Detto tra noi

Abbasso la Juventus B

sabato, 20 ottobre 2018, 18:28

di fabrizio vincenti

Niente di personale, chiariamolo. Non abbiamo mai simpatizzato per la Juventus, siamo allergici a chi vince sempre o quasi, ma rispettiamo la tradizione di un club che è un vanto per tutta Italia, piaccia o meno. Ma l'idea di far partecipare al campionato di terza serie le succursali delle formazioni di serie A ci è parsa da subito una bestialità. 

Che puntualmente ha preso forma grazie all'accoppiata Fabbricini e Costacurta. Una delle tante scelte discutibili della gestione commissariale della Figc che a un certo punto pare sia stata avviata solo per far capire che al peggio non c'è mai fine. Che persino l'ex presidente Tavecchio può essere rimpianto. "Le seconde squadre sono necessarie e non tolgono spazio a nessuno. Il calcio deve essere sostenibile. Si può far sparire un club come il Bari? Io a ottobre andrò via, ma spero di uscire tra gli insulti e i “vaffa” pur di difendere la scelta sacrosanta delle seconde squadre": così ha sentenziato l'ex difensore del Milan, verso il quale evidentemente son già scattati gli epiteti. La realtà dice che solo la Juventus (un caso o la consueta efficienza?) è arrivata pronta all'appuntamento. E la sua presenza è già ingombrante, finendo per falsare il torneo, oltre che a togliere posto al calcio minore e minare le sane rivalità.

Perché falsare? Intanto, perché scucire qualche milione di euro per allestire una squadra altamente competitiva in C è per la Juve o giganti simili è un scherzo. Alla faccia di chi, in provincia, investe per tenere in piedi squadre e far sognare intere città. E poi perché le seconde squadre potranno essere promossa al campionato di Serie B, ma non potranno mai partecipare al medesimo campionato della prima squadra, né ad un campionato superiore. Se si verificasse l’ipotesi di compresenza della prima e della seconda squadra nella medesima categoria, la seconda squadra dovrà partecipare al campionato professionistico della categoria inferiore. Sono i fratelli minori. E sotto tutela. L'antitesi del calcio, che è sogno di arrivare a conquistare traguardi lontani anche impensabili. Senza limiti. Chi poteva immaginare il Chievo stabilmente in serie A qualche lustro fa? 

Ma non basta. In caso di retrocessione della seconda squadra in Serie D, la società di riferimento non potrà iscriversi al campionato dilettantistico e potrà accedere con la seconda squadra al Campionato di Serie C successivo. Avete letto bene: un turno fermo ai box. E poi via di nuovo a falsare i tornei successivi. In spregio alle regole sacre che chi retrocede, retrocede e non sta fermo un turno. Un pateracchio, che il très chic ex calciatore scuola Milan continua a difendere. Indifendibilmente.

Direte: ma i giovani della serie A devono fare esperienze che il campionato Primavera non può dare. Vero. E allora perché non inserire l'obbligo, per la terza divisione, di avere in rosa un certo numero di giocatori delle formazioni di A e/o B con incentivi per l'utilizzo? Perché si è voluto far precipitare la scelta, sotto periodo commissariale, e non è un dettaglio, finendo per non far iscrivere che una sola formazione? Perché, a proposito di esperienza, i club maggiori non rischiano e buttano, come fanno in molte altre parti del mondo, i propri giovani in prima squadra?

E ancora: c'è chi sostiene che aumentano l’interesse della terza serie. Bene, date un'occhiata ai tabellini delle presenze. E vi ricrederete. La Juventus B, se si toglie l'esordio, viaggia alla stratosferica media di meno di 300 spettatori per ogni partita casalinga (si fa per dire visto che non ha nemmeno il campo a Torino): il peggior dato di tutto il girone eccezion fatta per l'Albissola. Il Gozzano fa invece meglio. D'accordo, gioca a Alessandria e non a caso l'unica gara con oltre 2000 spettatori è stata quella con i grigi, che erano all'esordio, di fatto in casa loro. Poi le percentuali si sono ridotte a livelli da campetto di periferia. Non va meglio quando la Juventus va in trasferta: 1200 a Carrara (in realtà campo neutro), 762 a Arzachena, 3177 a Novara. I tre campi hanno rispettivamente la media di 1200, 514 e 3051. Come a dire che se aumento c'è stato è quasi impercettibile. La gente ha l'anello al naso meno di quanto vogliano credere i vapori del vapore. E lo hanno confermato gli stessi tifosi aretini che hanno preferito rinunciare alla trasferta con i bianconeri.

Solo qualche patetico appassionato bianconero di periferia può esaltarsi con un surrogato del genere. I tifosi delle formazioni di serie C, semmai, sognano la Juventus vera. Quella che la Spal, tanto per dire, affronta. Ecco perché diciamo abbasso la Juventus B (e tutte coloro che la imiteranno). Che la Vecchia Signora continui a mietere i successi che merita, ma lasci perdere il calcio minore. Che non vuole diventare minorato. 


Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 20 aprile 2019, 17:23

Buona Pasqua a tutti, meno uno

Verrebbe da scrivere e dire tanto. Verrebbe da tornare sulla vicenda della fideiussione, sulle assicurazioni che come dice qualcuno "uscivano dai muri", più prosaicamente da continui contatti telefonici che hanno contribuito a creare una realtà che non esisteva e che era anzi opposta.


giovedì, 11 aprile 2019, 16:15

E ora?

E ora? E' la domanda che rimbalza tra i tifosi rossoneri, di voce in voce. E ora che, in modo quasi casuale, Umberto Ottaviani, amministratratore a dir poco impalpabile della società, ha rivelato che la Lucchese tornerà in un'aula di tribunale, dalla quale, a vedere il gran numero di cause...



mercoledì, 3 aprile 2019, 19:20

Dal letame nascono i fior

Storditi. Quasi esausti dalle emozioni. Chi ha fatto parte di quel manipolo di pazzi che si sono recati a Olbia può capire. Tre punti importanti in Sardegna, in una terra, quella olbiese, che commuove per la disponibilità e l'affetto con cui accoglie ogni volta chi viene da Lucca .


domenica, 24 marzo 2019, 15:41

Un grido di dolore e di ribellione

"Sono al parchino alla Bacchettoni. Ho sentito un boato. Commovente. Un grido di dolore e di ribellione. Forza Lucca. Sempre". Ecco il messaggio che abbiamo ricevuto pochi minuti dopo la fine della gara palpitante contro la Pro Patria.