel derby di domenica sono stati ancora una volta oggetto di una palese ingiustizia.


venerdì, 2 novembre 2018, 18:04

La struggente lettera del bassotto: "Torna a casa, Carlo. E se vuoi porta pure lo zio Arnaldo"

"Cara Gazzetta Lucchese, più volte sei entrata in discussione con il mio padrone, ma mi rivolgo a te, perché hai un gruppo di giornalisti che segue con costanza le sorti della squadra rossonera. E, in fin dei conti, chiedendo più volte le dimissioni da amministratore unico del mio padrone, avete...



sabato, 20 ottobre 2018, 18:28

Abbasso la Juventus B

Niente di personale, chiariamolo. Non abbiamo mai simpatizzato per la Juventus, siamo allergici a chi vince sempre o quasi, ma rispettiamo la tradizione di un club che è un vanto per tutta Italia, piaccia o meno. Ma l'idea di far partecipare al campionato di terza serie le succursali delle formazioni...


martedì, 16 ottobre 2018, 16:26

Prima arriva, meglio è

L'attesa, quella del condannato, non è mai piacevole. E la Lucchese, quanto a condanna degli organi federali per la vicenda delle scadenze non rispettate in sede di iscrizione estiva, è praticamente certa di subire una penalizzazione. Il quantum e il quando, però, non sono ancora chiari.