Detto tra noi

Cessione, a Cesare quello che è di Cesare

giovedì, 26 ottobre 2017, 12:32

di fabrizio vincenti

In molti scommettono che Arnaldo Moriconi, uno che è azionista di maggioranza della Lucchese senza esserlo formalmente visto che detiene appena l'11 per cento delle quote, ha già venduto tutto. O c'è molto vicino. I tifosi ci chiedono conferme, si interrogano, si incazzano e si preoccupano che la china sia ancora una volta pericolosa. A tutti loro non siamo in condizione di rispondere se non per sensazioni, perché in tutta questa vicenda a dominare è, ancora una volta, il mistero. 

Da quando nel gennaio scorso la Lucchese ha iniziato a passare di mano, molti degli attuali protagonisti si sono riempiti la bocca di parole che facevano bene al cuore. Trasparenza. Lucchesità. Calcio a dimensioni umana. Amministratori tifosi. Un progetto calato nella città. La Lucchese ai lucchesi. E via dicendo. A distanza di qualche mese è giusto tirare le somme e dire che di tutto questo non rimane che un labile, scolorito e anche imbarazzante ricordo. 

L'attuale classe dirigente non ha saputo trovare un interlocutore cittadino, vuoi per limiti evidenti della città, vuoi, ma l'autocritica in via dello Stadio non è mai stata di casa, per errori commessi. Gli appelli lasciano il tempo che trovano: se gli attuali gestori non hanno trovato un socio da 10mila euro in otto mesi, qualche domanda, almeno sulla loro capacità di attrarre forze nuove, se la dovrebbero fare. Ma capiamo che sarebbe chiedere troppo, perché emergerebbe il totale fallimento di quanto ventilato a inizio anno. Più facile dare solo la colpa al mondo brutto e cattivo. E nel frattempo iniziare a vendere a chi passa da fuori. 

I nomi usciti da giugno in poi, prego ricordarsi anche dell'offerta di giugno che qualcuno ipotizza ancora in piedi, non hanno dato grandi garanzie. Ma soprattutto hanno chiarito una cosa: a decidere la vendita sarà un socio che ha l'11 per cento insieme ad altri due. Di più. La sensazione è che ogni tentativo messo in piedi da soggetti diversi debba finire in una strada senza uscita. E' successo, e temiamo risuccederà anche con il tentativo che il Comune sta portando avanti. Una sorta di tela di Penelope puntualmente smontata.

Il disegno appare chiaro: vendere a chi ha fatto offerte direttamente nelle mani del vero soggetto che decide e dispone. Ne ha pieno diritto essendo una società di diritto privato o, come gli stessi soci sottolineano quando battono cassa in Comune, la Lucchese è un qualcosa che finisce per interessare la città e sarebbe opportuno un maggiore coinvolgimento di essa?  Lui e gli altri soci che lo appoggeranno risponderanno alla città delle scelte che stanno maturando in questi giorni, forse in queste ore, nell'imbarazzato silenzio degli altri soci, eccezion fatta per Lucca United. Nel bene, ma anche nel male, qualora i fatti dimostrassero che la scelta è stata un azzardo o peggio. Resteranno le benemerenze per quello fatto ma anche gli eventuali errori. A Cesare quello che è di Cesare. Con un aggravante: che a sbagliare cavallo saranno state persone di Lucca. Mica un dettaglio. 

 


Altri articoli in Detto tra noi


martedì, 16 ottobre 2018, 16:26

Prima arriva, meglio è

L'attesa, quella del condannato, non è mai piacevole. E la Lucchese, quanto a condanna degli organi federali per la vicenda delle scadenze non rispettate in sede di iscrizione estiva, è praticamente certa di subire una penalizzazione. Il quantum e il quando, però, non sono ancora chiari.


mercoledì, 3 ottobre 2018, 12:32

Dimenticanze

Dimenticare le cose, dicono gli scienziati, è sintomo di intelligenza. Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Glasgow, in Scozia, coloro che tendono a dimenticare sono più propensi anche ad imparare. E allora dobbiamo dire che il proprietario della Lucchese, Arnaldo Moriconi ha davvero un gran cervello.



lunedì, 24 settembre 2018, 17:32

Cosa vuole fare Moriconi?

E’ difficile, e persino sbagliato, tracciare un quadro del reale valore dei rossoneri dopo solo due giornate di un campionato che ha sempre più il sapore della farsa, tra rinvii, sentenze, appelli e reclami. Troppo pochi 180 minuti per farsi un'idea, o peggio, emettere sentenze.


mercoledì, 12 settembre 2018, 18:06

Si salvi chi può

E' davvero difficile avventurarsi in commenti sull'attuale momento del calcio italiano. La migliore fotografia, per comprendere la crisi conclamata, si è portati a pensare che sia la doppia, inguardabile, prestazione degli azzurri in Nations League. Con un allenatore, da anni su di una china calante, che cambia tutto o quasi...