Detto tra noi

Qual è il problema?

lunedì, 29 gennaio 2018, 07:35

di fabrizio vincenti

Se qualcuno si era illuso di vedere una nuova (vecchia) Lucchese dopo il pari gagliardo contro il Livorno, ha avuto modo di ricredersi puntualmente appena sei giorni dopo a Monza. In Brianza, i rossoneri non si sono fatti vedere, un po' come la nebbia che era annunciata da giorni, ma che ha rinunciato a presentarsi, almeno nelle ore del match.  La Lucchese è in crisi conclamata. Qualche numero per capirci: non vince dal 19 di novembre (oltre due mesi), ovvero da quando colse i tre punti, sul finire del match, contro l'Arzachena. Da allora sono arrivati due pari e cinque sconfitte. Un ruolino di marcia devastante. Da ultimo posto in classifica.

Ma a preoccupare non sono solo i risultati, è l'involuzione caratteriale della squadra che è alla base di prestazioni modeste, talvolta sconcertanti. Anche a Monza, oltre all'ennesima sagra dell'errore, si è vista una squadra moscia, fatta eccezione per i primi venti-venticinque minuti del secondo tempo,  che arriva spesso seconda sui palloni, che non punge, non morde. Che, tutt'al più, reagisce, come a Pontedera, dopo aver preso sonori ceffoni. Davvero una Lucchese incolore, e si fa fatica a non pensare a quanto dichiarato più volte da mister Lopez, ovvero che la squadra a volte sembra non recepire quanto preparato in settimana. Tutti sostengono che durante la preparazione settimanale i rossoneri danno vita a un buon lavoro, che però sembra liquefarsi la domenica.

Lopez, dopo Pontedera, dichiarò, in modo clamoroso, che qualche giocatore era meglio cambiasse aria se non aveva più gli stimoli. Alcuni se ne sono andati, altri, immaginiamo, lo faranno in questi giorni; ma il problema di fondo rimane. Vedere Fanucchi a trazione ridotta, quasi abulico, le punte girare a vuoto, e concludere una volta nello specchio della porta, il centrocampo timoroso, la difesa preda di amnesie puntuali fa pensare che i problemi siano tutt'altro che alle spalle. E ci chiediamo: qual è il problema? Non crediamo che questa squadra valga un ruolino di marcia da retrocessione. Eppure l'andazzo è imbarazzante. Si era parlato di una squadra stanca, a dicembre, che doveva ricaricare le pile. La sosta c'è stata, i risultati continuano a latitare. E le dichiarazioni di dover lavorare e compattarsi ancora di più, che tutti i protagonisti si affrettano a produrre al termine di ogni prestazione modesta, non bastano. Pesa la situazione societaria? C'è uno scollamento nello spogliatoio? Tutto il carattere mostrato sino a due mesi fa è evaporato? Ci sono ancora degli scontenti? Qual è il problema? 


Altri articoli in Detto tra noi


lunedì, 17 dicembre 2018, 07:45

Urge vittoria. Stop

Pisa. Siena. Pro Patria. Olbia. Novara. Pro Vercelli. Piacenza. La vittoria, in casa rossonera, manca ormai da otto turni, l'ultima è stata colta l'ormai lontano 4 novembre, in casa del Pro Piacenza e al termine di un entusiasmante trittico di successi.


martedì, 4 dicembre 2018, 18:16

La forza dei numeri

I numeri parlano chiaro. Si possono forzare, talvolta inquadrare nell'ottica che più conviene, stiracchiare di qui o di là, ma mantengono quasi intatta la loro la forza. Due più due, insomma, fa sempre quattro. Anche quando si parla di presenze allo stadio. I numeri aggiornati del Porta Elisa sono sconfortanti.



lunedì, 26 novembre 2018, 08:35

Guardare con ottimismo non è un esercizio di stile, quanto una necessità. Fino a prova contraria

Tre partite, un punto. Il ruolino è di quelli da sudori freddi, anche pensando al pesantissimo fardello di penalizzazioni che la Lucchese deve portare sulle proprie spalle. Il punto di Busto Arsizio, in verità, somiglia più a una sconfitta che a un pari, tanta era la possibilità per i rossoneri...


lunedì, 19 novembre 2018, 09:40

Ancora più al fianco della squadra

Due sconfitte al Porta Elisa nelle ultime due partite, francamente erano in pochi a prevederle. Forse nemmeno gli oracoli del pessimismo fatto stile di vita. Oltretutto i rossoneri, sino a questa doppia battuta di arresto, avevano perso una sola gara, la prima, e in modo un po' casuale.