Detto tra noi

Qual è il problema?

lunedì, 29 gennaio 2018, 07:35

di fabrizio vincenti

Se qualcuno si era illuso di vedere una nuova (vecchia) Lucchese dopo il pari gagliardo contro il Livorno, ha avuto modo di ricredersi puntualmente appena sei giorni dopo a Monza. In Brianza, i rossoneri non si sono fatti vedere, un po' come la nebbia che era annunciata da giorni, ma che ha rinunciato a presentarsi, almeno nelle ore del match.  La Lucchese è in crisi conclamata. Qualche numero per capirci: non vince dal 19 di novembre (oltre due mesi), ovvero da quando colse i tre punti, sul finire del match, contro l'Arzachena. Da allora sono arrivati due pari e cinque sconfitte. Un ruolino di marcia devastante. Da ultimo posto in classifica.

Ma a preoccupare non sono solo i risultati, è l'involuzione caratteriale della squadra che è alla base di prestazioni modeste, talvolta sconcertanti. Anche a Monza, oltre all'ennesima sagra dell'errore, si è vista una squadra moscia, fatta eccezione per i primi venti-venticinque minuti del secondo tempo,  che arriva spesso seconda sui palloni, che non punge, non morde. Che, tutt'al più, reagisce, come a Pontedera, dopo aver preso sonori ceffoni. Davvero una Lucchese incolore, e si fa fatica a non pensare a quanto dichiarato più volte da mister Lopez, ovvero che la squadra a volte sembra non recepire quanto preparato in settimana. Tutti sostengono che durante la preparazione settimanale i rossoneri danno vita a un buon lavoro, che però sembra liquefarsi la domenica.

Lopez, dopo Pontedera, dichiarò, in modo clamoroso, che qualche giocatore era meglio cambiasse aria se non aveva più gli stimoli. Alcuni se ne sono andati, altri, immaginiamo, lo faranno in questi giorni; ma il problema di fondo rimane. Vedere Fanucchi a trazione ridotta, quasi abulico, le punte girare a vuoto, e concludere una volta nello specchio della porta, il centrocampo timoroso, la difesa preda di amnesie puntuali fa pensare che i problemi siano tutt'altro che alle spalle. E ci chiediamo: qual è il problema? Non crediamo che questa squadra valga un ruolino di marcia da retrocessione. Eppure l'andazzo è imbarazzante. Si era parlato di una squadra stanca, a dicembre, che doveva ricaricare le pile. La sosta c'è stata, i risultati continuano a latitare. E le dichiarazioni di dover lavorare e compattarsi ancora di più, che tutti i protagonisti si affrettano a produrre al termine di ogni prestazione modesta, non bastano. Pesa la situazione societaria? C'è uno scollamento nello spogliatoio? Tutto il carattere mostrato sino a due mesi fa è evaporato? Ci sono ancora degli scontenti? Qual è il problema? 


Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 20 aprile 2019, 17:23

Buona Pasqua a tutti, meno uno

Verrebbe da scrivere e dire tanto. Verrebbe da tornare sulla vicenda della fideiussione, sulle assicurazioni che come dice qualcuno "uscivano dai muri", più prosaicamente da continui contatti telefonici che hanno contribuito a creare una realtà che non esisteva e che era anzi opposta.


giovedì, 11 aprile 2019, 16:15

E ora?

E ora? E' la domanda che rimbalza tra i tifosi rossoneri, di voce in voce. E ora che, in modo quasi casuale, Umberto Ottaviani, amministratratore a dir poco impalpabile della società, ha rivelato che la Lucchese tornerà in un'aula di tribunale, dalla quale, a vedere il gran numero di cause...



mercoledì, 3 aprile 2019, 19:20

Dal letame nascono i fior

Storditi. Quasi esausti dalle emozioni. Chi ha fatto parte di quel manipolo di pazzi che si sono recati a Olbia può capire. Tre punti importanti in Sardegna, in una terra, quella olbiese, che commuove per la disponibilità e l'affetto con cui accoglie ogni volta chi viene da Lucca .


domenica, 24 marzo 2019, 15:41

Un grido di dolore e di ribellione

"Sono al parchino alla Bacchettoni. Ho sentito un boato. Commovente. Un grido di dolore e di ribellione. Forza Lucca. Sempre". Ecco il messaggio che abbiamo ricevuto pochi minuti dopo la fine della gara palpitante contro la Pro Patria.