Detto tra noi

Comune, ancora una volta, se ci sei batti un colpo

lunedì, 4 settembre 2017, 13:20

di fabrizio vincenti

Era gennaio di quest'anno quando si consumò l'ennesimo rito da precampagna elettorale  con tanto di avviamento della macchina della comunicazione. Ancora conserviamo la foto sul desktop, a futura memoria. Al tavolo, con volti compunti, il sindaco di Lucca Tambellini, quello di Capannori Menesini, quello di Porcari Baccini e l'allora assessore allo Sport Marchini. Non intervennero, ma assicurando massima collaborazione per l'auspicato salvataggio della Pantera, i primi cittadini di Montecarlo e Altopascio. 

Sono passati quasi nove mesi. Ci chiediamo, e chiediamo ai diretti interessati, cosa si stato concretamente fatto per dare una mano alla Lucchese. Un'idea, noi, ce la siamo fatta: zero. O quasi. Non ci risulta che tramite uno qualunque dei sindaci della Piana siano entrati nuovi imprenditori locali nella Lucchese. Ci risultano solo delle telefonate e dei colloqui durante i quali, alcuni soggetti, avrebbero riferito al sindaco Tambellini che piuttosto che investire denaro nella Lucchese, avrebbero fatto beneficenza. 

Non ci risultano, per ora, nuove convenzioni che alleggeriscano le voci di costo della società rossonera, mentre da mesi si parla della gestione del parcheggio esterno dello stadio. Nel frattempo, almeno a Lucca, è cambiato l'assessore allo sport, ma la risposta pare la solita: "Gli uffici ci stanno lavorando". Mai messo in dubbio, ci mancherebbe. Il problema è che la Lucchese attende risposte e in assenza di queste, non ci giriamo intorno, tenetevi pure forte perché alla guida della società arriveranno personaggi da fuori, la cui affidabilità rischia di essere tutta da dimostrare.

Del resto, chi sta pagando e tirando avanti la società ha tutto il diritto, almeno in termini legali, di vendere a chi ritiene sia in grado di subentrare e di farlo rientrare dei crediti vantati. Quello che appare chiaro è che da qui a poche settimane la Lucchese deve arrivare a un punto di svolta, l'attuale compagine, e alcuni soci lo dicono a mezza bocca, nessuno per ora chiaramente, abbisogna di nuovi ingressi per continuare il percorso di risanamento avviato. Chi si farà avanti, però, è tutto da capire, e ci accontenteremmo che non si trattasse dei soliti soggetti che razzolano da una società a un'altra. Da questo punto di vista, i soci lucchesi hanno l'obbligo morale di impedire ingressi di personaggi che rappresentano un'incognita. Lo hanno verso loro stessi per quanto hanno fatto, lo hanno verso tutta la città. e a essa ne risponderanno. 

Verso la città avrebbe qualche obbligo morale anche l'amministrazione comunale, pardon le amministrazioni comunali, sempre pronte a sparare quattro cazzate davanti a un microfono o a esibire sorrisi plastici in faccia alle telecamere. Capiamo perfettamente che il calcio è uno sport di popolo e questi governanti sinistri, salvo rare eccezioni in cui inseriamo con piacere l'ex assessore Marchini, con il popolo hanno rotto da tempo; capiamo perfettamente che a loro di chi va allo stadio importa zero o quasi, visto che zero o quasi, per fortuna, è il consenso che mietonoda quelle parti, ma abbiamo la memoria lunga. E non gli daremo tregua se i soggetti istituzionali, così attivi quando ci sono da curare interessi anche di pochi soggetti, ma a loro vicini, non faranno ogni sforzo per dare una mano alla Lucchese. Uomini avvisati. 


Altri articoli in Detto tra noi


sabato, 20 ottobre 2018, 18:28

Abbasso la Juventus B

Niente di personale, chiariamolo. Non abbiamo mai simpatizzato per la Juventus, siamo allergici a chi vince sempre o quasi, ma rispettiamo la tradizione di un club che è un vanto per tutta Italia, piaccia o meno. Ma l'idea di far partecipare al campionato di terza serie le succursali delle formazioni...


martedì, 16 ottobre 2018, 16:26

Prima arriva, meglio è

L'attesa, quella del condannato, non è mai piacevole. E la Lucchese, quanto a condanna degli organi federali per la vicenda delle scadenze non rispettate in sede di iscrizione estiva, è praticamente certa di subire una penalizzazione. Il quantum e il quando, però, non sono ancora chiari.



mercoledì, 3 ottobre 2018, 12:32

Dimenticanze

Dimenticare le cose, dicono gli scienziati, è sintomo di intelligenza. Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Glasgow, in Scozia, coloro che tendono a dimenticare sono più propensi anche ad imparare. E allora dobbiamo dire che il proprietario della Lucchese, Arnaldo Moriconi ha davvero un gran cervello.


lunedì, 24 settembre 2018, 17:32

Cosa vuole fare Moriconi?

E’ difficile, e persino sbagliato, tracciare un quadro del reale valore dei rossoneri dopo solo due giornate di un campionato che ha sempre più il sapore della farsa, tra rinvii, sentenze, appelli e reclami. Troppo pochi 180 minuti per farsi un'idea, o peggio, emettere sentenze.