Detto tra noi

I veri protagonisti

domenica, 25 marzo 2018, 11:39

di fabrizio vincenti

Protagonisti assoluti. Non ci riferiamo alle trattative e agli scenari societari futuri della Lucchese. In queste settimane, a nostro avviso, a tenere banco è il comportamento dei tifosi rossoneri. Che ogni giorni di più sorprendono per maturità e amore verso la Pantera. Vedere gli oltre 400 a Pisa, i 200 di Carrara e Pontedera (contro il Prato) non stare zitti un attimo, dare vita a coreografie come da tempo non si ammiravano in trasferta, sono la migliore risposta a chi, anche di recente, ha provato in ogni modo a infangare una tifoseria che merita solo rispetto.

Questi ragazzi stanno crescendo giorno dopo giorno e, non a caso, anche i numeri mostrano il segno più: in curva, poco alla volta, stanno tornando o si stanno affacciando giovani e meno giovani. Segno che nonostante alcune vicissitudini, anche recenti, si riconosce a loro impegno, attaccamento e una decisa volontà di non lasciare sola la Lucchese. Qualcuno rosicherà e magari aspetterà l'ennesima puerile rivincita, scagliando un sasso e magari nascondendo pure la mano, per un coro, uno striscione, una cazzata di minima importanza. Moralisti in servizio effettivo permanente. A senso unico. 

A Pontedera, in una gara peraltro bruttina, i tifosi rossoneri non si sono zittiti un attimo. E a qualche solone che fa notare che da Prato non c'era nessuno, è persino troppo facile ricordare che è più difficile fare tifo in una chiesa che in un catino ribollente di tifosi avversari. La corsa spontanea e bellissima di Fanucchi verso il settore ospiti è uno dei fotogrammi da conservare di questa stagione in chiaro scuro. E ci fa piacere pensare che la vittoria è arrivata, in parte, anche per la forza che dagli spalti è stata gettata in campo ai giocatori che hanno creduto in questi tre punti fondamentali.

Come da conservare sono le immagini dell'incontro al Museo rossonero di oltre duecento persone con i possibili nuovi proprietari del club. Di lunedì sera il Museo era pieno come un uovo. A volte ce lo dimentichiamo: alla Lucchese vuole ancora bene tanta gente. Che nella circostanza ha dimostrato, ancora una volta, la differenza abissale che passa con altre piazze: tante domande, anche durissime, ma tanta civiltà e tantissima voglia di chiarezza. Lucca è questa, e c'è solo da menarne vanto. Come per Lucca United.

La cooperativa dei tifosi sta crescendo, dopo un momento di flessione, sta crescendo non tanto o non solo nei numeri, per quanto l'impresa della ricapitalizzazione sia stata clamorosa, sta crescendo nella consapevolezza del suo ruolo tra i tifosi. Lucca United, ora, sta unendo generazioni di tifosi, ognuno con il suo vissuto e la sua visione. E pazienza se qualche volta non si sarà d'accordo, è il bello della vita. Ma il suo ruolo di collante tra tutte le componenti è ogni giorno più fondamentale. Lo si è visto con la convocazione delle due assemblee, uno lo scorso anno quando fu firmato inopinatamente il contratto di cessione della Lucchese con i due avvocati pisani, lo si è visto con il confronto con il duo Grassini-Lucchesi. Il Museo è una stanza della casa di tutti noi. Bene non dimenticarlo. 


Altri articoli in Detto tra noi


venerdì, 11 gennaio 2019, 07:52

La Lucchese a bordo di un volo senza ritorno: ultima chiamata per il passeggero Arnaldo Moriconi

ll livello di confusione raggiunto dalla Lucchese in questi giorni è incredibile. La squadra, con un inevitabile senso di provvisorietà addosso, lenito dal calore dei tifosi, ha ripreso a allenarsi. Praticamente nessuno se ne è accorto. Le attenzioni di tutti, degli stessi giocatori, sono in primis rivolte al futuro societario.


sabato, 29 dicembre 2018, 11:39

La pazienza è finita

L'indecoroso spettacolo a cui i tifosi rossoneri, ancora una volta violentati nei sentimenti, si sono dovuti sorbire dalla sala stampa del Porta Elisa è probabilmente il punto più basso che la società ha raggiunto negli ultimi decenni, forse nella sua storia.



giovedì, 20 dicembre 2018, 18:02

Una presentazione fai-da-te

C'è un particolare che probabilmente non è sfuggito alla presentazione del nuovo direttore generale della Lucchese, Enrico Tommasi. E quel particolare è il tavolo della sala stampa del Porta Elisa desolatamente vuoto. Tommasi, in pratica, è dovuto ricorrere a una presentazione fai-da-te.


lunedì, 17 dicembre 2018, 07:45

Urge vittoria. Stop

Pisa. Siena. Pro Patria. Olbia. Novara. Pro Vercelli. Piacenza. La vittoria, in casa rossonera, manca ormai da otto turni, l'ultima è stata colta l'ormai lontano 4 novembre, in casa del Pro Piacenza e al termine di un entusiasmante trittico di successi.