Detto tra noi

Comune, ancora una volta, se ci sei batti un colpo

lunedì, 4 settembre 2017, 13:20

di fabrizio vincenti

Era gennaio di quest'anno quando si consumò l'ennesimo rito da precampagna elettorale  con tanto di avviamento della macchina della comunicazione. Ancora conserviamo la foto sul desktop, a futura memoria. Al tavolo, con volti compunti, il sindaco di Lucca Tambellini, quello di Capannori Menesini, quello di Porcari Baccini e l'allora assessore allo Sport Marchini. Non intervennero, ma assicurando massima collaborazione per l'auspicato salvataggio della Pantera, i primi cittadini di Montecarlo e Altopascio. 

Sono passati quasi nove mesi. Ci chiediamo, e chiediamo ai diretti interessati, cosa si stato concretamente fatto per dare una mano alla Lucchese. Un'idea, noi, ce la siamo fatta: zero. O quasi. Non ci risulta che tramite uno qualunque dei sindaci della Piana siano entrati nuovi imprenditori locali nella Lucchese. Ci risultano solo delle telefonate e dei colloqui durante i quali, alcuni soggetti, avrebbero riferito al sindaco Tambellini che piuttosto che investire denaro nella Lucchese, avrebbero fatto beneficenza. 

Non ci risultano, per ora, nuove convenzioni che alleggeriscano le voci di costo della società rossonera, mentre da mesi si parla della gestione del parcheggio esterno dello stadio. Nel frattempo, almeno a Lucca, è cambiato l'assessore allo sport, ma la risposta pare la solita: "Gli uffici ci stanno lavorando". Mai messo in dubbio, ci mancherebbe. Il problema è che la Lucchese attende risposte e in assenza di queste, non ci giriamo intorno, tenetevi pure forte perché alla guida della società arriveranno personaggi da fuori, la cui affidabilità rischia di essere tutta da dimostrare.

Del resto, chi sta pagando e tirando avanti la società ha tutto il diritto, almeno in termini legali, di vendere a chi ritiene sia in grado di subentrare e di farlo rientrare dei crediti vantati. Quello che appare chiaro è che da qui a poche settimane la Lucchese deve arrivare a un punto di svolta, l'attuale compagine, e alcuni soci lo dicono a mezza bocca, nessuno per ora chiaramente, abbisogna di nuovi ingressi per continuare il percorso di risanamento avviato. Chi si farà avanti, però, è tutto da capire, e ci accontenteremmo che non si trattasse dei soliti soggetti che razzolano da una società a un'altra. Da questo punto di vista, i soci lucchesi hanno l'obbligo morale di impedire ingressi di personaggi che rappresentano un'incognita. Lo hanno verso loro stessi per quanto hanno fatto, lo hanno verso tutta la città. e a essa ne risponderanno. 

Verso la città avrebbe qualche obbligo morale anche l'amministrazione comunale, pardon le amministrazioni comunali, sempre pronte a sparare quattro cazzate davanti a un microfono o a esibire sorrisi plastici in faccia alle telecamere. Capiamo perfettamente che il calcio è uno sport di popolo e questi governanti sinistri, salvo rare eccezioni in cui inseriamo con piacere l'ex assessore Marchini, con il popolo hanno rotto da tempo; capiamo perfettamente che a loro di chi va allo stadio importa zero o quasi, visto che zero o quasi, per fortuna, è il consenso che mietonoda quelle parti, ma abbiamo la memoria lunga. E non gli daremo tregua se i soggetti istituzionali, così attivi quando ci sono da curare interessi anche di pochi soggetti, ma a loro vicini, non faranno ogni sforzo per dare una mano alla Lucchese. Uomini avvisati. 


planet win 365 lucca


#viasangiorgio21


calendario rossonero 2017


Panda


Altri articoli in Detto tra noi


giovedì, 11 gennaio 2018, 18:43

Qualche domanda...

La Lucchese, al netto di alcuni comunicati stampa tranquillizzanti e al netto delle ormai classiche dichiarazioni dell'amministratore unico Carlo Bini – quello che doveva reggere le sorti del club per un arco modesto di tempo e che invece, forse su consiglio del proprio cane bassotto, è alla guida praticamente da...


giovedì, 28 dicembre 2017, 13:22

Carlo Bini: dimissioni, perché no?

Non sappiamo se il cane bassotto di Carlo Bini oltre che, come tutti gli animali, offrire amore e calore, è in grado di consigliare al meglio il suo padrone sulle scelte da fare quando si parla di Lucchese.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px



martedì, 19 dicembre 2017, 10:12

Moriconi non metta in mezzo la Lucchese in nome di altri business

Dante Alighieri, che a Lucca soggiornò e che sui lucchesi ebbe parole non certo tenere, potrebbe trarre nuovi spunti dalla penose vicende della squadra cittadina. E soprattutto arricchire di nuovi personaggi il suo già popolato Inferno. A partire, in realtà, dall'Antinferno, dove il divino poeta, pone gli ignavi.


domenica, 10 dicembre 2017, 08:53

Scommettiamo che...

La settimana che va cominciando potrebbe essere quella decisiva per l'assetto proprietario della Lucchese. Nei prossimi giorni è previsto un nuovo incontro tra i vertici della società rossonera in Comune; stavolta, pare, alla presenza di qualche imprenditore del territorio, o almeno di un loro rappresentante.