Detto tra noi

Per oggi, solo per oggi, forza Modena

martedì, 7 novembre 2017, 18:23

di fabrizio vincenti

Lo ricordiamo come in un pesce di aprile. Era, in effetti, il primo aprile del 1990 l'ultima volta che abbiamo visto dal vivo il Modena. La Lucchese si stava giocando la promozione in serie B, l'ultima ahinoi, visto che dopo sono seguiti solo pianti e stridori di denti, interrotti qua e là da qualche lampo di luce. "Proibito sbagliare", ammoniva Corrado Orrico, conducator sulla panchina rossonera. Vate. Padre. E padrone di quella Lucchese rimasta nel cuore di tutti. Il  primo aprile quella indimenticabie Lucchese affrontò i rivali di tutta la stagione. Quel Modena di Renzo Ulivieri, da mesi, ormai con il solito cappotto antisfiga. Quel Modena che vinse il campionato ma che pagò pegno al Porta Elisa, grazie a un rigore trasformato da Donatelli e contestato, pensate un po', dall'allenatore dei canarini, uno che a perdere non ci sta mai. Anche a costo di passare per superfazioso. Il Modena lo ricordiamo così. Vittorioso in campionato, e poi, anni dopo, anche in serie A a confrontarsi con gli squadroni. Ricordiamo il suo stadio, che tante volte abbiamo preso a modello, noi che di andarcene dal Porta Elisa, unico nome del nostro stadio, non abbiamo mai voluto saperne anche quando le sirene dell'impianto di San Donato ammaliavano tanti. 

Quello di Modena, rifatto, coperto, riedificato dove sorgeva il vecchio impianto, lo abbiamo visto sempre come lo stadio dei sogni, che unisce modernità e tradizione. Un biglietto da visita, il migiiore. Almeno per noi. Uno stadio che ha ospitato la Nazionale e partite della massima categoria, saperlo ora desoltamente chiuso ci fa prendere dallo sconforto. Che il Modena abbia chiuso i battenti nel modo più umiiante, con la cancellazione di quanto fatto anche in questo scorcio di campionato ci fa ribollire il sangue. E' frustrante. La realtà che si smaterializza, come se non fosse mai esistita. Partite cancellate. Sanzioni revocate. Contratti stracciati. Solo chi ama il calcio può capire cosa significhi una cancellazione del genere. Come fa male, malissimo, pensare all'Ancona che è ripartito dalla Prima categoria, dove non ci sono nemmeno gli assistenti dell'arbitro. E pensare che un anno fa o poco più in riva all'Adriatico ci giocavano i rossoneri.

Quasi a ricordarci che la vita, non solo per gli umani, è davvero transitoria. Un attimo, e puff. Via tutto. Poi, come sempre, qualcuno riprenderà la torcia della passione e la giostra tornerà a girare. Ma negli occhi ci arrrivano le immagini e negli orecchi le parole dei teatrini visti a Modena, così come a Lucca e in tutte le altre piazza violentate. E ci torna in mente la proposta di Gianfelice Facchetti: perché non dare vita a un albo di coloro che hanno fatto parte delle società fallite? Un registro dei protesti di chi ha violentato la passione dei tifosi. Magari sarebbe più semplice anche capire chi, in queste settimane, prova a avvicinarsi alla Lucchese. Nel frattempo, per oggi, e solo per oggi, forza Modena. Riparti!


Altri articoli in Detto tra noi


martedì, 16 ottobre 2018, 16:26

Prima arriva, meglio è

L'attesa, quella del condannato, non è mai piacevole. E la Lucchese, quanto a condanna degli organi federali per la vicenda delle scadenze non rispettate in sede di iscrizione estiva, è praticamente certa di subire una penalizzazione. Il quantum e il quando, però, non sono ancora chiari.


mercoledì, 3 ottobre 2018, 12:32

Dimenticanze

Dimenticare le cose, dicono gli scienziati, è sintomo di intelligenza. Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Glasgow, in Scozia, coloro che tendono a dimenticare sono più propensi anche ad imparare. E allora dobbiamo dire che il proprietario della Lucchese, Arnaldo Moriconi ha davvero un gran cervello.



lunedì, 24 settembre 2018, 17:32

Cosa vuole fare Moriconi?

E’ difficile, e persino sbagliato, tracciare un quadro del reale valore dei rossoneri dopo solo due giornate di un campionato che ha sempre più il sapore della farsa, tra rinvii, sentenze, appelli e reclami. Troppo pochi 180 minuti per farsi un'idea, o peggio, emettere sentenze.


mercoledì, 12 settembre 2018, 18:06

Si salvi chi può

E' davvero difficile avventurarsi in commenti sull'attuale momento del calcio italiano. La migliore fotografia, per comprendere la crisi conclamata, si è portati a pensare che sia la doppia, inguardabile, prestazione degli azzurri in Nations League. Con un allenatore, da anni su di una china calante, che cambia tutto o quasi...